Santa Caterina, Lusiana, 23-03-1945

(Vicenza - Veneto)

Santa Caterina, Lusiana, 23-03-1945
Descrizione

Località Santa Caterina, Lusiana, Vicenza, Veneto

Data 23 marzo 1945

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 22 e 23 febbraio 1945 nel territorio dei comuni di Lugo Vicentino, Salcedo e Lusiana i nazifascisti effettuano un nuovo rastrellamento. Il 22.2.1945, in zona Lugo, in prossimità dell’osteria e rivendita di sale e tabacchi proprietà di Giuseppe Uderzo, una pattuglia partigiana ha uno scontro a fuoco con un reparto del Btg. “Fulmine”della X^ Mas.
Il 23.2.1945, in Contrà Lazzaretti di Salcedo, truppe russe saccheggiano varie abitazioni. Sempre il 23, in zona S. Caterina di Lusiana, la Polizia Trentina (CST) uccide il civile Giuseppe Soster che non ha obbedito al loro “Alt!”; il suo corpo resta sulla strada per 4 ore. In risposta al rastrellamento, in zona Covolo di Lusiana i partigiani della Brigata “Fiamme Rosse” del Gruppo Brigate “7 Comuni”, giustiziano il brigatista Antonio Zampese, ritenuto colpevole di aver fatto da guida nel rastrellamento.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Pierluigi Dossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-05-03 22:28:42

Vittime

Elenco vittime

Giuseppe Soster, da S. Caterina di Lusiana

Elenco vittime civili 1

Giuseppe Soster, da S. Caterina di Lusiana

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Ost-Bataillon 263

Tipo di reparto: Wehrmacht

Battaglione “Fulmine”/X Mas

Tipo di reparto: Esercito

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio Comparini

    Nome Antonio

    Cognome Comparini

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Comparini Antonio di Giovanni e Elisabetta Lenzi Elisabetta, cl. 1896, nato a Firenze. Segretario politico del PFR e comandante la Sq d’Az di Marostica, poi 7^ Compagnia BN; il figlio è s. tenente con il cap. Polga nella PAR. Partecipa al rastrellamento del Grappa come responsabile del 5° settore (Cavaso del Tomba –Virago – Pederobba – Fiume Piave), da dove si porta a casa un camion di mobili, che regalata ai neo-sposi Vincenzo Giardini e Anna Comparini, sua figlia; in un documento del Comitato Militare Provinciale del CLNP è tra i nominativi dei responsabili delle impiccagioni di Bassano del Grappa. Arrestato dopo la Liberazione, è alla Caserma “Sasso” il 24.5.45; è trasferito a S. Biagio e incriminato dalla Procura del Regno, ma riesce a evadere il 12.10.45 con la complicità di Raimondo Manni, direttore dell\'istituto di pena anche durante la RSI. Da quel momento resta sempre latitante (a Livorno), anche durante il processo della CAS di Treviso che lo vedeva principale imputato. Il 24.1.47 la CAS di Treviso lo condanna a 21 anni di reclusione. La Corte Suprema di Cassazione, 2^ Sezione Penale di Roma, il 28.4.48 dichiara inammissibile il ricorso, ma in seguito, con sentenza del 19.6.50, “annulla senza rinvio per non aver commesso il fatto… la sentenza della CAS di Treviso, “ed ordina la revoca dell’ordine di cattura” del latitante. Latitante con la famiglia in Comune di Livorno, già dall’aprile ’45, vi risiede ufficialmente dal 26.11.52, da dove continua a dedicarsi ad attività cospirativa neo-fascista.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 22. Brigata nera “Antonio Faggion” di Vicenza

  • Giuseppe Orrù

    Nome Giuseppe

    Cognome Orrù

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Orrù Giuseppe Salvatore di Roberto, cl. 1900, nato Cagliari; tenente di vascello (capitano) della X^ Mas, comandante del Btg. “Fulmine”; presidente del tribunale di guerra che per rappresaglia, il 7.4.45, condanna a morte mediante fucilazione cinque giovani nativi di Carrè: Saugo Mario; Saugo Aldo; Polga Luciano; Lazzaroni Silvestro; Marini Teodoro. Dopo la Liberazione, latitante, per quel fatto e per collaborazionismo, viene processato dalla CAS di Vicenza il 22.9.45 e condannato a morte per collaborazionismo e concorso in omicidio: “Essi – come recita il dispositivo della sentenza – deliberarono la strage di cinque innocenti con fredda e spietata ferocia; e la convocazione del cosiddetto Tribunale Straordinario di Guerra volle essere soltanto una mera forma per dare parvenza di legalità all\'atroce misfatto” . Presenta ricorso, ma il 19.2.46 la Corte Suprema dichiara inammissibile il ricorso e la sentenza passa in giudicato il 6.3.45. Ripresenta ricorso, e il 21.7.47 la Corte Suprema di Roma, annulla la sentenza per amnistia.

    Tipo di reparto fascista Esercito

    Nome del reparto Battaglione “Fulmine”/X Mas

Memorie
Bibliografia


Pierantonio Gios, Resistenza, Parrocchia e Società nella diocesi di Padova 1943-1945, Ed. Marsilio-Ivsrec, Venezia 1981.
Federico Maistrello (a cura di), Processo ai fascisti del rastrellamento del Grappa. Corte d’Assise Straordinaria di Treviso, 1947, Istresco, Treviso, 2004.
Sonia Residori, Il coraggio dell'altruismo. Spettatori e atrocità collettive nel Vicentino 1943-’45, Ed. Centro Studi Berici-Istrevi, Sossano (VI) 2004.
Sonia Residori, Il massacro del Grappa. Vittime e carnefici del rastrellamento (21-27 settembre 1944), Ed. Cierre-Istrevi, Sommacampagna (Vr) 2007.
Benito Gramola e Roberto Fontana, Il processo del Grappa: dall’ergastolo all’amnistia. Elenco, sintesi e antologia delle carte processuali (1946-1949), Ed. Fraccaro, Bassano del Grappa 2011.
Umberto Scaroni, Soldato dell’Onore. Memorie di un volontario della R.S.I. 1943-1946, Ed. Nuovo Fronte, 2004.
Luca Valente, Dieci giorni di guerra. 22 aprile-2 maggio 1945: la ritirata tedesca e l’inseguimento degli Alleati in Veneto e Trentino, Ed. Cierre, Sommacampagna (Vr), 2006, pag. 178-182, 231-234.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ASVI, CAS, b. 3 fasc. 210,
ASVI, CAS, b. 8 fasc. Contabilità CAS,
ASVI, CAS, b. 14 fasc. 896;
ASVI, CLNP, b. 9 fasc. 2,
ASVI, CLNP, b. 10 fasc. 8, b. 11 fasc.3,
ASVI, CLNP, b. 15, fasc. 2 e 7, b. 16 fasc. C e D,
ASVI, CLNP, b. 20 fasc. Copie Sentenze CAS;
ASVI, Danni di guerra, b. 210, fasc. 14578
ASVI, Danni di guerra, b. 202, 285, fasc. 13927, 19269
Il Giornale di Vicenza.
Il Gazzettino.