Arsiera, 10.10.1944

(Belluno - Veneto)

Arsiera, 10.10.1944

Arsiera, 10.10.1944
Descrizione

Località Arsiera, Cibiana di Cadore, Belluno, Veneto

Data 10 ottobre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Il 9 ottobre 1944 inizia un rastrellamento della zona del Cadore (Belluno) tra Valle e Cibiana, da parte di pattuglie tedesche che saccheggiano e incendiano molte abitazioni, oltre a deportare molti abitanti costringendoli al lavoro nelle opere di fortificazione. Francesco Bazzo e Sergio Giavi, entrambi disertori delle forze armate tedesche, nascosti insieme ad altri tre in una stalle a Venas di Valle (Belluno), decidono di spostarsi in zone più sicure. Il giorno dopo, 10 ottobre 1944, il loro nascondiglio viene scoperto, vengono inseguiti e raggiunti in località Arsiera, comune di Cibiana di Cadore (Belluno). Bazzo viene ucciso subito, mentre Giavi tenta la fuga ma viene ripreso e ucciso.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,incendio di abitazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: La responsabilità dei reparti suindicati è solo ipotizzabile, in quanto presenti sul territorio. Le fonti non concordano sulla località dell’esecuzione (Venas di Valle di Cadore, secondo Gentile; Arsiera di Cibiana di Cadore, secondo Boschis e Sirena) e sul mese di nascita di Bazzo Francesco. La relazione dei Carabinieri di Forno di Zoldo colloca l’esecuzione ad Arsiera, ma posticipa la data al 14 ottobre e cita un terzo patriota ucciso in locailità Monte Ponta che nessun’altra fonte ricorda.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-25 11:39:23

Vittime

Elenco vittime

1. Bazzo Francesco “Fido”, nato a Venas di Valle di Cadore (Belluno) il 2/8/1925;
2. Giavi Sergio, nato a Valle di Cadore (Belluno) il 22/6/1925.

Elenco vittime partigiani 1

Bazzo Francesco “Fido”, nato a Venas di Valle di Cadore (Belluno) il 2/8/1925;

Elenco vittime renitenti 1

Giavi Sergio, nato a Valle di Cadore (Belluno) il 22/6/1925.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

SS-Polizei-Regiment Bozen

Tipo di reparto: Polizei
Appartenenza: Ordnungspolizei

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Chiesetta d’Orsina, tra Pieve di Cadore e Calazo (Belluno)

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Chiesetta d’Orsina, tra Pieve di Cadore e Calazo (Belluno)

    Descrizione: Il nome di Francesco Bazzo è ricordato in un monumento ai caduti del Cadore collocato sul sagrato della chiesetta d’Orsina, tra Pieve di Cadore e Calazo (Belluno).

Bibliografia


Luigi Boschis, Le popolazioni del bellunese nella guerra di liberazione 1943-1945, Feltre, Castaldi, 1986, p. 224;

Giovanni De Donà, Walter Musizza (a cura di), Guerra e resistenza in Cadore. Cronache di venti mesi di lotta tra Pelmo e Peralba (1943-45), Isbrec, Belluno, 2005, pp. 275-276;

Aldo Sirena, La memoria delle pietre. Lapidi e monumenti ai partigiani in provincia di Belluno, Isbrec, Belluno, 1996, pp. 185-192.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AISBREC, Fondo Resistenza, b. 4, fasc. 13, Giurisdizione della stazione di Longarone;

AISBREC, Fondo Resistenza, b. 4, fasc. 13, Giurisdizione della stazione di Forno di Zoldo;

AUSSME, N 1/11, b.2131.