San Martino di Lupari, 19.6.1944

(Padova - Veneto)

San Martino di Lupari, 19.6.1944

San Martino di Lupari, 19.6.1944
Descrizione

Località San Martino di Lupari, San Martino di Lupari, Padova, Veneto

Data 19 giugno 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 18 giugno 1944 uomini della Pubblica sicurezza e della Brigata nera “Begon” arrivano a San Martino di Lupari (Padova) per sollecitare i cittadini che non hanno ancora provveduto a consegnare il grano all’ammasso. Tra questi vi è Pasquale Pegorin, che si rifiuta di farlo. Il giorno dopo, 19 giugno 1944, i soldati tornano a casa Pegorin e, visto le continue proteste del capofamiglia, si genera una rissa che coinvolge vari componenti della famiglia. Alla fine alcuni componenti della Brigata nera sparano ferendo Cornelio e Tullio Pegorin. Il primo se la caverà, mentre il secondo muore poco dopo.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: legato al controllo del territorio

Estremi e note penali: Erminio Viapiana, Francesco Toderini e Aldo Bucchi, tutti componenti delle brigate nere, sono stati assolti non perché non colpevoli della morte di Pegorin, ma in quanto nell’azione non viene ravvisata la predeterminazione ad effettuare una rappresaglia. I tre vengono condannati dalla CAS di Padova il 19/6/1945 per altri reati.
Gino Bronuzzi, invece, accusato di concorso nell’omicidio di Tullio Pegorin e di lesioni su Cornelio Pegorin, è stato assolto dalla CAS di Padova il 9/12/1946 per non aver commesso i fatti.

Annotazioni: Nonostante le diverse fonti che riportano l’episodio, risulta difficile avere maggiori informazioni sulla vittima e stabilire con certezza la dinamica dei fatti. Alcune fonti parlano di un coinvolgimento della Brigata nera “Ettore Muti”.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-08-03 15:46:17

Vittime

Elenco vittime

Pegorin Tullio, nato a San Martino di Lupari (Padova) il 20/6/1920.

Elenco vittime civili 1

Pegorin Tullio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


18. Brigata nera “Luigi Begon” di Padova

Tipo di reparto: Brigata Nera

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Aldo Bucchi

    Nome Aldo

    Cognome Bucchi

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Responsabilità individuate sulla base di testimonianze riportate dalle fonti.

    Note procedimento Aldo Bucchi, componente delle Brigate nere, è assolto non perché colpevole della morte di Pegorin, ma in quanto nell’azione non viene ravvisata la predeterminazione ad effettuare una rappresaglia. Viene condannato dalla CAS di Padova il 19/6/1945 per altri reati.

  • Erminio Viapiana

    Nome Erminio

    Cognome Viapiana

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Responsabilità individuate sulla base di testimonianze riportate dalle fonti.

    Note procedimento Erminio Viapiana, componente delle Brigate nere, viene assolto non perché non colpevole della morte di Pegorin, ma in quanto nell’azione non viene ravvisata la predeterminazione ad effettuare una rappresaglia. Viene condannato dalla CAS di Padova il 19/6/1945 per altri reati.

  • Francesco Toderini

    Nome Francesco

    Cognome Toderini

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Responsabilità individuate sulla base di testimonianze riportate dalle fonti.

    Note procedimento Francesco Toderini, componente delle Brigate nere, è assolto non perché colpevole della morte di Pegorin, ma in quanto nell’azione non viene ravvisata la predeterminazione ad effettuare una rappresaglia. Viene condannato dalla CAS di Padova il 19/6/1945 per altri reati.

  • Gino Bronuzzi

    Nome Gino

    Cognome Bronuzzi

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Lugano (Svizzera) il 15/8/1913; eesponsabilità individuate sulla base di testimonianze riportate dalle fonti.

    Note procedimento Gino Bronuzzi, accusato di concorso nell’omicidio di Tullio Pegorin e di lesioni su Cornelio Pegorin, è stato assolto dalla CAS di Padova il 9/12/1946 per non aver commesso i fatti.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a San Martino di Lupari (Padova).

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: San Martino di Lupari (Padova).

    Descrizione: Il nome di Tullio Pegorin è riportato sulla lapide-ossario per i caduti della guerra a San Martino di Lupari (Padova).

Bibliografia


Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007, pp. 426-427;

Egidio Ceccato, Il sangue e la memoria. Le stragi di Santa Giustina in Colle, San Giorgio in Bosco, Villa del Conte, San Martino di Lupari e Castello di Godego (27-29 aprile 1945) tra storia e suggestioni paesane, Cierre, Sommacampagna, 2005, p. 209;

Egidio Ceccato, Resistenza e normalizzazione nell'Alta Padovana. Il caso Verzotto, le stragi naziste, epurazione ed amnistie, la crociata anticomunista, Centro studi Ettore Luccini, Padova, 1999, p. 41;

Gianfranco Corletto, Masaccio e la resistenza tra il Brenta e il Piave, Neri Pozza, Vicenza, 1965, p. 276;

Alessandro Naccarato, I processi ai collaborazionisti, in Angelo Ventura (a cura di), La società veneta dalla Resistenza alla Repubblica. Atti del Convegno di studi, Padova, 9-11 maggio 1996, Ivsrec-CLEUP, Padova, 1997, pp. 574-582.

Sitografia


http://www.centrostudifeltrin.it/ElencoCaduti.aspx.

Fonti archivistiche

Fonti

ACASREC, Sez. I, b. 30, fasc. “Brigata D. Chiesa 3°”, Diario storico brigata “Cesare Battisti”;

ASPD, b. 865, Corte d’Assise Straordinaria, f. 435, Provvedimento a carico di Bronuzzi Gino.