Caldarola, 10.06.1944

(Macerata - Marche)

Caldarola, 10.06.1944

Caldarola, 10.06.1944
Descrizione

Località Caldarola, Caldarola, Macerata, Marche

Data 10 giugno 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Il 9 giugno 1944, alcuni partigiani della banda Ferri, di Fiastra, fecero saltare un ponte tra Bistocco e Campolarzo, frazioni di Caldarola e Camerino. Nel corso dell’azione uccisero anche un militare tedesco e ne fecero prigionieri altri tre, che passavano casualmente per la zona. Il giorno successivo giunsero da Amandola due autocarri con SS tedesche e militi fascisti per un’operazione punitiva rispetto ai fatti accaduti.
Blandelisio Rocchi e Francesco Mercorelli, due giovani staffette, furono intercettati da una pattuglia - secondo alcune testimonianze in seguito a una delazione - dopo aver recuperato delle armi a Borgianello. Appena i due misero piede sulla nazionale 77, colti alla sprovvista, furono costretti a salire a forza sul camion tedesco. Francesco venne subito colpito dai pugnali, poi entrambi feriti, furono scaricati lungo la strada bianca nei pressi del cimitero di Valcimarra e finiti a raffiche di mitra.
Nel frattempo numerose case, nelle frazioni di Caldarola, vennero incendiate dopo essere state saccheggiate. I tedeschi portarono infine via con sé quattro ostaggi.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,incendio di abitazione

Tipo di massacro: rappresaglia
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-06-30 09:00:31

Vittime

Elenco vittime

Mercorelli Francesco, n. a Macerata il 08/05/1921, paternità Mariano, falegname, qualifica Partigiano caduto, Btg. Nicolò (23/09/1943 – 10/06/1944), grado Comandante Squadra – Maresciallo, riconosciutagli il 20/02/1946 ad Ancona.
Rocchi Blandelisio, n. a Caldarola il 06/11/1917, paternità Pietro, autista, qualifica Partigiano caduto, Gap Macerata (23/09/1943 – 10/06/1944), riconosciutagli il 20/02/1946 ad Ancona.

Elenco vittime partigiani 2

Mercorelli Francesco,
Rocchi Blandelisi

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

GNR, distaccamento di Amandola

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Caldarola

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Caldarola

    Descrizione: È stata posta una lapide sul luogo della fucilazione.

  • cippo a Caldarola

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Caldarola

    Descrizione: Lungo il viale d’ingresso di Caldarola è presente un cippo a base quadrata a forma di proiettile in ricordo dei martiri della resistenza, tra cui Aldo Buscalferri, Brandelisio Rocchi e Francesco Mercorelli.

  • luogo della memoria a Caldarola

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Caldarola

    Descrizione: Intitolazione di via alla vittima

Bibliografia


AA.VV., Tolentino e la resistenza nel Maceratese, Accademia Filelfica, Tolentino 1964.
Renato Biondini, Traditori, ribelli, patrioti. Macerata dalla guerra civile alla liberazione 1943-1944, Marche contemporanee, Sassoferrato 2004, pp. 122ss.
Giacomo Boccanera, Sono passati i tedeschi, I° edizione Stabilimento tipografico Savini - Mercuri, Camerino, 1945, II° edizione, Università di Camerino, 1994 (ultima ristampa, Arte Lito, Camerino 2005).

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_caldarola
www.anpi.it/donne-e-uomini/francesco-mercorelli/
www.anpi.it/donne-e-uomini/brandelisio-rocchi/

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 309 (Mercorelli Francesco), trasmessa al Distretto di Macerata 02/09/1959;
n. 310 (Rocchi Blandelisio).