Sovramonte, 19.2.1945

(Belluno - Veneto)

Sovramonte, 19.2.1945

Sovramonte, 19.2.1945
Descrizione

Località Sovramonte, Sovramonte, Belluno, Veneto

Data 19 febbraio 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne senza informazioni 1

Descrizione: Nel febbraio 1945 la compagnia “Gherlenda” del battaglione partigiano “De Min”, braccata dai nazifascisti è costretta a spostarsi spesso tra le montagne sopra Sovramonte (Belluno). Nonostante ciò, il 19 febbraio 1945 viene sorpresa da una pattuglia di sciatori della polizia trentina, presso malga Vallarica. La maggior parte dei partigiani riesce a mettersi in salvo, solo Raul e Ora si trovano bloccati nella neve con gli sci spezzati dalle raffiche nemiche. Mentre il primo non viene individuato e riesce a fuggire, Ora viene fatta scendere dall’alberto dove si era nascosta e uccisa da una raffica di mitra.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento
--> Per saperne di più sulle tipologie

Annotazioni: L’episodio è citato da poche fonti, in modo piuttosto scarno. Inoltre i pochi riferimenti non concordano né sull’identità della vittima, né sulla dinamica dei fatti.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-08-03 15:56:33

Vittime

Elenco vittime

Marighetto Ancilla “Ora”, nata a Castel Tesino (Trento), partigiana della compagnia “Gherlenda” del battaglione “De Min”.

Elenco vittime partigiani 1

Marighetto Ancilla “Ora”, nata a Castel Tesino (Trento), partigiana della compagnia “Gherlenda” del battaglione “De Min”.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Mario Rocca

    Nome Mario

    Cognome Rocca

    Ruolo nella strage Autore

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile La responsabilità di Rocca (maresciallo del CST di Predazzo) è sostenuta dalla relazione del battaglione partigiano, che inoltre afferma il colpevole essere stato nell’agosto 1945 condannato a 24 anni dalla CAS di Trento.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Medaglia d’oro al VM alla memoria per Ancilla Marighetto.

Bibliografia


Antonio Antoniol, La Resistenza nel Feltrino, 1943-1945, in Giovanni Perenzin (a cura di), Comunisti e cattolici nella Resistenza feltrina, Isbrec, Belluno, 2005, p. 182;

Associazione degli ex consiglieri della Regione Veneto (a cura di), Il Veneto nella Resistenza: contributi per la storia della lotta di liberazione nel 50° anniversario della Costituzione, Associazione ex Consiglieri della Regione Veneto, Venezia, 1997, p. 189;

Roberto Cessi, La Resistenza nel bellunese, Editori Riuniti, Roma, 1960, p. 238.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AISBREC, Fondo Resistenza, b. 2, fasc. 12, Relazione sulle azioni del battaglione “De Min”, brigata “Feltre”.