Russi, 05.09.1944

(Ravenna - Emilia-Romagna)

Russi, 05.09.1944

Russi, 05.09.1944
Descrizione

Località Russi, Russi, Ravenna, Emilia-Romagna

Data 5 settembre 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 4

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: In settembre vengono uccisi oltre 70 tedeschi in 35 attentati eseguiti perlopiù nell’area montana in cui operava la 36ª brigata «Bianconcini». Il dimezzamento dei nazisti uccisi rispetto al mantenimento del numero di azioni del mese di agosto è dovuto anche ad un mutamento di obiettivi. Il movimento partigiano inizia a colpire i presidi nazisti più distanti dalle vie di comunicazione e spesso si limita a disarmare i soldati tedeschi. È probabile che si cerchi di limitare la reazione nazista sulla popolazione. Nonostante gli accorgimenti dei partigiani ravennati le vittime civili salgono a 74 di cui 56 uccise in 13 stragi e 18 in omicidi. Se si considera il rapporto numerico indicato per le esecuzioni di rappresaglie, si osserva che nel mese di settembre non viene rispettato. Se è vero che i nazisti scelgono di attuare le strategie del terrore laddove risulterebbero più efficaci, ovvero in contesti urbani o in località di pianura in cui le comunità contadine sono più attive, è altresì vero che il sistema repressivo viene applicato con un rigore altamente variabile. I tedeschi, dal mese di luglio, si appoggiano sempre di più alle BN per la selezione delle vittime e ciò lascia ampi margini di manovra per l'attuazione di vendette personali e l'estorsione di denaro. La strage di Russi si inserisce in questo scenario.

In un telegramma del 17 settembre 1944 il capo della provincia Grazioli annuncia:

«5 settembre a Russi il comando germanico a seguito dell’uccisione di un militare germanico avvenuta la sera precedente ad opera di sconosciuti faceva fucilare Bulgarelli Artidoro del 1886, Casadio Menotti del 1920, Grassi Amedeo del 1896, Morelli Giuseppe del 1897 e Patrignani Giuseppe del 1897 tutti del luogo».

Il partigiano Ambrosio, responsabile della zona 7, invia il 5 settembre al suo comando militare un rapporto in cui conferma il collegamento tra l’uccisione del soldato tedesco e la rappresaglia del giorno successivo.

In realtà le dinamiche che portano all’uccisione di tutti e cinque gli uomini non sono così lineari.
A morire sono Bulgarelli, Casadio, Grassi, Morelli e Patrignani ma fino a poche ore prima dell’episodio né il numero né l’identità delle vittime designate è ancora decisa.

Dopo l’uccisione del soldato tedesco menzionata da Grazioli, i suoi camerati, a scopo di rappresaglia, procedono a caso, alla cattura di cinque persone fra cui Casadio Menotti e Morelli Giuseppe. Condottele alla sede del presidio della GNR locale, ha qui luogo un incontro tra un ufficiale tedesco, Monti Secondo, componente della brigata nera di Ravenna e commissario prefettizio di Russi e Naldoni Giuseppe, addetto all’attività di investigazione e propaganda. Durante il colloquio sono consegnati all’ufficiale tedesco gli esemplari d’ufficio delle carte d’identità di alcune persone. Su indicazione dei fascisti l’ufficiale accetta di inviare alcuni suoi soldati, accompagnati da militi della GNR, alla cattura di Patrignani Giuseppe, Bulgarelli Artidoro, tenente colonnello in pensione, «mutilato e direttore di tutti i mutilati d’Italia» dai noti sentimenti antifascisti e Grassi Amedeo, amministratore della ditta Rambaldi Pietro Augusto, industriale in laterizi sospettato di favoreggiamento verso l’organizzazione partigiana.

Dopo il loro arresto, l’ufficiale tedesco ha un secondo colloquio con il comandante del presidio, Cornacchia che lo convince a limitare la rappresaglia alla fucilazione di solo due persone. L’ufficiale richiede il benestare del comando di piazza di Ravenna che accetta la scarcerazione di tre degli ostaggi. I cinque catturati sono separati: Patrignani e Grassi da una parte, Bulgarelli, Casadio e Morelli dall’altra. Immediatamente è disposta la pubblicazione di un manifesto che annunci alla popolazione la fucilazione per rappresaglia di due persone. Il manifesto va in stampa ma poco prima dell’esecuzione l’ufficiale tedesco riceve nuove disposizioni da Ravenna che gli impongono di estendere la rappresaglia a cinque persone e di fucilarle sul luogo dell’uccisione del soldato.

Accade così che il 5 settembre tutti e cinque gli arrestati sono fucilati, in via Violetta da un reparto militare tedesco.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: La fonte ANPI data la strage al 4 settembre 1944 e ciò spiega perché nello schedario ANPI dei caduti sia indicato tale giorno come data di cessazione del servizio.

Scheda compilata da Enrica Cavina
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-06 15:32:46

Vittime

Elenco vittime

1. Bulgarelli Artidoro, nato il 15/01/1888 a Russi, colonnello dell\'esercito, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944.
2. Casadio Menotti, nato il 6/06/1920 a Ravenna, operaio, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944.
3. Grassi Amedeo, nato il 25/06/1898 (1896?) a Casena, artigiano, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944.
4. Morelli Giuseppe, nato il 3/01/1897 a Bagnacavallo, operaio, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944.
5. Patrignani Giuseppe, nato il 30/09/1897 a Russi, impiegato, risulta partigiano volontario nella 28ª Brigata Garibaldi dal 15/06/1944.

Elenco vittime partigiani 5

Bulgarelli Artidoro,
Casadio Menotti,
Grassi Amedeo,
Morelli Giuseppe,
Patrignani Giuseppe

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR, distaccamento di Russi

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Brigata nera reparto imprecisato

Tipo di reparto: Brigata Nera

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Giuseppe Naldoni

    Nome Giuseppe

    Cognome Naldoni

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Naldoni Giuseppe, imputato di aver contribuito alla fucilazione di cinque persone, effettuata in Russi col concorso dei tedeschi, per rappresaglia, è condannato alla reclusione per dieci anni con sentenza del 10/01/1946. La Corte di Cassazione con sent. 31/10/46 dichiara estinto il reato per amnistia ed annulla senza rinvio la sentenza.

    Note procedimento Tribunale di Ravenna - Corte d\'Assise straordinaria fino alla sentenza del 15 gennaio 1946 e Sezione speciale della Corte d\'Assise dalla sentenza del 17 gennaio 1946.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a via Martiri, Russi

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: via Martiri, Russi

    Descrizione: Cippo in memoria dei cinque uomini, posto in via Martiri, incrocio con via Brunette a Russi.

  • lapide a via Faentina, Godo

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: via Faentina, Godo

    Descrizione: Lapide dedicata a Casadio Menotti, posta sulla facciata del circolo repubblicano, in via Faentina a Godo.

Bibliografia


ANPI di Ravenna (a cura di) Eccidi e stragi nazi-fasciste in Provincia di Ravenna.

L. Casali, Diario dell'attività partigiana nel Ravennate dal luglio 1943 alla Liberazione del capoluogo in "La Resistenza in Emilia-Romagna. Numero unico della Deputazione Emilia-Romagna per la Storia della Resistenza e del movimento di Liberazione", Imola, Stabilimento Galeati, 1966, p. 69.

L. Bergonzini, La lotta armata in “L’Emilia Romagna nella guerra di liberazione” a cura di Deputazione Emilia Romagna per la storia della resistenza e della guerra di liberazione, De Donato Editore, Bari, 1975, p. 73.

G. Casadio La memoria della Resistenza nelle iscrizioni dei cippi, lapidi e monumenti della provincia di Ravenna, Longo Editore, Ravenna, 1995, vol. 2, pp. 225, 237.

E. Cavina, Crimini di guerra e violenza nazifascista nella provincia di Ravenna tra l'8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945, tesi di dottorato di ricerca in Storia e Informatica - XVI Ciclo, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, a.a. 2003-2004, prima parte p. 88, seconda parte p. 54.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ACS, MI, GRSI, DRPS, DAG, AG, CP, RSI A/R, b. 10, fasc. 45, s. fasc. Ravenna 1944, telegramma del 17 settembre 1944 del capo della provincia, Grazioli.

ISRRA, 28° BG, b. XXXVIII, fasc. i, f. 7, relazione del 5 settembre 1944 di Ambrosio; f. 19, relazione del 16 settembre 1944 di Ambrosio.

ATRA, Sentenze Csa e Ca Sez. Speciale 1945-1947, sent. 10/01/46 n. 4 a carico di Naldoni Giuseppe; sent. 29/05/46 n. 98 a carico di Monti Secondo.

AANPIRA, schedario dei caduti della provincia di Ravenna.