Piz di Sospirolo, 2.5.1945

(Belluno - Veneto)

Piz di Sospirolo, 2.5.1945

Piz di Sospirolo, 2.5.1945
Descrizione

Località Piz, Sospirolo, Belluno, Veneto

Data 2 maggio 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 2 maggio 1945, i tedeschi in ritirata nella zona di Sospirolo (Belluno), decidono di prendere alcuni ostaggi per farsi scudo da eventuali attacchi partigiani. Al primo colpo sparato contro i tedeschi, nella frazione di Piz, uno degli ostaggi, Antonio Cesaro viene ucciso.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: La ricostruzione proposta da Gentile è diversa da quella delle altre fonti perché afferma che la vittima sarebbe stata ferita nel corso di uno scontro a fuoco tra tedeschi e partigiani e deceduta il giorno successivo.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-30 16:07:37

Vittime

Elenco vittime

Cesaro Antonio, nato a Cadoneghe (Padova) il 3 o il 5/9/1902.

Elenco vittime civili 1

Cesaro Antonio, nato a Cadoneghe (Padova) il 3 o il 5/9/1902.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Memorie
Bibliografia


Luigi Boschis, Le popolazioni del bellunese nella guerra di liberazione 1943-1945, Castaldi, Feltre, 1986, p. 274;

Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007, p. 388;

Marco Pirina, 1943-1945. Guerra civile sulle montagne, I. Udine-Belluno, Centro studi e ricerche storiche “Silentes Loquimur”, Pordenone, 2001, p. 82;

Marco Pirina, 1943-1945. Guerra civile sulle montagne, II. Pordenone, Belluno, Treviso, Vicenza, Trento, Bolzano, Centro studi e ricerche storiche “Silentes Loquimur”, Pordenone, 2002, p. 52.

Sitografia


Database Gentile.

Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, N 1/11, b.2131.