Saonara-Villatora, 28.4.1945

(Padova - Veneto)

Saonara-Villatora, 28.4.1945

Saonara-Villatora, 28.4.1945
Descrizione

Località Saonara-Villatora, Saonara, Padova, Veneto

Data 28 aprile 1945

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 45

Numero vittime uomini 44

Numero vittime bambini 1

Numero vittime uomini ragazzi 5

Numero vittime uomini adulti 32

Numero vittime uomini anziani 6

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne senza informazioni 1

Descrizione: Tra le sera del 27 aprile 1945 e la mattina del giorno successivo, truppe tedesche in ritirata giungono nella zona di Saonara e Villatora (Padova). Un gruppo di SS, con alcune brigate nere, si insedia a villa Bauce, mentre reparti della Wehrmacht si trovano nella vicina casa Pimpinato. Lo stesso 27 aprile i partigiani della zona ottengno la resa dei fascisti di Ponte di Brenta e Camin (Padova), oltre a disarmare un gruppo di nazisti, uccidendone uno. Il giorno dopo le scaramucce continuano, Antonio Zago e Nereo Menegazzo, muoiono in combattimento, mentre una suora, Lucilda Sinicato, è colpita da un colpo di fucile mentre cuce alla finestrea. Tuttavia, forti dei successi del giorno precedente, i partigiani si portano a Saonara per disarmare i tedeschi lì accampati. Mentre Luigi Tombola, Sandro Bosello e Umberto Gabbani trattano la resa dei nazisti a casa Pimpinato, la formazione SS, in procinto di partire, viene chiamata a rinforzo. Le SS attaccano i partigiani davanti a casa Pimpinato e la situazione precipita. Tutti i ribelli vengono fatti progionieri, insieme alle persone presenti nella fattoria Pimpinato. Alla ricerca dei partigiani fuggiti i nazisti rastrellano la zona, uccidendo Riccardo Frasson, Orlando Toninato, Innocente Sanavio e il figlio Dorino, Vittorio Daniele, Sante Bettin, Ernesto Moretto, Agostino Rigato (il padre Riccardo viene ferito ad una gamba) e Angelo Zuin. Altri 35 ostaggi catturati nel rastrellamento vengono portati prima in casa Pimpinato e poi a villa Bauce. Il comandante delle SS vuole fucilare tutti gli ostaggi rastrellati e a nulla vale l’opposizione di alcuni fascisti locali e addirittura di alcuni tedeschi. Giuseppe Dezio prova ad offrirsi al posto di tutti gli altri, ma i tedeschi fanno solo finta di accettare. Un ufficiale nazista prende gli ostaggi tre alla volta e spara loro alla testa, gettandoli in un fossato.

Modalità di uccisione: fucilazione,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,sevizie-torture

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Procura militare di Padova, n° registro generale 211/96/RGI. Responsabilità desumibili dalle testimonianze riportate dalle fonti.

Annotazioni: Il problema principale è stabilire il numero preciso. Se la cifra più probabile è 45, le fonti sono, a questo proposito, piuttosto discordanti, per quanto le vittime complessive dovrebbero essere comunque superiori alle 40 unità. Tuttavia in alcuni casi si tiene conto anche dei partigiani caduti tra Camin e Villatora, in altri no, con il risultato che, anche avendo la lista delle vittime, non si riesce a distinguere quali di queste siano cadute in combattimento e quali invece fucilate per rappresaglia. Non è stato possibile stabilire la sorte di uno dei comandanti partigiani, Sandro Bosello. Per la sorte dell’altro, Luigi Tombola, cfr. scheda “Sant’Angelo di Piove, 29.4.1945”.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La memoria si divide sul giudizio da dare alle azioni partigiani che precedono immediatamente la strage.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-01-25 15:31:45

Vittime

Elenco vittime

1. Barbiero Primo, nato ad Abano Terme (Padova) il 28/7/1923, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
2. Bares Bruno, nato a Villatora (Padova) il 29/8/1927, fucilato a Villa Bauce;
3. Barzon Olindo, nato a Camin (Padova) il 1/1/1921, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
4. Berto Luigi, nato a Padova il 7/1/1931, fucilato a Villa Bauce;
5. Bettin Sante, nato a Villatora (Padova) il 3/2/1925, ucciso durante il rastrellamento;
6. Bravi Giovanni Battista, nato a Vigodarzere (Padova) il 16/5/1876, fucilato a Villa Bauce;
7. Bravi Guglielmo, nato a Ponte di Brenta (Padova) il 9/7/1923, fucilato a Villa Bauce;
8. Cacco Luigi, nato a Villatora (Padova) l’11/6/1929, fucilato a Villa Bauce;
9. Daniele Alcide, nato a Saonara (Padova) il 12/9/1922, fucilato a Villa Bauce;
10. Daniele Aldo, nato a Villatora (Padova) il 1/3/1918, fucilato a Villa Bauce;
11. Daniele Pato Vittorio, nato a Villatora (Padova) il 23/7/1897, ucciso durante il rastrellamento;
12. De Giuli Giovanni, nato a Venezia il 24/10/1928, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
13. Destro Cesare, nato a Camin (Padova) il 14/6/1892, collaboratore dei partigiani, fucilato a Villa Bauce;
14. Dezio Giuseppe, nato a Montesilvano (Pescara) l’11/5/1877, generale dei Carabinieri in pensione, fucilato a Villa Bauce;
15. Frasson Riccardo, nato a Villatora (Padova) il 1/2/1893, ucciso durante il rastrellamento;
16. Gabbani Umberto, nato a Stra (Venezia) il 29/1/1907, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
17. Gobbi Giorgio, nato a Villatora (Padova) il 3/4/1892, fucilato a Villa Bauce;
18. Gogna Mario, nato a Vigonovo (Venezia) il 19/2/1928, fucilato a Villa Bauce;
19. Gogna Narciso, nato a Vigonovo (Venezia) il 10/6/1897, fucilato a Villa Bauce;
20. Lazzaro Bruno, nato a Camin (Padova) il 3/5/1927, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
21. Marcato Nereo, nato a Villatora (Padova) il 23/5/1923, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
22. Moretto Ernesto, nato a Padova il 9/8/1906, ucciso durante il rastrellamento;
23. Nicoletto Antonio, nato a Villatora (Padova) il 5/12/1916, fucilato a Villa Bauce;
24. Pagliarin Pasquale, nato a Villatora (Padova) il 30/9/1923, fucilato a Villa Bauce;
25. Pagnin Andrea, nato a Saonara (Padova) il 17/10/1870, fucilato a Villa Bauce;
26. Pagnin Antonio Pietro, nato a Saonara (Padova) il 9/12/1911, fucilato a Villa Bauce;
27. Pagnin Attilio, nato a Saonara (Padova) il 20/8/1921, fucilato a Villa Bauce;
28. Pari Guido, nato a Camisano Vicentino (Vicenza) il 25/3/1909, fucilato a Villa Bauce;
29. Pasquato Silvio, nato a Villatora (Padova) il 9/3/1906, fucilato a Villa Bauce;
30. Pigozzo Elio, nato a Saonara (Padova) il 19/4/1929, fucilato a Villa Bauce;
31. Pigozzo Placido, nato a Saonara (Padova) il 13/1/1931, fucilato a Villa Bauce;
32. Pimpinato Decio, nato a Villatora (Padova) il 2/4/1902, fucilato a Villa Bauce;
33. Pimpinato Riccardo Guido, nato a Villatora (Padova) il 16/6/1897, fucilato a Villa Bauce;
34. Rigato Agostino, nato a Padova il 22/12/1939, ucciso durante il rastrellamento;
35. Salmaso Rino, nato a Ponte San Nicolò (Padova) il 27/6/1925, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
36. Salmaso Sante, nato a Villatora (Padova) il 16/3/1880, fucilato a Villa Bauce;
37. Sanavio Dorino, nato a Villatora (Padova) il 28/4/1924, ucciso durante il rastrellamento;
38. Sanavio Innocente, nato a Villatora (Padova) il 6/6/1894, ucciso durante il rastrellamento;
39. Sinicato Lucilda, nata a Noventa Vicentina (Vicenza) il 28/1/1911, suora, uccisa la mattina del 28/4/1945 a Camin (Padova);
40. Sorgato Mario, nato a Saonara (Padova) l’8/10/1896, fucilato a Villa Bauce;
41. Tapparo Emilio, nato a Pianiga (Venezia) il 9/9/1885, fucilato a Villa Bauce;
42. Toninato Orlando, nato a Villatora (Padova) il 22/12/1925, ucciso durante il rastrellamento;
43. Trolese Sebastiano, nato a Villatora (Padova) il 21/1/1880, fucilato a Villa Bauce, morto dopo in ospedale;
44. Zuanti Erminio, nato a Padova il 25/2/1908, fucilato a Villa Bauce;
45. Zuin Angelo, nato a Villatora (Padova) il 29/12/1900, ucciso durante il rastrellamento.

Elenco vittime civili 11

1. Frasson Riccardo, nato a Villatora (Padova) il 1/2/1893, ucciso durante il rastrellamento;
2. Toninato Orlando, nato a Villatora (Padova) il 22/12/1925, ucciso durante il rastrellamento;
3. Sanavio Innocente, nato a Villatora (Padova) il 6/6/1894, ucciso durante il rastrellamento;
4. Sanavio Dorino, nato a Villatora (Padova) il 28/4/1924, ucciso durante il rastrellamento;
5. Daniele Pato Vittorio, nato a Villatora (Padova) il 23/7/1897, ucciso durante il rastrellamento;
6. Bettin Sante, nato a Villatora (Padova) il 3/2/1925, ucciso durante il rastrellamento;
7. Moretto Ernesto, nato a Padova il 9/8/1906, ucciso durante il rastrellamento;
8. Rigato Agostino, nato a Padova il 22/12/1939, ucciso durante il rastrellamento;
9. Zuin Angelo, nato a Villatora (Padova) il 29/12/1900, ucciso durante il rastrellamento.
10. Pimpinato Decio, nato a Villatora (Padova) il 2/4/1902, fucilato a Villa Bauce;
11. Pimpinato Riccardo Guido, nato a Villatora (Padova) il 16/6/1897, fucilato a Villa Bauce

Elenco vittime partigiani 7

1. Barbiero Primo, nato ad Abano Terme (Padova) il 28/7/1923, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
2. Barzon Olindo, nato a Camin (Padova) il 1/1/1921, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
3. De Giuli Giovanni, nato a Venezia il 24/10/1928, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
4. Gabbani Umberto, nato a Stra (Venezia) il 29/1/1907, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
5. Lazzaro Bruno, nato a Camin (Padova) il 3/5/1927, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
6. Marcato Nereo, nato a Villatora (Padova) il 23/5/1923, partigiano, fucilato a Villa Bauce;
7. Salmaso Rino, nato a Ponte San Nicolò (Padova) il 27/6/1925, partigiano, fucilato a Villa Bauce;

Elenco vittime carabinieri 1

Dezio Giuseppe, nato a Montesilvano (Pescara) l’11/5/1877, generale dei Carabinieri in pensione, fucilato a Villa Bauce;

Elenco vittime religiosi 1

Sinicato Lucilda, nata a Noventa Vicentina (Vicenza) il 28/1/1911, suora, uccisa la mattina del 28/4/1945 a Camin (Padova).

Elenco vittime legate a partigiani 1

Destro Cesare, nato a Camin (Padova) il 14/6/1892, collaboratore dei partigiani, fucilato a Villa Bauce;

Elenco vittime indefinite 24

1. Bares Bruno, nato a Villatora (Padova) il 29/8/1927, fucilato a Villa Bauce;
2. Berto Luigi, nato a Padova il 7/1/1931, fucilato a Villa Bauce;
3. Bravi Giovanni Battista, nato a Vigodarzere (Padova) il 16/5/1876, fucilato a Villa Bauce;
4. Bravi Guglielmo, nato a Ponte di Brenta (Padova) il 9/7/1923, fucilato a Villa Bauce;
5. Cacco Luigi, nato a Villatora (Padova) l’11/6/1929, fucilato a Villa Bauce;
6. Daniele Alcide, nato a Saonara (Padova) il 12/9/1922, fucilato a Villa Bauce;
7. Daniele Aldo, nato a Villatora (Padova) il 1/3/1918, fucilato a Villa Bauce;
8. Gobbi Giorgio, nato a Villatora (Padova) il 3/4/1892, fucilato a Villa Bauce;
9. Gogna Mario, nato a Vigonovo (Venezia) il 19/2/1928, fucilato a Villa Bauce;
10. Gogna Narciso, nato a Vigonovo (Venezia) il 10/6/1897, fucilato a Villa Bauce;
11. Nicoletto Antonio, nato a Villatora (Padova) il 5/12/1916, fucilato a Villa Bauce;
12. Pagliarin Pasquale, nato a Villatora (Padova) il 30/9/1923, fucilato a Villa Bauce;
13. Pagnin Andrea, nato a Saonara (Padova) il 17/10/1870, fucilato a Villa Bauce;
14. Pagnin Antonio Pietro, nato a Saonara (Padova) il 9/12/1911, fucilato a Villa Bauce;
15. Pagnin Attilio, nato a Saonara (Padova) il 20/8/1921, fucilato a Villa Bauce;
16. Pari Guido, nato a Camisano Vicentino (Vicenza) il 25/3/1909, fucilato a Villa Bauce;
17. Pasquato Silvio, nato a Villatora (Padova) il 9/3/1906, fucilato a Villa Bauce;
18. Pigozzo Elio, nato a Saonara (Padova) il 19/4/1929, fucilato a Villa Bauce;
19. Pigozzo Placido, nato a Saonara (Padova) il 13/1/1931, fucilato a Villa Bauce;
20. Salmaso Sante, nato a Villatora (Padova) il 16/3/1880, fucilato a Villa Bauce;
21. Sorgato Mario, nato a Saonara (Padova) l’8/10/1896, fucilato a Villa Bauce;
22. Tapparo Emilio, nato a Pianiga (Venezia) il 9/9/1885, fucilato a Villa Bauce;
23. Trolese Sebastiano, nato a Villatora (Padova) il 21/1/1880, fucilato a Villa Bauce, morto dopo in ospedale;
24. Zuanti Erminio, nato a Padova il 25/2/1908, fucilato a Villa Bauce;

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Brigata nera reparto imprecisato

Tipo di reparto: Brigata Nera

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Villa Bauce a Saonara (Padova); Villatora (Padova); Municipio di Padova.

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Villa Bauce a Saonara (Padova); Villatora (Padova); Municipio di Padova.

    Descrizione: Lapide posta a ricordo di Agostino Rigato, vittima più giovane dell’eccidio a Villatora (Padova); lapide posta a Villa Bauce a Saonara (Padova), nel 40° anniversario; alcune vittime sono ricordate anche nella lapide nel cortile del Municipio di Padova.

  • cippo a via XI febbraio a Villatora (Padova)

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: via XI febbraio a Villatora (Padova)

  • monumento a Villa Bauce a Saonara (Padova); cimitero di Saonara (Padova);cimitero di Villatora (Padova); cimitero di Camin (Padova).

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Villa Bauce a Saonara (Padova); cimitero di Saonara (Padova);cimitero di Villatora (Padova); cimitero di Camin (Padova).

    Descrizione: Il monumento eretto nel 1946 a Villa Bauce a Saonara (Padova); tempietto costruito nel cimitero di Saonara (Padova); sacrario posto nel cimitero di Villatora (Padova); monumento che accoglie le salme dei partigiani caminesi morti nell’eccidio, nel cimitero di Camin (Padova).

  • luogo della memoria a

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Descrizione: Una via di Saonara è stata rinominata via “28 aprile”.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Medaglia d’argento al VM alla memoria per Giuseppe Dezio.

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Anno di realizzazione: 2005

    Descrizione: Medaglia d’argento al Comune di Saonara, conferita nel 2005.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: L’eccidio viene commemorato ogni anno il 28 aprile a villa Bauce.

Bibliografia


Amministrazione comunale di Saonara, I giorni del dolore. Cronaca dell’eccidio del 28 aprile 1945 Saonara-Villatora, s.e., Padova, 1995, pp. 7-29;

Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007, pp. 365-367;

Egidio Ceccato, Il sangue e la memoria. Le stragi di Santa Giustina in Colle, San Giorgio in Bosco, Villa del Conte, San Martino di Lupari e Castello di Godego (27-29 aprile 1945) tra storia e suggestioni paesane, Cierre, Sommacampagna, 2005, pp. 68-69;

Pietro Galletto, La Resistenza in Italia e nel Veneto: lineamenti di storia, G. Battagin, San Zenone degli Ezzelini, 2000, pp. 237-238;

Pierantonio Gios, Guerra e Resistenza: le relazioni dei parroci della Provincia di Padova, Pliniana, Selci-Lama (PG), 2007, p. 571;

Pierantonio Gios, Resistenza, parrocchia e società nella diocesi di Padova: 1943-1945, Marsilio, Venezia, 1981, pp. 354-355;

Vittorio Pampagnin, La strada in salita. Fascismo e antifascismo a Fiesso d’Artico e nella Riviera del Brenta, Tipolito Canova, Venezia, 1992, p. 199;

Giovanni Sartoratti, Una triste sera d'aprile. Eccidio del 28 aprile 1945 Saonara-Villatora, Erredici, Padova, 2006, pp. 67-322.

Sitografia


Database Gentile;
http://www.centrostudifeltrin.it/ElencoCaduti.aspx.

Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, N 1/11, b.2131.