Madonna della Pietà, San Benedetto del Tronto, 12.06.1944

(Ascoli Piceno - Marche)

Madonna della Pietà, San Benedetto del Tronto, 12.06.1944

Madonna della Pietà, San Benedetto del Tronto, 12.06.1944
Descrizione

Località Frazione Madonna della Pietà, San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno, Marche

Data 12 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Il 12 giugno 1944 i tedeschi, a ridosso della ritirata, depredano e saccheggiano la città. Neutro Spinozzi si trova con altri partigiani in località Ponterotto, sulla strada per Acquaviva Picena, e vuole opporsi alle razzie che stanno compiendo nella borgata, in particolare al furto di una bicicletta a danno della signorina Cossignani Nicolina. Protesta per le ruberie, spalleggiato dai compagni e anche dal Brigadiere dei carabinieri, Elio Fileni, in servizio presso la caserma di San Benedetto. I tedeschi reagirono duramente e improvvisamente Neutro viene ferito a una guancia da un colpo di pistola. Il partigiano lo aggredisce a pugni e riesce a disarmarlo. Ma lo sparo fa accorrere un altro tedesco, che viene abbattuto prima che possa far fuoco con la pistola di cui Neutro si è impadronito. Trascorsi pochi minuti, scendono lungo i tornanti decine di soldati armati di mitragliatrici automontate. Nella sparatoria che segue, Neutro viene ucciso da una raffica. Il Brigadiere Fileni tenta l’impossibile ma viene catturato e trucidato. Perde la vita anche un contadino sessantacinquenne, Salvatore Spinozzi, fulminato dalle raffiche mentre tentava la fuga nei campi.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: ritirata

Estremi e note penali: Il procedimento penale contro ignoti militari tedeschi e italiani per “Violenza, omicidio, saccheggio, incendio, distruzione e grave danneggiamento” nei confronti di cittadini italiani per fatti avvenuti nel territorio di Ascoli Piceno dal 28/11/1943 all’08/06/1944, è stato archiviato nel 1999 per mancata identificazione degli autori del fatto.
Tra essi anche il suddetto episodio.

Scheda compilata da Chiara Donati
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-07 08:27:13

Vittime

Elenco vittime

Fileni Elio, n. 19/03/1914 a Jesi, figlio di Cesare e di Santarelli Teresa, brigadiere dei Carabinieri, era in servizio presso la locale caserma, qualifica Partigiano combattente caduto, Banda Zara (01/01/1944 – 12/06/1944), grado Capo nucleo – Sergente, riconosciutagli il 15/10/1946 ad Ascoli Piceno.

Spinozzi Neutro, n. 17/02/1913 in Ancona, figlio di Daniele antifascista e dirigente sindacalista, qualifica Partigiano combattente caduto, Banda Zara (20/01/1944 – 12/06/1944), grado Ispettore organizzativo btg. – Sotto tenente, riconosciutagli il 07/02/1946 ad Ancona.

Spinozzi Salvatore, n. 7-3-1879 ad Acquaviva Picena, deceduto il 12/06/1944, figlio di Francesco, contadino. Il suo nome non è presente nel Ricompart.

Elenco vittime civili 1

Spinozzi Salvatore

Elenco vittime partigiani 1

Fileni Elio

Elenco vittime carabinieri 1

Spinozzi Neutro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a

    Tipo di memoria: lapide

    Descrizione: Sono state poste due steli commemorative, nel quartiere Ponterotto a San Benedetto, lungo via della Resistenza. Sulle due lapidi si legge: \"Neutro Spinozzi (17-2-1913) Salvatore Spinozzi (7-3-1879), generosi figli d\'Italia, con eroico spirito di sacrifi

  • luogo della memoria a San benedetto del Tronto

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: San benedetto del Tronto

    Descrizione: A San Benedetto è stata intitolata una via a Elio Fileni.

  • luogo della memoria a San benedetto del Tronto

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: San benedetto del Tronto

    Descrizione: Il luogo dell’eccidio ha assunto il nome di Via della Resistenza.

Bibliografia


Anpi Ascoli Piceno, Memorie sulla lotta partigiana, Ascoli Piceno 2002.
ANPI, Comitato provincia di Ascoli Piceno, Memorie sulla lotta partigiana, Linea Grafica, Centobuchi 2003.
Ruggero Giacomini, Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944, Affinità elettive, Ancona 2008.
Ugo Marinangeli, Vita politico-amministrativa sambenedettese 1944-1955 tra cronaca e storia, Banca popolare, San Benedetto del Tronto 1981.
Giuseppe Luconi, L’anno più lungo (25 luglio 1943-20 luglio 1944), Jesi 1994.
Alberto Perozzi, Ai nostri caduti per la libertà 1943-1974, Comune di San Benedetto del Tronto 1974.

Sitografia


www.storiamarche900.it/main?p=storia_territorio_sanbenedetto

Fonti archivistiche

Fonti

Archivio Centrale dello Stato, Fondo Ricompart - Ufficio per il servizio riconoscimento qualifiche e per le ricompense ai partigiani, Marche, schedario e pratica:
n. 83 (Spinozzi Neutro), trasmessa al Ministero della Marina di Roma 24/09/1959.
n. 24607 (Fileni Elio), trasmessa al Distretto militare di Ancona 24/09/1959.
Archivio comunale di Jesi, 1944, IV-6-III, Lettera di Cesare Fileni, padre del caduto, indirizzata il 30-08-1944 al Sindaco di Jesi.
Archivio dell\'Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell\'Esercito, N 1/11, b. 2132.
Procura Generale MilitareRoma, registro generale n. 471, CPI, f. 9/152.