Rubano, 30.4.1944

(Padova - Veneto)

Rubano, 30.4.1944

Rubano, 30.4.1944
Descrizione

Località Rubano, Rubano, Padova, Veneto

Data 30 aprile 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Il 30 aprile 1944 Saverio Pedini, ex carabiniere marchigiano sfollato a Rubano (Padova), viene ucciso da un componente delle Brigate nere perché considerato collaboratore dei partigiani.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: Procura militare di Padova, n° registro generale 211/96/RGI.
La CAS di Padova, con sentenza del 19 agosto 1946, condanna Angelo Pellizzari a 10 anni di reclusione (di cui 5 condonati) per collaborazione col nemico ed in particolare per aver partecipato alla cattura e all’uccisione di Saverio Pedini.

Annotazioni: L’episodio è riportato, in modo non del tutto concordante, da poche fonti. Quindi, in mancanza di altri documenti, non è possibile avere informazioni più precise sull’accaduto, né sapere con certezza se la vittima avesse legami con la Resistenza o meno.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-31 20:46:00

Vittime

Elenco vittime

Pedini Saverio, nato a Fano (Pesaro-Urbino), 35 anni, ex carabiniere.

Elenco vittime indefinite 1

Pedini Saverio, nato a Fano (Pesaro-Urbino), 35 anni, ex carabiniere

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Brigata nera reparto imprecisato

Tipo di reparto: Brigata Nera

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Angelo Pellizzari

    Nome Angelo

    Cognome Pellizzari

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato ad Arzignano (Vicenza) il 18/8/1920.

    Note procedimento Procura militare di Padova, n° registro generale 211/96/RGI. La CAS di Padova, con sentenza del 19 agosto 1946, condanna Angelo Pellizzari a 10 anni di reclusione (di cui 5 condonati) per collaborazione col nemico ed in particolare per aver partecipato alla cattura e all’uccisione di Saverio Pedini.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Municipio di Padova

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Municipio di Padova

    Descrizione: Sulla lapide presso il Municipio di Padova è riportato il nome di un Pedini Beniamino. È possibile che il nome sia errato e che si tratti invece di Saverio Pedini.

Bibliografia


Pierantonio Gios, Guerra e Resistenza: le relazioni dei parroci della Provincia di Padova, Pliniana, Selci-Lama (PG), 2007, p. 84.

Sitografia


Database Gentile;
http://www.centrostudifeltrin.it/ElencoCaduti.aspx.

Fonti archivistiche

Fonti

ASPD, b. 861, Corte d’Assise Straordinaria, f. 387, Provvedimento a carico di Pellizzari Angelo.
AUSSME, N 1/11, b.2123bis.