Treviso, 5.8.1944/3.10.1944

(Treviso - Veneto)

Treviso, 5.8.1944/3.10.1944

Treviso, 5.8.1944/3.10.1944
Descrizione

Località Treviso, Treviso, Treviso, Veneto

Data 5 agosto 1944 - 3 ottobre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Il comandante del 29° Comando Militare Provinciale (CMP) colonnello Giorgio Milazzo era stato ferito al dito di una mano in un agguato tesogli a Susegana il mattino del 3 agosto. Il giorno stesso, nel corso delle ricerche degli attentatori, a Falzè di Piave era stato ucciso il partigiano De Boni; il 4 agosto le BBNN a Ron di Valdobbiadene avevano ammazzato i partigiani Forbice e Piccolo; il 4 agosto a Conegliano erano stati processati sommariamente da un Tribunale Militare Straordinario e passati per le armi i partigiani Camillo, Lazzarin, Petrovich e Pozzi.
Lo spirito di vendetta di Milazzo, però, non si era ancora placato tanto che il 5 agosto egli convocò nuovamente un Tribunale Militare Straordinario, stavolta a Treviso, per giudicare Boschiero e Brunelli, catturati il giorno precedente sulle montagne sovrastanti Valdobbiadene. Il processo si svolse a porte chiuse presso la Sezione Penale del Tribunale locale, in Piazza Duomo, e si concluse con la prevedibile condanna a morte di entrambi. All’ultimo momento l’esecuzione fu sospesa per ordine dei tedeschi in vista di uno scambio di prigionieri, che però non ebbe luogo; Milazzo, dopo avere invano tentato ripetutamente di disporre a suo piacimento dei detenuti, il 30 settembre fu trasferito presso il 103° Comando Militare Regionale di Padova (nell’aprile 1945 avrebbe assunto il comando della Divisione ‘Monterosa’). Il 3 ottobre, comunque, Boschiero e Brunelli furono fucilati.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri.
La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

Annotazioni: Per una visione generale delle rappresaglie seguite all’attentato di Milazzo si fa rinvio alle seguenti schede: 3 agosto 1944 (Uccisione a Falzé di Piave); 4 agosto 1944 (Rastrellamento a Valdobbiadene); 4 agosto 1944 (Tribunale Militare Straordinario a Conegliano).

Scheda compilata da Federico Maistrello
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-25 16:59:55

Vittime

Elenco vittime

1. Boschiero Luigi, classe 1924, di Valdobbiadene, falegname, Brigata ‘Mazzini’;
2. Brunelli Antonio, classe 1923, di Valdobbiadene, fuochista, Brigata ‘Mazzini’.

Elenco vittime partigiani 2

1. Boschiero Luigi, classe 1924, di Valdobbiadene, falegname, Brigata ‘Mazzini’;
2. Brunelli Antonio, classe 1923, di Valdobbiadene, fuochista, Brigata ‘Mazzini’.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio Crivellari

    Nome Antonio

    Cognome Crivellari

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Capitano Crivellari Antonio, classe 1906, di Trieste, avvocato nella vita civile, Pubblico Ministero.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Francesco Periillo

    Nome Francesco

    Cognome Periillo

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Tenente, Cancelliere.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Giorgio Milazzo

    Nome Giorgio

    Cognome Milazzo

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Colonnello di fanteria alpina Milazzo Giorgio, classe 1893, di Nizza, responsabile del 29° CMP di Treviso.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Italo Colonnese

    Nome Italo

    Cognome Colonnese

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Maggiore Colonnese Italo, classe 1899, di Treviso, giudice.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Leonardo Alestra

    Nome Leonardo

    Cognome Alestra

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Capitano Alestra Leonardo, classe 1905, di Erice (NA), avvocato nella vita civile, giudice relatore.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Pasquale Cariello

    Nome Pasquale

    Cognome Cariello

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Ten. Col. Cariello Pasquale, classe 1894, di Bitonto, giudice.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Pasquale Volzone

    Nome Pasquale

    Cognome Volzone

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Ten. Col. Volzone Pasquale, classe 1895, di Salerno, responsabile del 29° Comando Deposito Misto di Istrana (TV), in veste di Presidente.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

  • Vittorio Lazzarato

    Nome Vittorio

    Cognome Lazzarato

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Maggiore Lazzarato Vittorio, classe 1890, di Musestre (VE), giudice.

    Note procedimento CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri. La CAS di Treviso nel 1946 condannò Milazzo a 15 anni di reclusione di cui 5 subito condonati, Volzone (il Presidente) a 10 anni, i restanti membri della Corte furono tutti amnistiati.

Memorie
Bibliografia


Federico Maistrello, XX Brigata Nera - attività squadrista in Treviso e provincia (luglio 1944/ aprile 1945), Istresco, Treviso, 2006, pp. 91-94;

Elio Fregonese, I caduti trevigiani nella guerra di Liberazione 1943-1945, Istresco, Treviso, 1993, pp. 41, 46.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CAS di Treviso, sentenza n.60/46 del 29.8.1946 - R.G. 51/1946 - R.G.P.M. n.1450/45, a carico di Milazzo Giorgio e altri;

Aistresco TV, Fondo 2 (RSI), b. 4, fasc. Ordini di servizio vari’, circolare di commiato inviata dal colonnello Milazzo ai suoi dipendenti di Treviso in data 30.09.1944;

Aistresco TV, Fondo ‘Dalla Costa’, coll.provv., lettera inviata il 5 ottobre 1945 da monsignor Giulio Stocco ai genitori di Boschiero e Brunelli per comunicare l’avvenuta fucilazione.