Valli del Pasubio 10-12.08.1944

(Vicenza - Veneto)

Episodio di riferimento: Operazione Belvedere

Valli del Pasubio 10-12.08.1944

Valli del Pasubio 10-12.08.1944
Descrizione

Località Valli del Pasubio, Valli del Pasubio, Vicenza, Veneto

Data 10 agosto 1944 - 12 agosto 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Dal 10 al 12 agosto, in Val Leogra, epicentro Valli del Pasubio e le sue contrade, rastrellamento del 40° Btg. “Verona”, che “si sono messi a violentare donne e ragazze, ciò che finora nemmeno i tedeschi e i loro servi russi hanno pensato di fare.”; il 12 interviene anche la Legione “Tagliamento”, dove Amedeo Timpani detto “boia” si distingue in “sevizie particolarmente efferate” contro Aderino Vallortigara. Una ragazza muore per le violenze subite

Modalità di uccisione: INDEFINITA

Violenze connesse: stupro

Tipo di massacro: violenze di genere

Scheda compilata da Pierluigi Dossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-08-03 20:46:33

Vittime

Elenco vittime

una ragazza ignota

Elenco vittime civili 1

una ragazza ignota

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


1. legione d’assalto M “Tagliamento”

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

40. battaglione mobile della GNR

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Amedeo Timpani

    Nome Amedeo

    Cognome Timpani

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Timpani Amedeo “boia”, cl. 1926, da Roma; torturatore dell’Upi e Compagnia Comando della “Tagliamento”, particolarmente esperto nei più raffinati metodi di tortura; tra le vittime Aderino Vallortigara, Maria Rosa Gonzo, Pietro e Mirando Zanrosso;

    Note procedimento ATBS , CAS, Sentenza n. 29/49 – 30/49 del 23 aprile 1949 contro Timpani;

  • Bruno Reggiani

    Nome Bruno

    Cognome Reggiani

    Ruolo nella strage Autore

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Reggiani Bruno; da S. Bonifacio, comandante di compagnia del 40° Btg. “Verona”, già comandante di presidio a Vestenanuova dal 1 al 24 luglio ’44, dal 10 agosto 1944 (giovedì) è in rastrellamento a Valli del Pasubio. Il Reggiani è inoltre responsabile dell\'uccisione di Onilde Spiazzi in Piubelli a Cazzano di Tramigna (VR): una sventurata popolana uccisa il 29 luglio ’44 per aver maldestramente tentato di salvare Luigi Piubelli, il più grande dei suoi figli, colpevole di aver disertato dal 40° Btg. “Verona”. E’ giustiziato con la sua scorta (Ugo Campanati e Antonio Pizzamiglio) dai partigiani di Marosin il 20 agosto ’44, a Ferrara di Mone Baldo (VR).

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto 40. battaglione mobile della GNR

Memorie
Bibliografia


Luca Valente (a cura di), Ascoltando radio Londra. Il diario di Leone Fioravanti 1943-1945, Ed. Menin, Schio 2003, pag. 122

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

TMTMI, Sentenza n. 1652/47 del 28.8.1952 contro Zuccari e altri 16 del Tribunale Militare Territoriale di Milano.
ATBS , CAS, Sentenza n. 29/49 – 30/49 del 23 aprile 1949 contro Timpani;