Cannuccia, Jesi, 26.04.1944

(Ancona - Marche)

Cannuccia, Jesi, 26.04.1944

Cannuccia, Jesi, 26.04.1944
Descrizione

Località Cannuccia, Jesi, Ancona, Marche

Data 26 aprile 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 3

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Il 26 aprile 1944, lo stesso giorno in cui in località Piandelmedico venne ucciso il giovane Umberto Carletti, sempre nella città di Jesi si verificò un altro episodio di violenza, rimasto vivo nella memoria cittadina. Il giorno precedente, nel corso di un rastrellamento furono prelevati dalle loro case, nella vicina Filottrano cinque membri di due famiglie, rei di possedere e aver nascosto nelle proprie abitazioni alcuni fucili da caccia: i tre congiunti Nazzareno, Mario e Cesare Carbonari, e Domenico e Luigi Nicoletti. Condotti in contrada Cannuccia di Jesi, dove trascorsero la notte, presso la colonia Pellegrini, la mattina successiva furono uccisi a colpi di mitra vicino a un fossato dove venne poi eretta una stele in loro ricordo.
I loro corpi furono seppelliti dopo molte ore, grazie al deciso intervento del parroco don Ezio.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: In Voce Adriatica (Ancona, 13/08/1946) si afferma che nell’agosto del 1946 l’ufficio politico della Questura di Roma arrestò Giuseppe Pedri, romano, “imputato di omicidi aggravati per avere, in correità di altri cinque delinquenti, a Torre di Jesi, nell’aprile 1944, fucilato i fratelli Domenico e Luigi Nicoletti e Nazzareno, Manlio e Cesare Carbonari, commettendo il fatto con brutale malvagità e profittando delle circostanze che per causa di guerra impedivano la pubblica e privata difesa”. L’interessato era imputato anche di “collaborazione col tedesco invasore, favorendo i piani politici e militari di esso e portando le armi contro lo Stato”.

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-07-05 16:23:26

Vittime

Elenco vittime

Carbonari Nazzareno, n. il 06/05/1900 a Filottrano, figlio di Pietro e Papa Annunziata, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 23/07/1946 a Macerata.
Carbonari Mario, n. il 18/09/1926 a Filottrano, figlio di Enrico e Freddi Tullia, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 23/07/1946 a Macerata.
Carbonari Cesare, n. 15/12/1928 a Filottrano, figlio di Nazzareno e Falappa Elisa, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 23/07/1946 a Macerata.
Nicoletti Domenico, n. il 04/07/1886 a Filottrano, figlio di Luigi e Passalacqua Rosa, riconosciutagli il 21/05/1946 ad Ancona.
Nicoletti Luigi, n. il 01/11/1925 a Filottrano, residente a Jesi, figlio di Domenico e Flamini Filomena, qualifica Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 21/05/1946 ad Ancona.

Elenco vittime civili 5

Carbonari Nazzareno,
Carbonari Mario,
Carbonari Cesare,
Nicoletti Domenico,
Nicoletti Luigi

Responsabili o presunti responsabili
Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a località Scuola Cannuccia, al bivio per Santa Maria Nuova, Jesi

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: località Scuola Cannuccia, al bivio per Santa Maria Nuova, Jesi

    Anno di realizzazione: 1946

    Descrizione: Il Comitato di Liberazione Nazionale di Jesi, il 26 aprile 1946, pose in località Scuola Cannuccia, al bivio per Santa Maria Nuova un cippo in ricordo delle vittime. Sul fronte: “Vissero e non fecero male ma il male li sfiorò e li perdette gloria ad essi,

Bibliografia


Lorenzo Campanelli, I luoghi della memoria. La resistenza nell’anconetano. Monumenti e lapidi 1944-2002, affinità elettive, Ancona 2005.
Ruggeri Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
Giuseppe Luconi, L’anno più lungo (25 luglio 1943 - 20 luglio 1944), Jesi e la sua valle, Jesi 1975.
Emanuele Ramini, La nostra guerra 1940-45. Episodi di vita vissuta a Jesi e nella Vallesina, Gei, Jesi 2001.
Voce Adriatica, Ancona, 13/08/1946.
Costantino Urieli, 1944 Verso la liberazione, Osimo 1984.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_jesi

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 1707 (Domenico Nicoletti);
n. 1708 (Luigi Nicoletti);
n. 19114 (Nazzareno Carbonari);
n. 19115 (Cesare Carbonari);
n. 19116 (Mario Carbonari).
Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale TerritorialeLa Spezia, CPI, f. 49/15.