Villanova di Camposampiero, 7-8.4.1945

(Padova - Veneto)

Villanova di Camposampiero, 7-8.4.1945

Villanova di Camposampiero, 7-8.4.1945
Descrizione

Località Villanova di Camposampiero, Villanova di Camposampiero, Padova, Veneto

Data 7 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il paese di Villanova di Camposampiero (Padova) è oggetto fin dalla metà del 1944 di numerosi rastrellamenti. La Brigata nera di Campodarsego, il 9 luglio 1944, ha già bruciato la casa dei Berto che hanno due figli partigiani ricercati. Nella notte tra il 7 e l’8 aprile 1945 i brigatisti De Sero e Miatello conducono un nuovo rastrellamento in cerca di una ricetrasmittente. L’obiettivo è ancora l’abitazione della famiglia Berto, dove viene trovato Gianni, il fratello minore che non era partigiano, ma scambiato per uno dei fratelli maggiori viene ucciso sul posto.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Condannati dalla CAS di Padova in primo grado a morte De Sero e a 15 anni Miatello. Successivamente la pena di morte viene commutata in 30 anni di carcere per De Sero, mentre Miatello viene amnistiato. De Sero riceve ulteriori condoni della pena, fino alla libertà condizionata nel 1950. Sia Mattiazzo che Vigato sono condannati a 30 anni di reclusione.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-24 22:23:44

Vittime

Elenco vittime

Berto Gianni, nato a Villanova di Camposampiero (Padova) il 16/7/1925.

Elenco vittime legate a partigiani 1

Berto Gianni, nato a Villanova di Camposampiero (Padova) il 16/7/1925.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio De Sero

    Nome Antonio

    Cognome De Sero

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a S. Pietro Viminario (Padova) il 2/2/1925, componente delle Brigate nere.

    Note procedimento Condannato dalla CAS di Padova a morte in primo grado, commutata successivamente in 30 anni di carcere. De Sero riceve ulteriori condoni della pena, fino alla libertà condizionata nel 1950.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 18. Brigata nera “Luigi Begon” di Padova/Distaccamento di Campodarsego

  • Antonio Vigato

    Nome Antonio

    Cognome Vigato

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Vice comandante brigate nere di Campodarsego (Padova).

    Note procedimento Condannato a 30 anni di reclusione dalla CAS di Padova.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 18. Brigata nera “Luigi Begon” di Padova/Distaccamento di Campodarsego

  • Ferruccio Mattiazzo Gelmi

    Nome Ferruccio

    Cognome Mattiazzo Gelmi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Comandante brigate nere di Campodarsego (Padova).

    Note procedimento Condannato a 30 anni di reclusione dalla CAS di Padova.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 18. Brigata nera “Luigi Begon” di Padova/Distaccamento di Campodarsego

  • Giovanni Miatello

    Nome Giovanni

    Cognome Miatello

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Campodarsego (Padova) il 16/5/1912, componente delle Brigate nere.

    Note procedimento Condannato in primo grado a 15 anni dalla CAS di Padova, viene poi amnistiato.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 18. Brigata nera “Luigi Begon” di Padova/Distaccamento di Campodarsego

Memorie
Bibliografia


Marco Borghi, Alessandro Reberschegg, Fascisti alla sbarra: l'attività della Corte d'Assise straordinaria di Venezia, 1945-1947, Comune di Venezia, Istituto veneziano per la storia della resistenza e della società contemporanea, Venezia, 1999, pp. 350-351;

Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007, p. 132;

Egidio Ceccato, Resistenza e normalizzazione nell'Alta Padovana. Il caso Verzotto, le stragi naziste, epurazione ed amnistie, la crociata anticomunista, Centro studi Ettore Luccini, Padova, 1999, pp. 186-187; 303;

Pietro Galletto, La Resistenza in Italia e nel Veneto: lineamenti di storia, G. Battagin, San Zenone degli Ezzelini, 2000, p. 209;

Pierantonio Gios, Guerra e Resistenza: le relazioni dei parroci della Provincia di Padova, Pliniana, Selci-Lama (PG), 2007, p. 566;

Pierantonio Gios, Resistenza, parrocchia e società nella diocesi di Padova: 1943-1945, Marsilio, Venezia, 1981, p. 327.

Sitografia


http://www.centrostudifeltrin.it/ElencoCaduti.aspx.

Fonti archivistiche

Fonti

ACASREC, Sez. I, b. 22, fasc. 1.3, Elenco caduti brigata GL “C. Lubian”.