PALUDE SETTE SORELLE, SAN STINO DI LIVENZA, 25.11.1944

(Venezia - Veneto)

PALUDE SETTE SORELLE, SAN STINO DI LIVENZA, 25.11.1944

PALUDE SETTE SORELLE, SAN STINO DI LIVENZA, 25.11.1944
Descrizione

Località Palude delle Sette Sorelle, San Stino di Livenza, Venezia, Veneto

Data 25 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: Scrive Aldo Mori: «Nella palude delle Sette Sorelle, un gruppo di partigiani aggredì l’11 settembre [1944, ndr] un ufficiale tedesco e alcuni sottufficiali. Il 25 dello stesso mese, su ordine del comando germanico di Ceggia veniva impiccato sul luogo dell’imboscata il partigiano Mario Brussolo, di Portogruaro, detenuto presso le carceri di San Donà di Piave».

Modalità di uccisione: impiccagione

Tipo di massacro: rappresaglia

Scheda compilata da UGO PERISSINOTTO.
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-11 21:15:59

Vittime

Elenco vittime

Brussolo Mario, di Portogruaro.

Elenco vittime partigiani 1

Brussolo Mario

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: La vittima è commemorata ogni anno con cerimonia a cura del Comune di Portogruaro insieme alle altre vittime della Resistenza con deposizione di fiori.

  • luogo della memoria a Portogruaro

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Portogruaro

    Descrizione: Una via di Portogruaro è dedicata alla memoria del partigiano impiccato.

  • lapide a Portogruaro, villa comunale

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Portogruaro, villa comunale

    Anno di realizzazione: 1975

    Descrizione: Il suo nome è sulla lapide che ricorda i caduti per la libertà in Villa comunale a Portogruaro. Lapide inaugurata il 21 dicembre 1975. La lapide, oltre ai nomi dei caduti recita: «Hanno lottato per l’indipendenza, la libertà, la giustizia, la vittoria della ragione. Furono uccisi dalla cieca violenza nazifascista. La città memore assume l’eredità degli ideali che li portarono al martirio come norma di progresso democratico».

Bibliografia


Aldo Mori, La resistenza nel mondo contadino. La lotta di liberazione nel Portogruarese, Del Bianco, Udine 1977 (nuova edizione, con ampia rassegna bibliografica, Nuova Dimensione, Portogruaro 2007).

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio privato Capitanio, Portogruaro, Prefettura repubblicana di Venezia – Relazione del Commissariato Mandamentale di Portogruaro.