CASASTIERI POGGIBONSI 06.07.1944

(Siena - Toscana)

CASASTIERI POGGIBONSI 06.07.1944

CASASTIERI POGGIBONSI 06.07.1944
Descrizione

Località Casastieri, Poggibonsi, Siena, Toscana

Data 6 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: La vittima venne fucilata dai tedeschi in quanto sospettata di essere un informatore dei partigiani e per "sospetta intelligenza con le truppe alleate avanzanti".

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Annotazioni: In altra fonte viene detto che fu fucilato da militari tedeschi che pretendevano dell'olio di oliva.
Alcune fonti indicano la data di nascita del 1893.

Scheda compilata da Giulietto Betti, Marco Conti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-13 22:07:35

Vittime

Elenco vittime

Grisolaghi Giuseppe, nato il 18/10/1887 a Berberino Val d’Elsa (Firenze) e residente a Poggibonsi. Colono.

Elenco vittime civili 1

Grisolaghi Giuseppe.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Claudio Biscarini, Strassenkreuz Poggibonsi. Come la città visse la II Guerra Mondiale, A. Sto. P., La Tipografica, Poggibonsi, 2009.
Ugo Jona (a cura di), Le rappresaglie nazifasciste sulle popolazioni toscane. Diario di diciassette mesi di sofferenze e di egoismi, ANFIM, Firenze-1992, Nuova Stamperia Parenti, Firenze, 1993.
Rassegna Sindacale, Settimanale, Siena, 1 luglio 1945.
Rinascita, settimanale, Siena, vari fascicoli tra il 30 gennaio 1946 ed il 28 febbraio 1946.

Sitografia


DHI Roma, La presenza militare tedesca in Italia 1943-1945.

Fonti archivistiche

Fonti

ANPI Siena, Corrispondenza con i comuni della provincia di Siena in occasione delle celebrazioni del ventennale della Resistenza (1964).
AS Siena, Gabinetto della Prefettura, Anno 1946. Atti della Commissione provinciale per i crimini di guerra.
CPI, 49/15
CSIT, AUSSME, N 1/11, b. 2132