Ponte Dragone, Montedinove, 11.03.1944

(Ascoli Piceno - Marche)

Ponte Dragone, Montedinove, 11.03.1944

Ponte Dragone, Montedinove, 11.03.1944
Descrizione

Località Ponte Dragone, Montedinove, Ascoli Piceno, Marche

Data 11 marzo 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: Nel pomeriggio del 10 marzo 1944 alcuni soldati tedeschi del presidio di Montalto Marche catturarono, con l’aiuto di militi fascisti, tre militari alleati evasi dai campi di prigionia e la persona incaricata di metterli in salvo, Mario Mottes. Durante la notte i quattro vennero caricati su di una automobile e trasportati al Ponte Dragone nel comune di Montedinove, dove furono uccisi mediante colpi d’arma da fuoco.
I nomi dei tre prigionieri alleati sono: Daniel H. Hollingsworth, 23 anni, di Londra, Thomas William White, 23 anni, di Leyton di 23 anni, entrambi del 1°Battaglione The Buffs (Reggimento Royal East Kent) ed entrambi scappati dal campo PG 53 di Sforzacosta; il paracadutista Lionel Herbert John Brown, 35 anni, di Hampton del 1st AirborneDivision “Red Devils”, fatto prigioniero nel 1943 in Sicilia nella battaglia del“ponte Primosole” e fuggito dal campo PG 70 di Monte Urano.
Mario Mottes è invece un ex soldato italiano diventato sergente paracadutista e radio-telegrafista e AGENTE “A” Force (IS9) della “RAT LINE”.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento
--> Per saperne di più sulle tipologie

Estremi e note penali: Il procedimento penale contro ignoti militari tedeschi e italiani per “Violenza, omicidio, saccheggio, incendio, distruzione e grave danneggiamento” nei confronti di cittadini italiani per fatti avvenuti nel territorio di Ascoli Piceno dal 28/11/1943 all’08/06/1944, è stato archiviato nel 1999 per mancata identificazione degli autori del fatto.
Tra essi anche l’episodio riguardante i prigionieri alleati uccisi a Montedinove.

Annotazioni: L'identità dei deceduti ci è stata fornita da Stefania De Prai Sidoretti, grazie alle sue ricerche su Mario Mottes.

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2020-09-21 16:13:17

Vittime

Elenco vittime

1. Daniel H. Hollingsworth, 23 anni, di Londra, arruolato nel 1°Battaglione The Buffs (Reggimento Royal East Kent) e fuggito dal campo PG 53 di Sforzacosta
2. Thomas William White, 23 anni, di Leyton, arruolato nel 1°Battaglione The Buffs (Reggimento Royal East Kent) e fuggito dal campo PG 53 di Sforzacosta
3. Lionel Herbert John Brown, 35 anni, di Hampton, paracadutista del 1st AirborneDivision “Red Devils”, fatto prigioniero nel 1943 in Sicilia nella battaglia del“ponte Primosole” e fuggito dal campo PG 70 di Monte Urano
4. Mario Mottes, nato nel 1919 a Bruxelles in Belgio da genitori emigrati dal Trentino, stabilitosi poi con la famiglia a Manziana, ex soldato italiano diventato sergente paracadutista e radio-telegrafista e AGENTE “A” Force (IS9) della “RAT LINE”.

Elenco vittime prigionieri di guerra 4

Daniel H. Hollingsworth,
Thomas William White,
Lionel Herbert John Brown,
Mario Mottes

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla persona a Mario Mottes

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Ubicazione: Mario Mottes

    Descrizione: Medaglia d\'argento al valor militare alla memoria a Mario Mottes, ex soldato italiano diventato sergente paracadutista e radio-telegrafista e AGENTE “A” Force (IS9) della “RAT LINE”.

Bibliografia


Sitografia


https://www.terzobinario.it/manziana-per-la-liberazione-il-ricordo-di-mario-mottes/?fbclid=IwAR279ZczlHxMCjyM_HDC4JS10I3wPLKynIk2kL9HxrKwM7iPvsXHZUum-e8
https://www.cwgc.org/find-records/find-war-dead/

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio dell\'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell\'Esericto, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale Militare Roma, registro generale n. 715, CPI, f. 9/146, 22/90.