Lentiai, 18.5.1944

(Belluno - Veneto)

Lentiai, 18.5.1944

Lentiai, 18.5.1944
Descrizione

Località Lentiai, Lentiai, Belluno, Veneto

Data 18 maggio 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 6

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime uomini senza informazioni 3

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: La dinamica dell’episodio appare molto complessa e le fonti ne forniscono versioni anche molto diverse. Nel tardo pomeriggio del 18 maggio 1944, salgono a Lentiai (Belluno) due militi della RSI, il sottotenente Lionello Nonno e il vicebrigadiere Carmelo Genovesi (appartenenti alla GNR secondo Gentile, alla banda Carità secondo Sirena) diretti a casa Cristini, alla ricerca di due fratelli, Giovanni e Marinella, legati ai partigiani. I due però non sono in casa (oppure scappano mentre la madre trattiene i fascisti, secondo Boschis) e dunque i soldati decidono di arrestare la madre, Flora Rina Lotti. A questo punto, essendosi sparsa in paese la voce dell’arresto, intervengono il commissario prefettizio Giuseppe Tres e il suo dipendente Rodolfo Colli.
Qui le versioni si diversificano maggiormente.
Secondo Boschis, mentre nell’abitazione si discute, sopraggiungono due SS che, ritenendo tutti i presenti partigiani, fanno fuoco e li uccidono tutti e 5.
Carano sostiene che solo uno dei due soldati repubblicani sarebbe entrato in casa Cristini, mentre l’altro, Genovesi, sarebbe rimasto fuori a custodia dell’autovettura. Qui sarebbe stato circondato da un gruppo di abitanti del paese e, sentendosi minacciato, avrebbe aperto il fuoco uccidendo Antonio Guzzo e ferendo Bruno Scarton. Infine Sirena afferma che all’arrivo dei tedeschi, i due fascisti li avrebbero scambiati per partigiani e avrebbero iniziato a sparare attraverso la porta dell’abitazione, ferendone uno. A quel punto i due tedeschi avrebbero risposto al fuoco uccidendo tutte le persone presenti in casa.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: Procura militare di Padova, n° registro generale 450, fonte CPI 19/14.

Annotazioni: Come si evince dalla descrizione dei fatti, la ricostruzione della dinamica e anche il numero delle vittime è tutt’altro che chiaro, essendo le fonti piuttosto discordi su diversi punti.
Responsabilità solo ipotizzabili. Il nome del maresciallo Hailcae è riportato dalle fonti. Secondo alcune di queste, i tedeschi sopraggiunti a Lentiai appartenevano alle SS e provenivano da Mel. Qui dall’agosto 1944 è segnalato un distaccamento del reggimento SS Polizei “Alpenvorland”, ma alla data dell’episodio non sono registrati reparti tedeschi a Mel.
Le stesse fonti sono tra loro contrastanti anche sul reparto di appartenenza dei due militi coinvolti nell’episodio: secondo Gentile apparterrebbero alla GNR, mentre Sirena sostiene facessero parte della banda Carità.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-08-03 20:36:15

Vittime

Elenco vittime

1. Colli Rodolfo, nato a Montebelluna (Treviso) il 22/9/1922, impiegato;
2. Genovesi Carmelo;
3. Guzzo Antonio, nato a Mel (Belluno), muratore;
4. Lotti Flora Rina (ved. Cristini), nata a Mel (Belluno) l’1/8/1890, casalinga;
5. Nonno Lionello;
6. Tres Giuseppe, nato a Lentiai (Belluno) il 23/5/1906, commissario prefettizio.

Elenco vittime civili 2

1. Colli Rodolfo, nato a Montebelluna (Treviso) il 22/9/1922, impiegato;
2. Tres Giuseppe, nato a Lentiai (Belluno) il 23/5/1906, commissario prefettizio.

Elenco vittime militari 2

1. Genovesi Carmelo;
2. Nonno Lionello.

Elenco vittime legate a partigiani 1

Lotti Flora Rina (ved. Cristini), nata a Mel (Belluno) l’1/8/1890, casalinga

Elenco vittime indefinite 1

Guzzo Antonio, nato a Mel (Belluno), muratore.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Carmelo Genovesi

    Nome Carmelo

    Cognome Genovesi

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note procedimento Procura militare di Padova, n° registro generale 450, fonte CPI 19/14.

    Nome del reparto nazista Non identificati

    Nome del reparto Reparto Non precisato

  • Ignoto Hailcae

    Nome Ignoto

    Cognome Hailcae

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Responsabilità solo ipotizzabili. Il nome del maresciallo Hailcae è riportato dalle fonti. Secondo alcune di queste i tedeschi sopraggiunti a Lentiai appartenevano alle SS e provenivano da Mel. Qui dall’agosto 1944 è segnalato un distaccamento del reggimento SS Polizei “Alpenvorland”, ma alla data dell’episodio non sono registrati reparti tedeschi a Mel.

    Note procedimento Procura militare di Padova, n° registro generale 450, fonte CPI 19/14.

    Nome del reparto nazista Non identificati

    Nome del reparto Reparto Non precisato

  • Lionello Nonno

    Nome Lionello

    Cognome Nonno

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Responsabilità solo ipotizzabili.

    Note procedimento Procura militare di Padova, n° registro generale 450, fonte CPI 19/14.

    Nome del reparto nazista Non identificati

    Nome del reparto Reparto Non precisato

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Municipio di Lentiai (Belluno)

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Municipio di Lentiai (Belluno)

    Descrizione: L’episodio è ricordato da una lapide posta sulla parete nord del Municipio di Lentiai (Belluno).

  • monumento a Piazza Crivellaro, nel centro di Lentiai.

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Piazza Crivellaro, nel centro di Lentiai.

    Descrizione: Colli, Lotti, Guzzo e Tres sono ricordati, insieme ad altri, dal monumento alla Resistenza in piazza Crivellaro, nel centro di Lentiai.

Bibliografia


Luigi Boschis, Le popolazioni del bellunese nella guerra di liberazione 1943-1945, Castaldi, Feltre, 1986, p. 175;

Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007, pp. 430-432;

Sandro Sacco, Le stragi nazifasciste in provincia di Belluno, 1944-1945. Schede, in “Protagonisti”, a. XXXV, n. 107, dicembre 2014, pp. 14-15;

Aldo Sirena, La memoria delle pietre. Lapidi e monumenti ai partigiani in provincia di Belluno, Isbrec, Belluno, 1996, pp. 141, 144.

Sitografia


Database Gentile.

Fonti archivistiche

Fonti