Squazza, Borzonasca, 15.02.1945

(Genova - Liguria)

Squazza, Borzonasca, 15.02.1945

Squazza, Borzonasca, 15.02.1945
Descrizione

Località Squazza, Borzonasca, Genova, Liguria

Data 15 febbraio 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 10

Numero vittime uomini 10

Numero vittime uomini adulti 10

Descrizione: La Forcella con il suo passo (800 m.) e la Squazza sono due luoghi di importanza strategica che mettono in comunicazione Carasco con la valle Stura attraverso la s.p. 586. A presidio di questo territorio l’Rsi schiera gli alpini della divisione Monterosa, coadiuvati da truppe tedesche. Sul fronte partigiano la zona è di competenza della brigata Coduri, che si trova in un momento di riorganizzazione e ridistribuzione sul territorio. Il 14 febbraio 1945 l’alpino Osvaldo Mantovani viene ucciso e un militare tedesco ferito durante un azione del distaccamento “Guerci” della Brg. Coduri nei pressi della località Squazza”. Per rappresaglia dieci partigiani vengono prelevati dalle carceri di Chiavari dove erano rinchiusi e fucilati il giorno successivo. Agli abitanti del luogo è imposto per alcuni giorni il divieto di rimuovere le salme.

Modalità di uccisione: fucilazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: Esistono diverse versioni rispetto allo svolgimento dell’episodio che ha scatenato la rappresaglia.
La motivazione della MAVM di Annuti Vittorio riporta l’indicazione del luogo e della data di morte differente rispetto all’effettivo svolgimento dei fatti.

Scheda compilata da Francesco Caorsi, Alessio Parisi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-08-23 13:45:10

Vittime

Elenco vittime

Acquario Fortunato (“Ercole”), nato il 25/09/1924 a Carasco, Brg. Berto
Annuti Vittorio (“Califfo”), nato il 1/05/1921 a Castiglione Chiavarese (Ge), Brg. Coduri
Beorchia Otello (“Venti”), nato il 22/11/1914 a Arta (Ud), Brg. Coduri
Berretti Armando (“Quattordici”), nato il 21/04/1906 a Sant’Anna di Stazzema (Lu), Brg. Coduri
Betti Augusto (“Titti”), nato il 23/10/1924 a Ponte dell’Olio (Pi), Brg. Coduri
Colombo Renato (“Pesce”), nato il 27/2/1925 a Vedano al Lambro (MB), Brg. Coduri
De Ambrosis Giovanni (“Cian”), nato il 6/(3-4)/ 1923 a Sestri Levante (Ge), Brg. Coduri
Labbrati Erminio (“Spalla”), nato il 3/12/1928 a Genova, Brg. Coduri
Mori Domenico (“Lanzi”), nato il 23/08/1923 a Sestri Levante (Ge), Brg. Coduri
Noceti Ubaldo (“Kobah”), nato il 4/12/1922 a Lavagna (Ge), Brg. Coduri

Elenco vittime partigiani 10

Acquario Fortunato (“Ercole”),
Annuti Vittorio (“Califfo”),
Beorchia Otello (“Venti”),
Berretti Armando (“Quattordici”),
Betti Augusto (“Titti”),
Colombo Renato (“Pesce”),
De Ambrosis Giovanni (“Cian”),
Labbrati Erminio (“Spalla”),
Mori Domenico (“Lanzi”),
Noceti Ubaldo (“Kobah”),

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Rosolino Raffo

    Nome Rosolino

    Cognome Raffo

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note procedimento Accusato di aver fatto parte del plotone di esecuzione. Assolto dall’imputazione per mancanza di prove con sentenza del 15/02/1947 Procura Militare Territoriale: Corte di Assise straordinaria, sezione di Genova

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 31. Brigata nera “Generale Silvio Parodi” di Genova

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a direzione passo della Forcella, loc. Squazza, Borzonasca, Genova

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: direzione passo della Forcella, loc. Squazza, Borzonasca, Genova

    Descrizione: Lapide in marmo (sostituita). Committente Anpi di Borzonasca, comune di Borzonasca (inaugurata nel 1946). Lapide in marmo, croce in ferro Committente Anpi di Chiavari, Comune di Borzonasca.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: MAVM ad Annuti Vittorio. motivazione: Nella lotta di liberazione prontamente ed arditamente intrapresa forniva belle prove come organizzatore, come animatore e come comandante di battaglione partigiano, ripetutamente distinguendosi in combattimento per c

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Ricorrenza annuale a cura del Comitato permanente per la Resistenza della provincia di Genova

Bibliografia


Anna Alberico, Il collaborazionismo fascista e i processi alla corte straordinaria d'assise : Genova 1945-1947, COEDIT, Genova, 2007.
Amato Berti, Marziano Tasso, Storia della divisione Garibaldina Coduri, Seriarte, Genova, 1982;
Giorgio Gimelli, La Resistenza in Liguria: cronache militari e documenti, Carocci, Roma, 2005.
Franco Gimelli, Paolo Battifora, Dizionario della Resistenza in Liguria, De Ferrari, Genova, 2008.
Memorie nella pietra. Monumenti alla Resistenza ligure 1945-1995, Istituto storico della Resistenza in Liguria, Genova, 1996.
Francesco Tuo, Pierfranco Malfettani, Carlo Viale, I Caduti della RSI Genova 1943-46, suppl. alla rivista «Tradizione», Genova, 2008.

Sitografia


-banca dati del ministero della Difesa per i caduti in guerra :
http://www.difesa.it/Il_Ministro/ONORCADUTI/Pagine/Amministrativo.aspx
-banca dati dell’istituto del nastro azzurro per i decorati: http://decoratialvalormilitare.istitutonastroazzurro.org/

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio dell’Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età contemporanea, Fondo Dv b.17 f. 6
Archivio dell’Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età contemporanea, Fondo Gimelli 2, b. 19
Archivio dell’Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età contemporanea, Fondo Gimelli 2, b. 15
Archivio dell’Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età contemporanea,, Fondo PCL Processi per collaborazionismo in Liguria.