Treviso, 1.3.1945

(Treviso - Veneto)

Treviso, 1.3.1945

Treviso, 1.3.1945
Descrizione

Località Quartiere Fiera, Treviso, Treviso, Veneto

Data 1 marzo 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: La sera del 1° marzo 1945, su segnalazione del delatore Italo Billio le BBNN rastrellarono il Quartiere di Fiera (Treviso) notoriamente abitato da famiglie antifasciste, arrestando molti giovani renitenti che furono costretti ad arruolarsi nei Corpi fascisti; Elio Fregonese e Antonio Zanin, sorpresi in casa, furono sottoposti per due ore a una feroce bastonatura finendo poi incarcerati nella caserma BN dell’ex collegio Pio X.
Uno dei catturati fece il nome di Giuliato dichiarando che possedeva una pistola. Gli squadristi andarono a verificare e, rinvenuta l’arma, portarono ‘Naso’ a Fiera facendolo camminare a frustate; da lì lo caricarono su una bicicletta spingendolo a colpi di bastone verso le campagne di Silea e fratturandogli un braccio; quando l’uomo, sfinito, cadde a terra lo picchiarono per farlo rialzare e non ottenendo risultati lo freddarono con una scarica di mitra.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: CAS Treviso, sentenza n.19/45 del 4.7.1945 - R.G.26/45 - R.G.P.M. 223-224-409/45, a carico di Brevinelli (‘Lince’) e altri ;
Brevinelli (‘Lince’), condannato a morte dalla CAS di Treviso nel luglio 1945, venne fucilato al poligono di tiro di Maserada il 13 febbraio 1946.

Annotazioni: Per giustificare il brutale omicidio, l’Ufficio Addestramento e Operazioni della XX BN definì Giuliato “un delinquente pericoloso e abituale”, sintetizzando l’accaduto come segue: “Interrogato, questi confessava di convivere con i ribelli e di avere altre armi, che vennero trovate. Considerati i suoi precedenti e il fatto di essere armato, Giuliato veniva passato per le armi sul posto. La popolazione ha appreso con piacere la fine di questo delinquente abituale, poiché si sentiva continuamente minacciata, e ha elogiato la BN per quest’opera di epurazione”.

Scheda compilata da Federico Maistrello
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-05 23:46:40

Vittime

Elenco vittime

Giuliato Giovanni detto ‘Naso’

Elenco vittime civili 1

Giuliato Giovanni detto ‘Naso’

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Giorgio Brevinelli

    Nome Giorgio

    Cognome Brevinelli

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Tenente BN Brevinelli Giorgio (‘Lince’), classe 1925, di Reggio Emilia, comandante del rastrellamento.

    Note procedimento CAS Treviso, sentenza n.19/45 del 4.7.1945 - R.G.26/45 - R.G.P.M. 223-224-409/45, a carico di Brevinelli (‘Lince’) e altri ; Brevinelli (‘Lince’), condannato a morte dalla CAS di Treviso nel luglio 1945, venne fucilato al poligono di tiro di Maserada il 13 febbraio 1946.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 20. Brigata nera “Amerino Cavallin” di Treviso

Memorie
Bibliografia


Federico Maistrello, XX Brigata Nera - attività squadrista in Treviso e provincia (luglio 1944/ aprile 1945), Istresco, Treviso, 2006, p. 165.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CAS Treviso, sentenza n.19/45 del 4.7.1945 - R.G.26/45 - R.G.P.M. 223-224-409/45, a carico di Brevinelli (‘Lince’) e altri, e relativa istruttoria.
Aistresco TV, Fondo 2 (RSI), b.1, fasc. ‘Relazioni’, sfasc. ‘Rapporti BN’, relazione su operazioni 1 e 3 marzo 1945 redatto dal Comando BN di Treviso con prot. n. 03/327.