Piediripa, Macerata, 18.06.1944

(Macerata - Marche)

Piediripa, Macerata, 18.06.1944

Piediripa, Macerata, 18.06.1944
Descrizione

Località Piediripa, Macerata, Macerata, Marche

Data 18 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: La mattina del 18 giugno 1944 Palmieri Pietro, accompagnato da suo figlio Fernando, si stavano recando da contrada Vallebona, dove risiedevano, nei pressi di un mulino per procurarsi della farina. Tuttavia, giunti in contrada Piediripa, incontrarono un paio di conoscenti che li invitarono ad andare con loro a curiosare sotto il ponte del fiume Chienti, avendo saputo che erano state abbondonate lì delle armi bruciate. Poco prima che i quattro si portassero sul luogo stabilito, furono fermati da alcuni colpi d’arma da fuoco sparati da soldati tedeschi che erano stanziati nelle vicinanze. Mentre i due conoscenti scapparono rapidamente, Pietro, nonostante le suppliche del figlio, volle andare incontro ai tedeschi per dimostrare la loro buona fede. Vennero così fatti prigionieri e condotti in una casa di proprietà di un gerarca del luogo in cui si era insediato il Comando militare. Verso l’ora di pranzo, i tedeschi incaricarono un paesano di recarsi presso la casa dei due prigionieri e farsi dare i documenti di riconoscimento. Tuttavia lungo la strada l’incaricato incontrò la moglie di Palmieri che non vedendo ritornare il marito, stava andando a cercarlo. Quando le riferì il fatto, andò a prendere i documenti e li portò direttamente al Comando, senza avere però il permesso di vedere i congiunti o di fargli avere del cibo.
Verso sera, padre e figlio furono condotti in mezzo a un campo di grano e fucilati, nel luogo in cui oggi si trova la chiesa parrocchiale di Piediripa. I loro corpi restarono insepolti e solo dopo una decina di giorni i tedeschi incaricarono dei paesani di seppellirli. In seguito furono trasferiti al cimitero di Macerata.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: ritirata

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-06-30 09:14:32

Vittime

Elenco vittime

Palmieri Fernando, n. a Recanati il 19/06/1929, paternità Pietro, Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 26/03/1946 ad Ancona.
Palmieri Pietro, n. a Monte Cassiano il 20/07/1887, paternità Filippo, Caduto per rappresaglia, riconosciutagli il 26/03/1946 ad Ancona.

Elenco vittime civili 2

Palmieri Fernando,
Palmieri Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Macerata, Piediripa, scuola

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Macerata, Piediripa, scuola

    Descrizione: Nel 2002, nel corso delle celebrazioni per l’anniversario della Liberazione, fu posta presso la scuola di Piediripa una lapide dedicata a Pietro Palmieri e Fernando Palmieri.

Bibliografia


Giordano De Angelis, Cercavano farina e trovarono la morte. La fine assurda di Pietro e Fernando Palmieri, in Vittorio Gianangeli, Franco Torresi (a cura di), Dai documenti la storia: 1943-1944, anni duri a Macerata e dintorni, il Labirinto, Macerata 2004, pp. 165-168.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 2795 (Palmieri Fernando);
n. 2796 (Palmieri Pietro).