Schio 17-1-1945

(Vicenza - Veneto)

Schio 17-1-1945

Schio 17-1-1945
Descrizione

Località Schio, Schio, Vicenza, Veneto

Data 17 gennaio 1945

Matrice strage Fascista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: La mattina del 16 gennaio 1945 vennero prelevati dalle carceri di Schio tre partigiani precedentemente catturati, presumibilmente in diverse azioni di rastrellamento. Si trattava di tre uomini appartenenti alla brigata Stella che avevano passato un periodo di detenzione a Vicenza prima di essere tradotti a Schio. Intorno alle ore 7.40 vennero portati da elementi della Brigata Nera locale lungo il muro a lato della Chiesa del Redentore del Cimitero di Schio: denudati fino alla cintola, a piedi nudi, furono costretti a scavarsi la fossa. Vennero fucilati poco prima delle 8 del 16 gennaio 1945.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Annotazioni: Alcuni testi riportano la data del 17 gennaio 1945; si è ritenuto di preferire il 16 gennaio dal momento che tale data viene riportata da Valente suffragata da un riferimento documentario conservato presso l’archivio comunale di Schio.

Scheda compilata da Piero Casentini
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-23 18:14:33

Vittime

Elenco vittime

1. Dal Maso Oscar “Tarzan”, nato a Vicenza l’8/3/1912. Agricoltore. Partigiano combattente, autonomo anche se inquadrato formalmente nella brigata Stella.
2. Moro Teodoro “Aquila nera”, di Domenico, nato a Vallonara (VI) il 10/8/1903. Impiegato. Già commissario della brigata Stella, partigiano combattente.
3. Guiotto Silvio “Libero”, di Giuseppe e di Rossi Ester, nato a Cornedo il 10/7/1924. Operaio tessile.

Elenco vittime partigiani 3

1. Dal Maso Oscar “Tarzan”, nato a Vicenza l’8/3/1912. Agricoltore. Partigiano combattente, autonomo anche se inquadrato formalmente nella brigata Stella.
2. Moro Teodoro “Aquila nera”, di Domenico, nato a Vallonara (VI) il 10/8/1903. Impiegato. Già commissario della brigata Stella, partigiano combattente.
3. Guiotto Silvio “Libero”, di Giuseppe e di Rossi Ester, nato a Cornedo il 10/7/1924. Operaio tessile.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio Ceracchini

    Nome Antonio

    Cognome Ceracchini

    Ruolo nella strage Autore

    Note responsabile Ceracchini era il comandante della nona compagnia distaccata a Schio della 22 Brigata Nera “Faggion”.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 22. Brigata nera “Antonio Faggion” di Vicenza

  • Ciro Arcori

    Nome Ciro

    Cognome Arcori

    Ruolo nella strage Autore

    Note responsabile Arcori era il vicecomandante della Brigata Nera di Schio, responsabile della squadra che materialmente uccise i tre partigiani il 16 gennaio 1945.

    Note procedimento Arcori venne processato dalla Corte d’Assise Straordinaria di Vicenza; assolto in data 18/2/1947 in seguito all’amnistia.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

    Nome del reparto 22. Brigata nera “Antonio Faggion” di Vicenza

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a

    Tipo di memoria: lapide

    Descrizione: Lapide apposta sul luogo dell’uccisione che ricorda i tre partigiani garibaldini assassinati.

Bibliografia


Luca Valente, Una città occupata. Schio – val Leogra settembre 1943 – aprile 1945, vol. III, edizioni Menin, Schio, 2000; pp. 54-55.

Ezio Maria Simini, Eccidi e stragi di militari, civili e partigiani nell’alto Vicentino (1943-1945), Quaderni di Storia e cultura scledense, n ° 34, Libera associazione culturale “Livio Cracco”, Schio, 2014; p. 40.

Pierluigi Dossi, Rastrellamenti e rappresaglie nel Vicentino (1943-1945), in corso di stampa.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti