SAN MICHELE DEL QUARTO, 13.04.1945

(Venezia - Veneto)

SAN MICHELE DEL QUARTO, 13.04.1945

SAN MICHELE DEL QUARTO, 13.04.1945
Descrizione

Località Quarto d’Altino, Quarto d'Altino, Venezia, Veneto

Data 13 aprile 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: Nei comuni di San Michele del Quarto e Meolo, e del confinante comune di Roncade appartenente alla provincia di Treviso, nuclei di partigiani attivi si erano formati precocemente, e poi consolidati tra la primavera e l’estate del 1944. Infatti il territorio, poco densamente popolato, era rifugio di numerosi renitenti ed era abitato da molti mezzadri, fortemente penalizzati economicamente dalla politica fascista e favorevoli alla Resistenza. Dopo il rastrellamento del Cansiglio del settembre 1944, nei due comuni operavano tre formazioni partigiane, le brigate garibaldine “E. Ferretto” e “W: Paoli” e la brigata G.L. “V. Rapisardi”, impegnate in una lotta senza quartiere con i diversi reparti delle brigate nere di Venezia e Treviso che avevano un distaccamento rispettivamente a San Michele del Quarto e Roncade.
La fucilazione avvenne il 13 aprile 1945, nel corso di un rastrellamento di vaste proporzioni condotto anche nella zona nella zona di Casale sul Sile, San Michele del Quarto, Mogliano, Marcon fino a Favaro Veneto, operazione a cui parteciparono reparti della GNR e delle Brigate nere di Venezia, quindici brigatisti di Chioggia e Sottomarina ed una compagnia del battaglione “Onore e combattimento”. A copertura dei suddetti reparti furono mobilitati nella zona di Casale sul Sile cento uomini della Brigata nera di Treviso, oltre a trenta uomini della GNR, e cento della IIa Brigata nera mobile di Padova.
Durante il rastrellamento vennero prelevati molti uomini con la minaccia di avviarli in Germania e tra questi il Pasqualato che fu riconosciuto da un brigatista ed accompagnato a casa a Bonisiolo dove la madre era titolare della rivendita di generi di Monopolio di Stato. Il milite accusò il Pasqualato e il fratellastro Giuseppe Grigoletto di aver fornito sigarette ai partigiani, sottraendole alle razioni settimanali del tesseramento; la madre, forse per salvare i figli, sostenne che il fatto era da attribuirsi alla sua sola responsabilità, ma non fu creduta. I due giovani vennero condotti a San Michele del Quarto e fucilati verso le ore 12 a cento metri dalla piazza centrale. Secondo la testimonianza del parroco, furono loro negati i conforti religiosi tra insulti e bestemmie. I corpi non furono gettati nel vicino Sile a seguito delle suppliche della moglie e tumulati prima a San Michele del Quarto e poi dopo la Liberazione a Bonisiolo di Mogliano.

Estremi e note penali: Sentenza 18 dicembre 1945 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna: Aldo Ratto anni 8.
Con sentenza 18 luglio 1946 la Cassazione dichiara estinto il reato per amnistia.
Sentenza 12 luglio 1946 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna: Giovanni Gualandi anni 8 di cui 5 condonati per amnistia. Con sentenza 15 aprile 1947 la Cassazione dichiara estinto il reato per amnistia.
Sentenza 18 aprile 1947 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna: Giovanni Simionato anni 21, di cui un terzo condonato per amnistia, Giuseppe Paone anni 8 di cui 5 condonati per amnistia.
Con sentenza 13 luglio 1948 la Cassazione annulla la sentenza nella sola parte riguardante la condanna per l’omicidio e rinvia alla Corte d’Assise di Verona, rigetta il ricorso del Paone condonando la pena residua.
Con sentenza 22 febbraio 1949 la Corte d’Assise di Verona conferma la pena di anni 14 per l’omicidio, cosicché, rimanendo ferma l’altra pena di anni 7 per collaborazionismo, la pena da espiare è ridiventata quella di anni 21.
Con ordinanza 27 ottobre 1950 la Corte d’Appello di Venezia riunita in camera di consiglio, oltre al condono di un terzo applicato per amnistia, condona a Simionato Giovanni un altro terzo per DPR 9.2.1948 n. 32, e un altro anno per DPR 23.12.1949 n. 930, riducendo la pena in anni 6.
Il 10 maggio 1951 Simionato Giovanni viene scarcerato per fine pena

Scheda compilata da SANDRA SAVOGIN
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-25 18:36:20

Vittime

Elenco vittime

Grigoletto Giuseppe nato a Mogliano Veneto (Tv) il 12 marzo 1913 operaio fuochista nelle Ferrovie coniugato con due figli in tenera età.
Pasqualato Savino Albino nato a Mogliano Veneto (Tv) il 22 gennaio 1926 residente a Bonisiolo di Mogliano, operaio a Treviso.

Elenco vittime partigiani 2

Grigoletto Giuseppe
Pasqualato Savino Albino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


17. Brigata nera “Bartolomeo Asara”

Tipo di reparto: Brigata Nera

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Aldo Ratto

    Nome Aldo

    Cognome Ratto

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Aldo Ratto, nato a Ceva (Cn) il 23.5.1912. Qualifica: vice comandante di un battaglione della Brigata nera “Asara”.

    Note procedimento Ratto venne accusato di “collaborazionismo partecipando a rastrellamenti tra cui in qualità di vice comandante della 17° Bn a quello di San Michele del Quarto durante il quale furono uccisi due giovani certi Grigoletto e Pasqualato”. Sentenza 18 dicembre 1945 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna: Aldo Ratto anni 8. Con sentenza 18 luglio 1946 la Cassazione dichiara estinto il reato per amnistia.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 17. Brigata nera “Bartolomeo Asara”

  • Giovanni Gualandi

    Nome Giovanni

    Cognome Gualandi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Giovanni Gualandi, nato a Fusignano (Ra) il 5.2.1898. Qualifica: comandante GNR

    Note procedimento Gualandi venne accusato di dirigere “il rastrellamento di San Michele del Quarto durante il quale furono trucidati dalle Bn due giovani”. Sentenza 12 luglio 1946 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna: Giovanni Gualandi anni 8 di cui 5 condonati per amnistia. Con sentenza 15 aprile 1947 la Cassazione dichiara estinto il reato per amnistia.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto GNR non precisato

  • Giovanni Simionato

    Nome Giovanni

    Cognome Simionato

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Giovanni Simionato, nato a Dolo (Ve) il 23.6.1911. Qualifica: maresciallo Bn.

    Note procedimento Simionato venne accusato “di partecipazione ad un rastrellamento effettuato da reparti di Brigate Nere nell’aprile del 1944 [recte 1945] nei pressi di San Michele del Quarto, durante il quale furono arrestati due giovani che furono trucidati”. Sentenza 18 aprile 1947 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna: Giovanni Simionato anni 21, di cui un terzo condonato per amnistia Con sentenza 13 luglio 1948 la Cassazione annulla la sentenza nella sola parte riguardante la condanna per l’omicidio e rinvia alla Corte d’Assise di Verona Con sentenza 22 febbraio 1949 la Corte d’Assise di Verona conferma la pena di anni 14 per l’omicidio, cosicché, rimanendo ferma l’altra pena di anni 7 per collaborazionismo, la pena da espiare è ridiventata quella di anni 21. Con ordinanza 27 ottobre 1950 la Corte d’Appello di Venezia riunita in camera di consiglio, oltre al condono di un terzo applicato per amnistia, condona a Simionato Giovanni un altro terzo per DPR 9.2.1948 n. 32, e un altro anno per DPR 23.12.1949 n. 930, riducendo la pena in anni 6. Il 10 maggio 1951 Simionato Giovanni viene scarcerato per fine pena

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 17. Brigata nera “Bartolomeo Asara”

  • Giuseppe Paone

    Nome Giuseppe

    Cognome Paone

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Giuseppe Paone, nato ad Albanova (Na) il 9.10.1923. Qualifica: graduato Bn.

    Note procedimento Paone venne accusato “di partecipazione ad un rastrellamento effettuato da reparti di Brigate Nere nell’aprile del 1944 [recte 1945] nei pressi di San Michele del Quarto, durante il quale furono arrestati due giovani che furono trucidati”. Sentenza 18 aprile 1947 della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia; condanna Giuseppe Paone anni 8 di cui 5 condonati per amnistia. Con sentenza 13 luglio 1948 la Cassazione annulla la sentenza nella sola parte riguardante la condanna per l’omicidio e rinvia alla Corte d’Assise di Verona, rigetta il ricorso del Paone condonando la pena residua. Con sentenza 22 febbraio 1949 la Corte d’Assise di Verona conferma la pena di anni 14 per l’omicidio, cosicché, rimanendo ferma l’altra pena di anni 7 per collaborazionismo, la pena da espiare è ridiventata quella di anni 21.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 17. Brigata nera “Bartolomeo Asara”

Sentenze delle Corti d'Assise straordinarie sull'episodio
Memorie

Memorie legate a questa strage

  • luogo della memoria a Mogliano

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Mogliano

    Descrizione: Intitolazione di una via nel Comune di Mogliano

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Quarto d\'Altino

    Descrizione: Intitolazione di una via nel Comune di Quarto D’Altino

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Quarto d\'Altino, viale della Resistenza

    Descrizione: I loro nomi sono inseriti nel Monumento ai Caduti della Resistenza edificato nel viale della Resistenza a Quarto D’Altino.

Immagini delle memorie di pietra
Bibliografia


G. Marton, Ventennale della Resistenza, Comune di Mogliano, Carniello, 1965.
Ivano Sartor, Altino Contemporanea, Piazza Editore, Quarto d’Altino, 2002.
Una Memoria Resistente, opuscolo a cura di Rifondazione Comunista di Quarto d’Altino, 25 aprile 2005.
Marco Borghi, Alessandro Reberschegg, Fascisti alla sbarra. L’attività della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia 1945-1947, Comune di Venezia - Istituto veneziano della Resistenza e della società contemporanea, Venezia, 1999.
Sandra Savogin, Rialzare la testa. La lotta di Liberazione a Marcon, Meolo e San Michele del Quarto (1943-1945), Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, Nuova Dimensione, Portogruaro, 2013.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Aistresco, Fondo Chimento, in copia, b. II, Cronache parrocchiali, faldone 1, Promemoria dei fatti dolorosi avvenuti nella parrocchia di Bonisiolo di Mogliano dal nov. 1944 all’aprile 1945.
Archivio Iveser, Fondo Giustizia Straordinaria Venezia (1945-1947), Sentenze varie della Corte d’Assise Straordinaria di Venezia (in copia).