Monsanpietro, Venarotta, 12.03.1944

(Ascoli Piceno - Marche)

Monsanpietro, Venarotta, 12.03.1944

Monsanpietro, Venarotta, 12.03.1944
Descrizione

Località Castel di Croce, Roventino, Rotella, Ascoli Piceno, Marche

Data 12 marzo 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 1

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: L’offensiva nazifascista del marzo 1944 cominciò dal sud della regione. Fu la banda Paolini, costituita da molti giovani originari di San Benedetto del Tronto, la prima a esserne investita, nella zona di Rovetino e Castel di Croce. Entrambe frazioni di Rotella, Rovetino si trova sul versante nord del monte dell’Ascensione, da dove si potevano condurre rapidi azioni nelle vallate vicine dell’Aso e del Tesino. Dal mese di gennaio si era stabilita nella zona la banda del sottotenente della finanza Gian Maria Paolini, mentre un suo distaccamento, affidato al sottotenente degli alpini Settimio Berton, si era posizionato nell’altra frazione di Castel di Croce.
Tre giorni dopo il duro attacco sferrato la mattina del 9 marzo del 1944 nella zona di Rovetino, nella notte tra l’11 e il 12 marzo numerose colonne tedesche e militi fascisti, indirizzati da una spia locale, tale Roscioli Settimio, si mossero alla volta di Castel di Croce e nella vicina frazione di Monsanpietro di Venarotta. Pure in questa occasione i partigiani furono in grado di frazionarsi rapidamente in piccoli gruppi, sottraendosi con azioni di attacco e ritirata all’accerchiamento e d’altro lato infliggendo anche gravi perdite al nemico.
Nel corso dell’operazione, alcuni militi si diressero presso l’abitazione di tale Pasquale Ubaldi, a Monsanpietro, dove trovarono nascosti due patrioti che erano rimasti ferito nel corso degli scontri del 9 marzo: Livio Danesin e Antonio Tauro. Entrambi furono fucilati davanti al casale. Presso l’abitazione di don Sante Nespica, a Castel di Croce, venne invece scoperto il partigiano Mario Mazzocchi che mentre si dava alla fuga fu colpito con il mitra alle gambe e finito con un colpo di pistola alla tempia. In un’altra abitazione, di tale Tondi Silvino, trovarono l’agente di Polizia di cui è rimasto noto solo il nome, Egisto, anch’egli ucciso sul posto con colpi d’arma da fuoco. Sulla sua identità non si è fatta ancora luce, è stato pure ipotizzato che fosse un prigioniero dei partigiani e che venne ucciso accidentalmente perché non riconosciuto. Pare che tutte le vittime siano state poi gettate in una fossa comune.
Pochi giorni dopo, l’offensiva tedesca toccò Montemonaco, con una manovra che prevedeva l’aggiramento di tutta la zona compresa tra Montegallo e le sorgenti del Tenna.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Nell’ottobre 1996 il procedimento a carico di ignoti ufficiali delle SS germaniche, in ordine al reato di “violenza con omicidio” relativo ai fatti dell’11 e del 12 marzo 1944, fu archiviato in quanto alla data di ricezione degli atti il reato era già estinto per prescrizione.
PGM Roma, registro generale n. 465, CPI, f. 9/146, 22/56.

Annotazioni: Cfr. episodio di Castel di Croce, Roventino, Rotella, 12.03.1944

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-25 15:27:18

Vittime

Elenco vittime

Mazzocchi Mario, n. a S. Benedetto del Tronto il 08/06/1924, figlio di Gaetano e di Marchegiani Gilda, qualifica Partigiano caduto, banda Paolini (15/10/1943 – 12/03/1944), riconosciutagli il 26/03/1946 ad Ancona. Muore a Castel di Croce.

Agente di Polizia Egidio, non meglio identificato.

Elenco vittime partigiani 1

Mazzocchi Mario

Elenco vittime legate a partigiani 1

Agente di Polizia Egidio, non meglio identificato.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


6. Kompanie/II./Brandenburg 3./Korück 594

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Settimio Roscioli

    Nome Settimio

    Cognome Roscioli

    Ruolo nella strage Delatore

    Note responsabile Roscioli Settimio. Il 17 febbraio 1944 il sotto tenente Gian Maria Paolini si recò insieme ad alcuni suoi uomini a Monterinaldo per sequestrare tale Roscioli, accusato di essere un fascista e di collaborare con la Rsi e i tedeschi. Alla fine l’azione non si concluse con il proposito originario perché il comandante e gli altri partigiani si lasciarono commuovere dalle suppliche della moglie di Roscioli e dei suo bambini. Dietro il giuramento di non interessarsi più di politica, l’uomo ebbe salva la vita. Nessuno avrebbe immaginato che proprio quell’uomo avrebbe giocato un ruolo fondamentale nella riuscita dell’operazione di rastrellamento del 12 marzo.

Memorie
Bibliografia


ANPI, Comitato provincia di Ascoli Piceno, Memorie sulla lotta partigiana, Ascoli Piceno 2004.
Secondo Balena, Bandenkrieg nel Piceno. Settembre '43 giugno '44, Ascoli Piceno, s.d.
Maria Grazia Battistini, Costantino Di Sante (a cura di), Fascismo e Resistenza nel Piceno, Ascoli Piceno, Istituto Statale d'Arte "Osvaldo Licini", Ascoli Piceno 2003.
Ruggero Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
Giovanni Mainolfi, Giuseppe Morgese, I Finanzieri nelle Marche dal 1860 al 1960: episodi e protagonisti raccontati nelle cronache locali, Odradek, Roma 2011.
Alberto Perozzi, Ai nostri caduti per la libertà 1943-2003, Comune, San Benedetto del Tronto 1974.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_rovetino

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 616 (Mazzocchi Mario), trasmessa al Distretto militare di Ascoli Piceno 28/08/1959;
n. 1614 (Tauro Antonio);
n. 1615 (Danesin Livio).
Bundesarchiv Militärarchiv, RH 20-10/99.
Archivio dell\'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell\'Esercito, N 1/11, b. 2132.
Deutschen Dienststelle (WASt), NVM.
GTB, vol. 10, 11.03.44.
Procura Generale Militare Roma, registro generale n. 465, CPI, f. 9/146, 22/56.