Pinidello di Cordignano, 26.10.1944

(Treviso - Veneto)

Pinidello di Cordignano, 26.10.1944

Pinidello di Cordignano, 26.10.1944
Descrizione

Località Pinidello, Cordignano, Treviso, Veneto

Data 26 ottobre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 24 ottobre 1944 un reparto composto di squadristi e di fanti di marina della X MAS, ai quali si era aggregato il maggiore della GNR Botteon, si recarono a Pinidello per catturare il partigiano Antonio Dotta, la cui presenza in paese era stata segnalata da un delatore. I militi, giunsero a bordo di alcuni automezzi e tre di loro, penetrati in casa, sorpresero il ricercato afferrandolo e iniziando a picchiarlo sotto gli occhi terrorizzati dei fratelli, rispettivamente di 9 e di 15 anni. Antonio si divincolò e tentò la fuga, ma fu abbattuto con una raffica di mitra.
Il maggiore Botteon si accostò alla signora Regina Perin, madre di Antonio, e puntandole la pistola al petto le intimò di confermare se l’ucciso era suo figlio e, alla risposta affermativa, calpestò con disprezzo il corpo della vittima ordinando ai camerati di arrestare la donna e i fratellini e di saccheggiare e incendiare la casa.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Procedimenti della CAS di Treviso:
Mariani nel luglio 1945 fu condannato a 28 anni di reclusione (pena ridotta di un terzo nel luglio 1946) e il 28 agosto 1946 fu amnistiato.
Botter, condannato a morte nel luglio 1945, fu fucilato a Volterra il 26 marzo 1946.
Botteon fu condannato a 25 anni di reclusione; in seguito a ricorso in Cassazione, la sentenza di primo grado fu annullata il 2 maggio 1947 e il processo fu rifatto dalla CAS di Padova (esito non conosciuto, anche se è intuibile che l’imputato fu amnistiato).

Scheda compilata da Federico Maistrello
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-05 14:34:46

Vittime

Elenco vittime

Dotta Antonio, classe 1920, di Cordignano, contadino, Brigata ‘Cacciatori delle Alpi’

Elenco vittime partigiani 1

Dotta Antonio, classe 1920, di Cordignano, contadino, Brigata ‘Cacciatori delle Alpi’

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Beniamino Botteon

    Nome Beniamino

    Cognome Botteon

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Maggiore GNR, classe 1900, di Vittorio Veneto.

    Note procedimento Procedimenti della CAS di Treviso: Botteon fu condannato a 25 anni di reclusione; in seguito a ricorso in Cassazione, la sentenza di primo grado fu annullata il 2 maggio 1947 e il processo fu rifatto dalla CAS di Padova (esito non conosciuto, anche se è intuibile che l’imputato fu amnistiato).

  • Bruno Mariani

    Nome Bruno

    Cognome Mariani

    Note responsabile Maggiore GNR, classe 1917, di Conegliano.

    Note procedimento Procedimenti della CAS di Treviso: Mariani nel luglio 1945 fu condannato a 28 anni di reclusione (pena ridotta di un terzo nel luglio 1946) e il 28 agosto 1946 fu amnistiato.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 20. Brigata nera “Amerino Cavallin” di Treviso

  • Giuseppe Botter

    Nome Giuseppe

    Cognome Botter

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Milite BN, classe 1900, di Monastier.

    Note procedimento Procedimenti della CAS di Treviso: Botter, condannato a morte nel luglio 1945, fu fucilato a Volterra il 26 marzo 1946.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 20. Brigata nera “Amerino Cavallin” di Treviso

Memorie
Bibliografia


Federico Maistrello, XX Brigata Nera - attività squadrista in Treviso e provincia (luglio 1944/ aprile 1945), Istresco, Treviso, 2006, p.110;

Elio Fregonese, I caduti trevigiani nella guerra di Liberazione 1943-1945, Istresco, Treviso, 1993, p. 87.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CAS Treviso, sentenza n.46/45 del 19.7.1945 - R.G.P.M. n.301/311 – 1945, a carico di Coassin Isidoro e altri militi della BN di Conegliano, istruttoria, denuncia di Perin Regina in data 13 luglio 1945;

CAS di Treviso, sentenza n.16 del 27.2.1946 - R.G. 161/45 - R.G.P.M.1294/45 a carico di Botteon Beniamino e altri, verbale di dibattimento, p. 19, deposizione di Perin Regina.