Porta Manazzo Asiago 21-05-1944

(Vicenza - Veneto)

Porta Manazzo Asiago 21-05-1944

Porta Manazzo Asiago 21-05-1944
Descrizione

Località Porta Manazzo, Asiago, Vicenza, Veneto

Data 21 maggio 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Nella primavera del 1944, sull’Altopiano dei 7 Comuni, in zona Val Galmarara e Val Renzola, Larici, Portule e successivamente verso Cima Undici, era arrivato un po’ alla volta un forte gruppo di garibaldini della Br “Garemi”, in contatto per i rifornimenti con Giacomo e Pietro Scaggiari di Asiago. Verso la metà di maggio del ’44, Gianni Marostegan “Gimmy” (poi commissario politico della Brigata “Pasubiana”), con 5 uomini scende in Val d’Astico e il 18/5/1944, tra Arsiero e Barcarola, cattura un camion rifornimenti della Scuola Allievi Ufficiali della GNR “Vicenza” di Tonezza (ex Colonia “Umberto I”), e rientra alla base con viveri e 7 prigionieri. Per rappresaglia i fascisti organizzano subito i primi rastrellamenti: già il 18 perquisiscono ogni casa di Pedescala e nel pomeriggio del 21 irrompono in chiesa e tutti gli uomini che assistono ai vesperi domenicali sono minacciati con le armi e portati come ostaggi ad Asiago; a Casotto saccheggiano e danno alle fiamme alcune case, contemporaneamente a Rotzo saccheggiano altre abitazioni e arrestano una trentina di uomini; rastrellano anche Roana e Mezzaselva dove catturano un’altra sessantina di persone. Sempre il 21, a Porta Manazzo, alcune colonne di nazi-fascisti danno la caccia alla formazione partigiana ritenuta responsabile dei fatti in Val d’Astico: al rastrellamento partecipano anche gli allievi ufficiali di Tonezza; i garibaldini, individuati, si buttano a valle ma il partigiano Ferruccio Bergozza “Speranza” è ucciso, e due partigiani cadono prigionieri (Luigi Organo, che viene fucilato e Girolamo Lampo, poi deportato a Dacau); i rastrellatori saccheggiano e bruciano le baite forestali e le malghe della zona, potenziali rifugi per i partigiani.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: deportazione della popolazione,furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rastrellamento
--> Per saperne di più sulle tipologie

Scheda compilata da Pierluigi Dossi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-28 11:29:56

Vittime

Elenco vittime

Luigi Organo da Poleo di Schio; partigiano.

Elenco vittime partigiani 1

Luigi Organo da Poleo di Schio; partigiano.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Scuola Allievi Ufficiali della GNR “Vicenza”

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Memorie
Bibliografia


Aramin (Orfeo Vangelista), Guerriglia al nord, Ed. Vangelista. Milano 1995.
Giulio Vescovi, Resistenza nell’Alto Vicentino. Storia della Divisione Alpina “Monte Ortigara” 1943-1945, Ed. La Serenissima, Vicenza 1975 e 1997.
Pierantonio Gios, Resistenza, Parrocchia e Società nella diocesi di Padova 1943-1945, Ed. Marsilio-Ivsrec, Venezia 1981.
Pierantonio Gios, Clero, Guerra e Resistenza nelle relazioni dei Parroci, Ed. Ist.St.Ecles., Padova 2007.
Benito Gramola, Tino Marchetti, Maria Grazia Rigoni, “Tu che passi sosta e medita”. Monumenti, cippi e lapidi della Resistenza sull’Altopiano, Ed. AVL, Quaderno n° 3, Vicenza 2003.
Emilio Franzina, Vicenza di Salò. Storia, memoria e politica fra Rsi e dopoguerra, Ed. Agorà, Dueville (Vi) 2008.
Emilio Franzina, “la provincia più agitata”. Vicenza al tempo di Salò attraverso i Notiziari della Guardia nazionale repubblicana e altri documenti della Rsi (1943-1945), Ivsrec, Padova 2008.
Dino De Guio, Una mia incredibile storia di guerra, Ed. Cleup, Padova 2012.
Quaderni della Resistenza, n°6 novembre 1978, Ed. “Gruppo Cinque” Schio (VI).
Comitato Veneto-Trentino, Brigate d’assalto “Garemi”, Padova 1978, Elenco Caduti.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio di Stato di Vicenza (ASVI), fondo Danni di guerra.