ROSIGNANO MARITTIMO 04.07.1944

(Livorno - Toscana)

ROSIGNANO MARITTIMO 04.07.1944

ROSIGNANO MARITTIMO 04.07.1944
Descrizione

Località Rosignano Marittimo, Rosignano Marittimo, Livorno, Toscana

Data 4 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 7

Numero vittime uomini 7

Numero vittime uomini adulti 3

Numero vittime uomini anziani 1

Numero vittime uomini senza informazioni 3

Descrizione: Nel corso della ritirata lungo il litorale tirrenico, i tedeschi riescono a rallentare l’avanzata alleata negli ultimi giorni di giugno. Cecina è liberata il 29, dopo giorni di furiosi combattimenti, ma la battaglia continua ancora per un paio di settimane. La 5. Armata americana deve così attendere il 19 luglio per entrare a Livorno. Nel corso del ripiegamento verso l’Arno, dove hanno approntato la loro linea difensiva, i tedeschi “ripuliscono” le vie di comunicazione, rastrellano i poderi, si lasciano andare a violenze ai danni dei civili nel corso della loro ritirata.
Dopo un paio di giorni la scena è simile a Rosignano Marittimo, anche se la violenza colpisce solo vittime maschili. Le famiglie Nocchi hanno abbandonato le proprie abitazioni alla vigilia del passaggio del fronte, spostandosi dapprima in un ricovero nei pressi della chiesa parrocchiale e quindi nei magazzini della fattoria Vestrini, all’estremità settentrionale del paese. Qui sono trovati da alcuni soldati, che intimano agli uomini – Napoleone e Galliano, con i rispettivi figli – di seguirli per svolgere un lavoro di rinforzo delle difese nei pressi del fronte. Gli altri familiari restano nascosti presso la fattoria per alcuni giorni, e dopo il 12 luglio (giorno della Liberazione del paese) vengono a sapere che i 4 sono stati uccisi quasi subito dopo averli lasciati, a poche centinaia di metri di distanza, ove i corpi vengono rinvenuti ormai decomposti. Altri due uomini sono fucilati mentre cercano di lasciare l’abitato, mentre un terzo subisce una sorte identica a quella dei Nocchi.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: ritirata

Scheda compilata da Gianluca Fulvetti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-26 13:34:25

Vittime

Elenco vittime

Caccialupo Arago.
Gisberto, ignoto sfollato da Livorno.
Nocchi Galliano, anni 41.
Nocchi Luigi, anni 25, figlio di Napoleone.
Nocchi Napoleone, anni 60, zio di Galliano)
Nocchi Valtero, anni 17, figlio di Galliano.
Tempestini Antonio.

Elenco vittime civili 7

Caccialupo Arago.
Gisberto, ignoto.
Nocchi Galliano.
Nocchi Luigi.
Nocchi Napoleone.
Nocchi Valtero.
Tempestini Antonio.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Roma, Carocci, 2009.
Luis Piazzano, Cecina anni di guerra, il Fitto, Cecina, 187.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti