COLLINA PISTOIA 26.09.1944

(Pistoia - Toscana)

COLLINA PISTOIA 26.09.1944

COLLINA PISTOIA 26.09.1944
Descrizione

Località Collina, Pistoia, Pistoia, Toscana

Data 26 settembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: Tra le tante formazioni partigiane pistoiesi vi era un piccolo nucleo apolitico di quattro partigiani formatosi nel maggio 1944 in località Collina. Questi operavano sostanzialmente sabotaggi e atti di spionaggio. Inoltre venivano aiutati numerosi operai della Todt a fuggire. Tra i quattro partigiani il 26 settembre Giuseppe Signorini, che era intento a perlustrare la zona di Collina, venne catturato dalle SS e portato al cimitero locale dove fu fucilato.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): L’episodio è per lo più dimenticato dalla popolazione.

Scheda compilata da Marco Conti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-01 18:30:54

Vittime

Elenco vittime

Signorini Giuseppe.

Elenco vittime partigiani 1

Signorini Giuseppe.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto tedesco SS non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Anno di realizzazione: 1977

    Descrizione: Città di Pistoia, Medaglia d’Argento al Valore Militare, 21/04/1977.

Bibliografia


Enzo Capecchi (Franco), a cura di, Ricordi di un partigiano della formazione Silvano Fedi, Sip, Pistoia, 1982, p. 47.
Roberto Daghini, Il Cammino per la libertà. Podestà, Commissari, Resistenza, Liberazione e CLN nei Comuni della provincia di Pistoia (1926-1946), Daghini, Pistoia, 2013, pp. 221-222.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

ISRT, Marchesini, Nuova Italia.