Santa Cristina di Quinto, 1.11.1944

(Treviso - Veneto)

Santa Cristina di Quinto, 1.11.1944

Santa Cristina di Quinto, 1.11.1944
Descrizione

Località Santa Cristina di Quinto, Quinto di Treviso, Treviso, Veneto

Data 1 novembre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: I sabotaggi alla linea ferroviaria Treviso - Padova nei pressi di Quinto e della frazione di Santa Cristina furono tre. Il primo si verificò il 7 agosto 1944, danneggiando un lungo ponte in ferro sul fiume Sile; per risposta i nazifascisti minacciarono la popolazione e diedero alle fiamme i carri di due carovane di zingari accampate a Santa Cristina.
Il secondo avvenne ai primi di settembre e le Autorità comunali, per evitare la reazione fascista, si impegnarono a prevenire le azioni dei ‘ribelli’ predisponendo dei turni di sorveglianza con dei gruppi di civili.
Il terzo attentato avvenne il 1° novembre e quella volta gli squadristi invasero il paese sparando in aria, minacciando di morte gli abitanti e costringendo il parroco a esprimere il proprio rammarico per l’accaduto ai fedeli riuniti in chiesa per la festa di Ognissanti. Nel corso del rastrellamento, esteso a tutto il territorio del Comune, grazie a una spia essi sorpresero in un fienile Comiotto e Pinna portandoli a Santa Cristina. Comiotto fu bastonato a sangue: gli enuclearono un occhio e gli spezzarono le ossa, infine lo abbatterono con raffiche di mitra nei pressi del cimitero locale. Pinna, invece, fu fatto sostare davanti alla chiesa del paese e fu passato per le armi senza neppure consentirgli di ricevere il conforto religioso.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: CAS Udine, sentenza n. 125 del 17 dicembre 1946 a carico di Valent Alfredo, Federale di Treviso e di ufficiali e militi della XX Brigata Nera, relativa istruttoria; verbale di dibattimento, deposizione di Albino Trois in data 4 dicembre 1946.
CAS Treviso, sentenza n.19/45 del 4.7.1945 - R.G.26/45 - R.G.P.M. 223-224-409/45, a carico di Brevinelli (‘Lince’) e altri, e relativa istruttoria.
Gerardi Bruno (‘Barba’) fu condannato a morte dalla CAS di Treviso nel luglio 1945 ma decedetti in carcere per setticemia.

Scheda compilata da Federico Maistrello
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-05 18:31:17

Vittime

Elenco vittime

1. Comiotto Gino (‘Lepre), classe 1922, di Premaor di Miane, bracciante, Brigata ‘Mazzini’;
2. Pinna Antonio (‘Costante’), di Osilo (SS), ex carabiniere, Brigata ‘Mazzini’.

Elenco vittime partigiani 2

1. Comiotto Gino (‘Lepre), classe 1922, di Premaor di Miane, bracciante, Brigata ‘Mazzini’;
2. Pinna Antonio (‘Costante’), di Osilo (SS), ex carabiniere, Brigata ‘Mazzini’.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Emanuele Gerardi

    Nome Emanuele

    Cognome Gerardi

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Capitano BN Gerardi Emanuele (‘Barba’), classe 1910, di Pasiano di Pordenone.

    Note procedimento CAS Udine, sentenza n. 125 del 17 dicembre 1946 a carico di Valent Alfredo, Federale di Treviso e di ufficiali e militi della XX Brigata Nera, relativa istruttoria; verbale di dibattimento, deposizione di Albino Trois in data 4 dicembre 1946. CAS Treviso, sentenza n.19/45 del 4.7.1945 - R.G.26/45 - R.G.P.M. 223-224-409/45, a carico di Brevinelli (‘Lince’) e altri, e relativa istruttoria. Gerardi Emanuele (‘Barba’) fu condannato a morte dalla CAS di Treviso nel luglio 1945 ma decedetti in carcere per setticemia.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 20. Brigata nera “Amerino Cavallin” di Treviso

  • Massimo Cappellin

    Nome Massimo

    Cognome Cappellin

    Note responsabile Capitano BN Cappellin Massimo, classe 1917, di Pasiano, Aiutante Maggiore del Federale Valent. Fucilato dai partigiani a fine guerra, mentre cercava di rientrare a casa.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 20. Brigata nera “Amerino Cavallin” di Treviso

Memorie
Bibliografia


Lino Masin. La lotta di liberazione nel Quartier del Piave e la Brigata Mazzini 1943 – 1945, ANPI, Treviso, 1989, pp. 132-133;
Federico Maistrello, XX Brigata Nera - attività squadrista in Treviso e provincia (luglio 1944/ aprile 1945), Istresco, Treviso, 2006, pp. 120-121.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CAS Udine, sentenza n. 125 del 17 dicembre 1946 a carico di Valent Alfredo, Federale di Treviso e di ufficiali e militi della XX Brigata Nera, relativa istruttoria; verbale di dibattimento, deposizione di Albino Trois in data 4 dicembre 1946.
CAS Treviso, sentenza n.19/45 del 4.7.1945 - R.G.26/45 - R.G.P.M. 223-224-409/45, a carico di Brevinelli (‘Lince’) e altri, e relativa istruttoria.

Aistresco Treviso, Fondo 3 (Resistenza), b.11, fasc. “Relazioni parroci”, appunti di cronistoria della Parrocchia di Santa Cristina di Quinto nel periodo bellico 1939-1945.