Contrada Fienile, Montedinove, 18.06.1944

(Ascoli Piceno - Marche)

Contrada Fienile, Montedinove, 18.06.1944

Contrada Fienile, Montedinove, 18.06.1944
Descrizione

Località Contrada Fienile, Montedinove, Ascoli Piceno, Marche

Data 18 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Il 18 giugno 1944 un soldato tedesco, presumibilmente in ritirata verso nord, si introdusse nell’abitazione di Gaspare Rossi pretendendo oro, argento e oggetti preziosi. L’anziano uomo tentò di spiegargli di non possedere niente di tutto ciò, ma il soldato insistette e gli ordinò di seguirlo nella perquisizione della casa. Essendo paralitico, Rossi non poté asserire a tale richiesta e per tutta risposta il tedesco si infuriò e gli sparò vari colpi di pistola che lo ferirono gravemente. Morì poco dopo nella sua abitazione.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: ritirata

Estremi e note penali: Il procedimento penale contro ignoti militari tedeschi e italiani per “Violenza, omicidio, saccheggio, incendio, distruzione e grave danneggiamento” nei confronti di cittadini italiani per fatti avvenuti nel territorio di Ascoli Piceno dal 28/11/1943 all’08/06/1944, è stato archiviato nel 1999 per mancata identificazione degli autori del fatto.
Tra essi anche il suddetto episodio.

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-06-28 20:40:08

Vittime

Elenco vittime

Rossi Gaspare, n. a Montedinove il 10/09/1873, fu Vito e fu Marini Filomena, contadino.

Elenco vittime civili 1

Rossi Gaspare

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio dell\'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell\'Esercito, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale Militare Roma, registro generale n. 476, CPI, f. 9/152.