CAMPAGNOLA EMILIA, 15.04.1945

(Reggio Emilia - Emilia-Romagna)

CAMPAGNOLA EMILIA, 15.04.1945

CAMPAGNOLA EMILIA, 15.04.1945
Descrizione

Località Campagnola Emilia, Campagnola Emilia, Reggio Emilia, Emilia-Romagna

Data 15 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Nel corso di un’azione di rastrellamento di reparti fascisti nei comuni di Fabbrico, Rio Saliceto e Campagnola, in questo paese sono fermati 25 uomini, condotti al comando locale della Brigata Nera. Dopo l’interrogatorio, tre di essi vengono fucilati in luoghi diversi del paese.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Il ten. Alberto Lodini è condannato a morte dalla CAS di Reggi Emilia il 14.9.1945. La sentenza è annullata, l’imputato viene rinviato alla CAS di Modena che nel maggio 1946 commuta la pena in 30 anni di carcere, già nel febbraio 1950 Lodini chiede la grazia o la libertà provvisoria.

Scheda compilata da MASSIMO STORCHI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-04 22:22:49

Vittime

Elenco vittime

Bellesia Pierino (1927)
Piron Giovanni
Salati Carlo (1920)

Elenco vittime civili 3

Bellesia Pierino
Piron Giovanni
Salati Carlo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Alberto Lodini

    Nome Alberto

    Cognome Lodini

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Il ten. Alberto Lodini è condannato a morte dalla CAS di Reggi Emilia il 14.9.1945. La sentenza è annullata, l’imputato viene rinviato alla CAS di Modena che nel maggio 1946 commuta la pena in 30 anni di carcere, già nel febbraio 1950 Lodini chiede la grazia o la libertà provvisoria.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 30. Brigata nera “Umberto Rosi” di Reggio Emilia

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Campagnola Emilia, via Castellaro

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Campagnola Emilia, via Castellaro

    Descrizione: In memoria di Carlo Salati: Via Castellaro. Alcuni fermi sostengono alla struttura in pietra una lastra di marmo a forma di croce su cui e? apposta la fotoceramica del caduto e l\'epigrafe in rilievo. Il monumento venne collocato per iniziativa dell\'Unione donne italiane (\"U.D.I\"), a cui la moglie di Salati era iscritta, e della prima Amministrazione comunale di Campagnola del dopoguerra. Le lettere \"Q.M.P.\", che concludono l\'epigrafe, stanno ad indicare \"qui marmo pose\". L\'inaugurazione e? ascrivibile all\'immediato dopoguerra.

  • monumento a Campagnola Emilia, via Granda

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Campagnola Emilia, via Granda

    Descrizione: In memoria di Pierino Bellesia: Via Granda. Il cippo e? in marmo e presenta una croce in rilievo, sulla cui superficie compare l\'epigrafe e si distingue la fotografia smaltata del caduto. Il monumento venne eretto per iniziativa dell\'Unione donne italiane (\"U.D.I\") e della prima Amministrazione comunale di Campagnola del dopoguerra. Le lettere \"Q.M.P.\", che concludono l\'epigrafe, stanno ad indicare \"qui marmo pose\". L\'inaugurazione e? ascrivibile all\'immediato dopoguerra.

  • cippo a Campagnola Emilia, via Parampolini

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Campagnola Emilia, via Parampolini

    Anno di realizzazione: 1946

    Descrizione: In memoria di Giovanni Piron: Via Prampolini. Cippo in marmo. L\'iconografia e? quella della colonna spezzata: su questa superficie compare la fotoceramica, mentre nel basamento e? inserito il nome del caduto. L\'inaugurazione e? ascrivibile all\'immediato dopoguerra (1946).

  • lapide a Campagnola Emilia, palazzo comunale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Campagnola Emilia, palazzo comunale

    Anno di realizzazione: 1977

    Descrizione: Sotto il portico del Palazzo Comunale: targa in marmo sostenuta da fermi metallici. Essa consta delle fotografie smaltate, dell\'epigrafe e di dieci nominativi dei caduti in rilievo. Il committente e? l\'Amministrazione comunale di Campagnola. La targa e? stata scoperta il 20 novembre 1977. Nel 1979 il monumento e? stato risistemato in seguito a danneggiamenti compiuti da ignoti nella notte del 14 maggio.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Ogni anno viene ricordato l’eccidio con una manifestazione istituzionale promossa dal Comune di Campagnola Emilia e dalle Ass. partigiane.

  • luogo della memoria a Campagnola Emilia

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Campagnola Emilia

    Descrizione: A Pierino Bellesia è intitolata una strada a Campagnola Emilia, suo luogo d’origine

Bibliografia


Guerrino Franzini, Storia della Resistenza Reggiana, III ed., a cura dell’ANPI Reggio Emilia, pag.689.
Massimo Storchi, Il sangue dei vincitori. I crimini fascisti e i processi del dopoguerra (1945-1946), ALiberti Editore, Roma 2008, pag.32-33.

Sitografia


http://www.albimemoria-istoreco.re.it/

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Istoreco in Polo Archivistico Comune di Reggio Emilia