CHIANCIANO TERME 26.04.1944

(Siena - Toscana)

CHIANCIANO TERME 26.04.1944

CHIANCIANO TERME 26.04.1944
Descrizione

Località Chianciano Terme, Chianciano Terme, Siena, Toscana

Data 26 aprile 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Ucciso nel corso di un rastrellamento nel centro abitato di Chianciano. Per sfuggire al rastrellamento si era nascosto nella soffitta della sua casa alla "Rinascente", ma venne ucciso appena scoperto, probabilmente scambiato per Beppe Bianchi, il capo dei partigiani di Chianciano. Del suo omicidio vennero accusati i militi della "Casermetta" di Siena.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Il processo per l’omicidio si svolse a Siena nel 1947/1948. Non fu possibile però individuare con certezza quale dei militi della casermetta l’avesse ucciso e se per errore o per scelta. L’omicidio rimase così impunito.

Scheda compilata da Giulietto Betti, Marco Conti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-13 22:19:15

Vittime

Elenco vittime

Mencattelli Demetrio, nato il 23/03/1904 a Chianciano Terme (Siena) e ivi residente. Operaio presso la Fattoria degli Origo. Riconosciuto partigiano dal 01/04/1944 al 26/04/1944. Raggruppamento “Monte Amiata”, 4. Gruppo Bande, 1. Banda.

Elenco vittime partigiani 1

Mencattelli Demetrio.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Viene ricordato in occasione del 25 aprile con una sosta nella via a lui intitolata.

  • altro a

    Tipo di memoria: altro

    Descrizione: Il Comune di Chianciano Terme gli ha intitolato una via.

Bibliografia


AA. VV., Chianciano Terme 1900-1945 - Cronache, documenti, testimonianze, Periccioli, Siena, 1984.
Stefano Bistarini, Perché gli altri non dimentichino - Chiusi, cronaca di dolore, lutti e distruzioni in un solo anno dei suoi 40 secoli di vita. Luglio 1943 - Luglio 1944, Pagnini e Martinelli editori, Firenze, 2001.
Alberto Fabbri, Chianciano fegato sano. 1926-1952 gli anni dello sviluppo e dell’affermazione della stazione termale, Le Balze, Montepulciano, 2003.
Elio Matarazzo, Son la mammina di tre gattini … Documenti e testimonianze di vita quotidiana nel movimento di Resistenza in Val d'Orcia. 1943-1944, Le Balze, Montepulciano, 2005.
Vittorio Meoni, Messaggi di Pietra. Immagini della Resistenza senese, Nuova Immagine Editrica, Siena, 1993.
Iris Origo, Guerra in Val d'Orcia, Vallecchi, Firenze, 1965.
D. Ivo Petri, Pienza - Storia breve di una simbolica città, Edigraphica, Genova, 1972.
Ferrero Giovanni Poggiani, Memoria di un partigiano, Polistampa, Firenze, 2002.
La Nazione Italiana, Cronaca di Siena, 8 e 9 luglio 1950.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ACS, Gabinetto della Prefettura, Anno 1946. Atti della Commissione provinciale per i crimini di guerra.
AUSSME, b. 2132