Vo’ di Brendola 26-4-1945

(Vicenza - Veneto)

Vo’ di Brendola 26-4-1945

Vo’ di Brendola 26-4-1945
Descrizione

Località Vo’ di Brendola, Brendola, Vicenza, Veneto

Data 26 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Il 26 aprile 1945 Angelo Fasolo e Italo Balzarin, lasciati i propri compagni d’arme, s’incamminano lungo la strada che porta a Vo’ per far ritorno a casa. Giunti nelle vicinanze dell’abitato della frazione incrociano alcuni fascisti della BN. Questi ultimi, viste le divise e temendo di essere arrestati, fanno fuoco uccidendo i due insieme con Maria Oiani che si trovava lì per caso e forse stava parlando con i due militari. I tre corpi furono lasciati sul ciglio della strada.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ritirata

Estremi e note penali: Procura militare di Padova 279/2000/RGNR.

Annotazioni: Il fascicolo citato in bibliografia attribuisce la responsabilità della strage a fascisti sbandati della Brigata Nera (presumibilmente di Vicenza) , le fonti processuali rinvenute all’inizio degli anni ’90 del secolo scorso a non meglio identificati soldati tedeschi in ritirata. Le due fonti differiscono anche sul numero delle vittime. Nei documenti della Procura militare le vittime risultano essere infatti quattro.

Scheda compilata da Sergio Lavarda
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-07 20:26:57

Vittime

Elenco vittime

1. Balzarin Italo, nato a Brendola, cl. 1905, militare
2. Fasolo Angelo, nato a Brendola il 29.03.1922, militare
3. Oiani Menon Maria, cl. 1911, civile

Elenco vittime civili 1

Oiani Menon Maria, cl. 1911, civile

Elenco vittime militari 2

1. Balzarin Italo, nato a Brendola, cl. 1905, militare
2. Fasolo Angelo, nato a Brendola il 29.03.1922, militare

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a

    Tipo di memoria: cippo

    Descrizione: Un cippo con foto dei caduti e lapidi è stato posto sul luogo dell’eccidio. Si segnala che sul fronte della base in pietra una prima lapide commemora i due uomini, sul lato sinistro un’altra lapide, molto più asciutta, la donna. Ecco i testi: Qui/liberi e sereni nella fortezza/il 26 aprile 1945/furono immolati/vittime innocenti/ della barbaria nazi-fascista/ITALO BALZARIN/e/ANGELO FASOLO/per una nuova Italia/i loro spiriti godono Iddio/tutelino libera l’Italia. MARIA OIANI MENON/vittima innocente/delle orde nazi-fasciste/26-4-1945

Bibliografia


Mario Faggion, Gianni Ghirardini, San Valentino di Brendola 12 luglio 1944, Grafiche Panozzo, Lonigo, 1991

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CPI 11/88
AUSSME, N 1/11, b. 2131.