Via Panoramica Bassa, Montese, 20.03.1944

(Modena - Emilia-Romagna)

Via Panoramica Bassa, Montese, 20.03.1944

Via Panoramica Bassa, Montese, 20.03.1944
Descrizione

Località Via Panoramica Bassa, Montese, Montese, Modena, Emilia-Romagna

Data 20 marzo 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: All’inizio di marzo del 1944 la Guardia Nazionale Repubblicana organizza alcune azioni di rastrellamento nella montagna modenese per cercare di stanare i numerosi renitenti alla leva della RSI e impedire alle prime formazioni partigiane di organizzarsi in maniera efficace. Il lavoro delle spie consente ai tedeschi e ai fascisti di individuare alcune staffette e diversi combattenti del nascente movimento di liberazione. Il 20 marzo 1944 Rinaldo Santi – renitente alla leva della RSI e riconosciuto partigiano – viene fucilato lungo l’attuale via Panoramica Bassa, a Montese: se Ilva Vaccari attribuisce la responsabilità del fatto prima ai fascisti e poi ai tedeschi, la lapide non chiarisce i dubbi poiché fa riferimento alla “barbaria nazifascista”. Non ci sono documenti che forniscano determinazioni specifiche sugli esecutori dell’uccisione: anche se la data coincide con le ultime violenze legate alla strage di Monchio, Susano, Costrignano, Cervarolo e Savoniero, appare più probabile che la responsabilità sia stata dei fascisti, che in quella fase erano molto più attivi dei tedeschi nella ricerca dei disertori e nella punizione dei “nemici” del Duce. La pubblicazione del gruppo “Il Trebbo” dal titolo “Montese. Fascismo, guerra e ricostruzione” sostiene che l’uccisione sia stata effettuata dai fascisti.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: Non ci sono documenti che forniscano determinazioni specifiche sugli esecutori dell’uccisione: anche se la data coincide con le ultime violenze legate alla strage di Monchio, Susano, Costrignano, Cervarolo e Savoniero, appare più probabile che la responsabilità sia stata dei fascisti, che in quella fase erano molto più attivi dei tedeschi nella ricerca dei disertori e nella punizione dei “nemici” del Duce. La pubblicazione del gruppo “Il Trebbo” dal titolo “Montese. Fascismo, guerra e ricostruzione” sostiene che l’uccisione sia stata effettuata dai fascisti.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La fucilazione di Rinaldo Santi è rimasta nella memoria di Montese poiché il ventenne di Ranocchio è stato il primo partigiano fucilato dai fascisti nel territorio del comune.

Scheda compilata da Daniel Degli Esposti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-26 17:36:15

Vittime

Elenco vittime

1. Rinaldo Santi: nato a Montese (MO) il 14 settembre 1923, figlio di Giovanni e Maria Guerri, residente a Ranocchio di Montese, operaio, partigiano. Renitente alla leva della RSI, la documentazione dell’ANPI modenese lo riconosce “partigiano” dal 4 gennaio 1944, ma non lo inserisce nell’organico di nessuna brigata, mentre Ilva Vaccari lo colloca fra gli uomini del “Comando”. Il 20 marzo 1944 viene fucilato lungo l’attuale via Panoramica Bassa, a Montese: se Ilva Vaccari attribuisce la responsabilità del fatto prima ai fascisti e poi ai tedeschi, la lapide non chiarisce i dubbi poiché fa riferimento alla “barbaria nazifascista”. Non ci sono documenti che forniscano determinazioni specifiche sugli esecutori dell’uccisione: anche se la data coincide con le ultime violenze legate alla strage di Monchio, Susano, Costrignano, Cervarolo e Savoniero, appare più probabile che la responsabilità sia stata dei fascisti, che in quella fase erano molto più attivi dei tedeschi nella ricerca dei disertori e nella punizione dei “nemici” del Duce. La pubblicazione del gruppo “Il Trebbo” dal titolo “Montese. Fascismo, guerra e ricostruzione” sostiene che l’uccisione sia stata effettuata dai fascisti.

Elenco vittime partigiani 1

Rinaldo Santi

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Via Panoramica Bassa, Montese

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Via Panoramica Bassa, Montese

    Descrizione: Rinaldo Santi è commemorato da una lapide posta sulla parete rocciosa che sovrasta il luogo della fucilazione.

Bibliografia


Ermanno Gorrieri, La repubblica di Montefiorino, Bologna, Il Mulino, 1970.
Gruppo di documentazione “Il Trebbo – Montese” (a cura di), Montese. Fascismo, guerra e ricostruzione, Golinelli, 1990.
Claudio Silingardi, Una provincia partigiana, Milano, Franco Angeli, 1998.
Ilva Vaccari, Dalla parte della libertà, Santa Sofia di R., Stab. Tip. dei Comuni per COOP Estense, 1999, pag. 549.

Sitografia


http://emilia-romagna.anpi.it/modena/calendario/1944_03.html

Fonti archivistiche

Fonti