Crespano del Grappa, 8.10.1944

(Treviso - Veneto)

Crespano del Grappa, 8.10.1944

Crespano del Grappa, 8.10.1944
Descrizione

Località Crespano del Grappa, Crespano del Grappa, Treviso, Veneto

Data 8 ottobre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Jacopo, nipote del dottor Mario Mantovani Orsetti - primario dell’ospedale di Crespano del Grappa e noto antifascista - faceva parte di una piccola schiera di medici e di studenti di medicina che nell’estate 1944 era salita sul Grappa per unirsi alla Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’ comandata da Ludovico Todesco, di Solagna (VI), a sua volta laureando in medicina. Sfuggito al rastrellamento nazifascista del Grappa (21/28 settembre 1944) e portato nella caserma ‘Efrem Reatto’ alla presenza del tenente Perillo, responsabile dell’Ufficio politico germanico di Bassano, il giovane stava per essere destinato al patibolo quando, aderendo alla richiesta di alcuni sacerdoti, Perillo lo aggregò alla Flak (Antiaerea tedesca) locale. Tuttavia di Jacopo non si era dimenticato il tenente Michelangelo Mercaldo, comandante del distaccamento GNR di Crespano, il quale aveva allertato i dipendenti perché lo controllassero visto che spesso ritornava in paese, sospettando che, sotto copertura, continuasse a cospirare con suo zio.
L’8 ottobre, in occasione di una visita, scattò la trappola. Due legionari andarono a prelevare il giovane mentre era assieme ai parenti e lo tradussero nella caserma locale della GNR, dove Mercaldo lo interrogò a lungo. Rilasciato verso sera, Mantovani Orsetti fu riaccompagnato verso casa da un paio di militi ma, giunto a pochi passi dalla meta fu colpito al torace e all’addome da una raffica di mitra sparata proditoriamente da alcuni legionari che lo attendevano nell’oscurità. Portato in ospedale e operato d’urgenza dallo zio, si spense quella stessa sera.
Mercaldo, accorso in ospedale per propalare la falsa notizia che la vittima era stata uccisa dai partigiani, fu udito da due suore mentre si rivolgeva ai camerati esclamando soddisfatto: “Per tre volte ci è sfuggito, ma alla quarta l’abbiamo preso!”.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: CAS Sezione Speciale di Treviso, sentenza n.2/47 del 24 gennaio 1947 - R.G. 58/46, a carico di Comparini Antonio, Mercaldo e altri.
La CAS di Treviso, condannò MERCALDO alla pena di morte (la Corte di Cassazione nell’aprile 1948 annullò la sentenza nei suoi confronti e affidò il rifacimento del processo alla Corte di Assise di Perugia; l’esito non è noto ma è prevedibile).

Annotazioni: Episodio legato a Monte Grappa, perché vittima era riuscito a fuggire dal grande rastrellamento.

Scheda compilata da Federico Maistrello
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-01-03 18:05:47

Vittime

Elenco vittime

Mantovani Orsetti Jacopo (‘Nino’), classe 1924, di Crespano del Grappa, studente di Medicina all’università di Padova, Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’.

Elenco vittime partigiani 1

Mantovani Orsetti Jacopo (‘Nino’), classe 1924, di Crespano del Grappa, studente di Medicina all’università di Padova, Brigata ‘Italia Libera Campo Croce’.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


GNR, distaccamento di Crespano del Grappa

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Italo Michelangelo Mercaldo

    Nome Italo Michelangelo

    Cognome Mercaldo

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Tenente GNR , classe 1915, di Palermo, responsabile del distaccamento GNR di Crespano del Grappa.

    Note procedimento CAS Sezione Speciale di Treviso, sentenza n.2/47 del 24 gennaio 1947 - R.G. 58/46, a carico di Comparini Antonio, Mercaldo e altri. La CAS di Treviso, condannò Mercaldo alla pena di morte (la Corte di Cassazione nell’aprile 1948 annullò la sentenza nei suoi confronti e affidò il rifacimento del processo alla Corte di Assise di Perugia; l’esito non è noto ma è prevedibile).

Memorie
Bibliografia


Lorenzo Capovilla, Giancarlo De Santi, Sui sentieri dei partigiani nel Massiccio del Grappa, CIerre, Verona, 2006, p. 91.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CAS Sezione Speciale di Treviso, sentenza n.2/47 del 24 gennaio 1947 - R.G. 58/46, a carico di Comparini Antonio, Mercaldo e altri.