Kaberlaba di Asiago 22 e 27-06-1944

(Vicenza - Veneto)

Kaberlaba di Asiago 22 e 27-06-1944

Kaberlaba di Asiago 22 e 27-06-1944
Descrizione

Località Kaberlaba, Asiago, Vicenza, Veneto

Data 22 giugno 1944 - 27 giugno 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: A Canove di Roana i Carabinieri della locale Stazione hanno già disertato, e al comando del Maresciallo Francesco Molinas, giunti sull’Appennino tosco-emiliano, formeranno una banda partigiana; il 9/6/44 i partigiani del comandante “Broca”, Federico Povolo, incendiano il Municipio, e il 21/6/44, al comando di Alfredo Rodighiero “Giulio”, i partigiani occupano il centro di Canove, sede del Municipio di Roana, arrestano due fascisti (l’impiegato comunale dell’ufficio anagrafe Angelo Magnabosco e il farmacista Giovanni Frigo Milo), ma riescono a sfuggire altri due obiettivi, il segretario comunale Valentino Gramola e il commissario prefettizio Fortunato Frigo Milo. Durante questa azione i partigiani si scontrano con una pattuglia repubblichina, dove resta ucciso il milite della GNR, Legione “Mussolini”, Nicolò Maddalena. Per vendicare il proprio caduto, il 22/6/44 le forze fasciste compiono un primo rastrellamento nella zona del Kaberlaba, durante il quale viene ucciso il civile Angelo Dal Zotto. Lo stesso contesto è all’origine, martedì 27/6/44, della morte del giovane civile Pietro Munari.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: 2° Btg giovanile GNR Legione “Mussolini”. Reparto costituito a Verona nell'autunno 1943 sotto il comando del maggiore Galizia e successivamente del maggiore Boccaccini. Il suo 1° Btg, è un reparto in gran parte costituito da giovani provenienti dai battaglioni e compagnie della GGL ed è comandato dal capitano Canzia; dislocato ad Asiago, il 28/29 maggio partecipa al rastrellamento della Val d'Assa, il 4/5 giugno al rastrellamento a nord dell’Altopiano contro la “7 Comuni” e la banda di Toni Giuriolo e i suoi “Piccoli Maestri”. Il suo 2° Btg “Niccolò Maddalena” risultava in formazione con volontari delle “Fiamme Bianche” e gruppi di ex-renitenti; è presente in Altopiano almeno da fine maggio, partecipa al rastrellamento di Treschè Conca nella notte del 30/31 maggio ’44, il 27 luglio al rastrellamento di Contrà Coa di Asiago e al rastrellamento di Granezza 6/7 settembre. La Legione, aggregata alla 1^ Divisione GNR “Etna”, è successivamente sciolta; dopo specifico corso a Bassano, è suddivisa in vari reparti contraerei dipendenti dal 4°Flak pesante (Maj Blok) dislocato col 310° Gruppo da Forlì a Bologna, a protezione della SS 9 “Emilia”; i componenti la ex Legione “M” partecipano come effettivi Flak al rastrellamento del Grappa.

Scheda compilata da Pierluigi Dossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-28 12:38:23

Vittime

Elenco vittime

1. Angelo Dal Zotto di Raimondo ed Elvira Borgato, cl. 27, nato a Canove di Roana e residente a Cogollo del Cengio; civile; non ha ancora 17 anni e non è partigiano; conduce da pochi giorni con i familiari una piccola malga; la mattina del 22/6/44 è uscito al pascolo con le vacche e cerca una vitellina che non si trova; è colpito a morte con una raffica di mitra presso il cimitero inglese del “Boscon”; subito raccolto dai parenti e posto su una carretta, muore dissanguato strada facendo;
2. Pietro Munari di Nicolò, civile; è ferito a morte il 27/6/44, mentre sta tagliando la legna nel bosco.

Elenco vittime partigiani 2

1. Angelo Dal Zotto di Raimondo ed Elvira Borgato, cl. 27, nato a Canove di Roana e residente a Cogollo del Cengio; civile; non ha ancora 17 anni e non è partigiano; conduce da pochi giorni con i familiari una piccola malga; la mattina del 22/6/44 è uscito al pascolo con le vacche e cerca una vitellina che non si trova; è colpito a morte con una raffica di mitra presso il cimitero inglese del “Boscon”; subito raccolto dai parenti e posto su una carretta, muore dissanguato strada facendo;
2. Pietro Munari di Nicolò, civile; è ferito a morte il 27/6/44, mentre sta tagliando la legna nel bosco.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


2. battaglione giovanile della Legione GNR “Mussolini”

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a

    Tipo di memoria: cippo

    Descrizione: Colonna mozza su base cubica con foto in loc. Boscon di Cesuna.

Bibliografia


Pierantonio Gios, Resistenza, Parrocchia e Società nella diocesi di Padova 1943-1945, Ed. Marsilio-Ivsrec, Venezia 1981.
Pierantonio Gios, Fascismo, Guerra e Resistenza sull'Altipiano: l'itinerario religioso-pastorale dell'Arciprete di Asiago Bartolomeo Fortunato (1932-1946) Ed. tip. Moderna, Asiago 1995.
Pierantonio Gios, Controversie sulla Resistenza ad Asiago e in Altopiano, Ed. Tip. Moderna, Asiago 1999.
Pierantonio Gios, Il Comandante “Cervo”, capitano Giuseppe Dal Sasso, Ed. Tip. Moderna, Asiago 2002
Benito Gramola, “Monte Grappa, tu sei la mia Patria”. La Brigata “Martiri del Grappa”, AVL, Bassano del Grappa (VI) 2003.
Benito Gramola, Tino Marchetti, Maria Grazia Rigoni, “Tu che passi sosta e medita”. Monumenti, cippi e lapidi della Resistenza sull’Altopiano, Ed. AVL, Quaderno n° 3, Vicenza 2003.
don Carlo Frigo, Mosson e oltre; copia in Banca Dati CSSMP.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti