Padova, 19.12.1944

(Padova - Veneto)

Padova, 19.12.1944

Padova, 19.12.1944
Descrizione

Località Padova, Padova, Padova, Veneto

Data 19 dicembre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Francesco Sabatucci pur essendo emiliano combatte la Resistenza in Veneto. Prima nel Cansiglio (Belluno) poi, dopo il rastrellamento dell’autunno 1944, scende in pianura. Il 19 dicembre 1944 viene attirato in un’imboscata organizzata dalla banda Carità probabilmente con l’aiuto del delatore Cesare Broggin. Catturato, tenta la fuga e viene ucciso.
Secondo un’altra versione sarebbe stato catturato con altri compagni a Susegana (Treviso) dopo aver sabotato il ponte della Priula. Portato a Padova sarebbe stato torturato e poi fucilato, il 19 dicembre 1944, in un tentativo di fuga.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo

Estremi e note penali: Con la sentenza del 3 ottobre 1945, la CAS di Padova condanna, anche per questo episodio, Corradeschi alla pena di morte; Chiarotto all’ergastolo e Falugiani a 30 anni di reclusione.
Con la sentenza del 29 maggio 1947, la CAS di Padova condanna, anche per questo episodio Gastaldelli e Tecca a morte e Cecchi a 15 anni. Le condanne saranno via via ridotte ma non amnistiate.
La sentenza 435 del 2/12/1946 della CAS di Padova assolve invece Cesare Broggin dall’accusa di aver collaborato con i fascisti alla cattura di Sabatucci, ritenendo che tale collaborazione sarebbe stata ottenuta con la violenza.

Annotazioni: L’episodio ha due versioni diverse con due distinte sentenza della CAS di Padova ad occuparsene. La versione della morte durante un’imboscata appare maggiormente accreditata.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-21 13:20:12

Vittime

Elenco vittime

Sabatucci Francesco “Cirillo”, nato a Bologna il 22/2/1921, partigiano nella brigata garibaldi “Padova”.

Elenco vittime partigiani 1

Sabatucci Francesco “Cirillo”, nato a Bologna il 22/2/1921, partigiano nella brigata garibaldi “Padova”.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio Corradeschi

    Nome Antonio

    Cognome Corradeschi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Siena il 28/7/1918, appartenente alla banda Carità.

    Note procedimento Con la sentenza del 3 ottobre 1945, la CAS di Padova condanna, anche per questo episodio, Corradeschi alla pena di morte.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

  • Cesare Broggin

    Nome Cesare

    Cognome Broggin

    Ruolo nella strage Delatore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Padova il 18/8/1917, sospettato di delazione.

    Note procedimento La sentenza 435 del 2/12/1946 della CAS di Padova assolve invece Cesare Broggin dall’accusa di aver collaborato con i fascisti alla cattura di Sabatucci, ritenendo che tale collaborazione sarebbe stata ottenuta con la violenza.

    Tipo di reparto fascista Brigata Nera

  • Corrado Tecca

    Nome Corrado

    Cognome Tecca

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a L’Aquila il 2/2/1920, appartenente alla banda Carità.

    Note procedimento Con la sentenza del 29 maggio 1947, la CAS di Padova condanna Tecca a morte. La condanna sarà via via ridotta ma non amnistiata.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

  • Elio Cecchi

    Nome Elio

    Cognome Cecchi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Firenze il 6/2/1897, appartenente alla banda Carità.

    Note procedimento Con la sentenza del 29 maggio 1947, la CAS di Padova condanna, Cecchi a 15 anni. La condanna sarà via via ridotta ma non amnistiata.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

  • Ferdinando Falugiani

    Nome Ferdinando

    Cognome Falugiani

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Firenze il 17/11/1915, appartenente alla banda Carità.

    Note procedimento Con la sentenza del 3 ottobre 1945, la CAS di Padova condanna Falugiani a 30 anni di reclusione.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

  • Giovanni Gastaldelli

    Nome Giovanni

    Cognome Gastaldelli

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Bergantino (Rovigo) il 16/12/1915, appartenente alla banda Carità.

    Note procedimento Con la sentenza del 29 maggio 1947, la CAS di Padova condanna Gastaldelli a morte. La condanna sarà via via ridotta ma non amnistiata.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

  • Mario Chiarotto

    Nome Mario

    Cognome Chiarotto

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Firenze il 31/12/1918, appartenente alla banda Carità.

    Note procedimento Con la sentenza del 3 ottobre 1945, la CAS di Padova condanna Chiarotto all’ergastolo.

    Tipo di reparto fascista Guardia Nazionale Repubblicana

    Nome del reparto Reparto servizi speciali GNR di Firenze \"Banda Carità\"

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a via Configliachi (Padova); Municipio di Padova; parco comunale “Città di Bologna”, in piazza Piloni a Belluno.

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: via Configliachi (Padova); Municipio di Padova; parco comunale “Città di Bologna”, in piazza Piloni a Belluno.

    Anno di realizzazione: 1975

    Descrizione: Francesco Sabatucci è ricordato da una lapide in via Configliachi, sul luogo dell’uccisione, oltre a essere presente, insieme ad altri, sulla lapide posta nel Municipio di Padova. Infine il suo nome è riportato, insieme agli altri emiliani che hanno combattuto la Resistenza nel bellunese, in una lapide, inaugurata il 16 marzo 1975, posta all’entrata del parco comunale “Città di Bologna”, in piazza Piloni a Belluno.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Medaglia d’oro al VM alla memoria di Francesco Sabatucci.

Bibliografia


Marco Borghi, Alessandro Reberschegg, Fascisti alla sbarra: l'attività della Corte d'Assise straordinaria di Venezia, 1945-1947, Comune di Venezia, Istituto veneziano per la storia della resistenza e della società contemporanea, Venezia, 1999, pp. 340-346;

Riccardo Caporale, La Banda Carità; storia del Reparto servizi speciali, 1943-45, S. Marco litotipo, Lucca, 2005, pp. 259-267; 336-347;

Egidio Ceccato, Resistenza e normalizzazione nell'Alta Padovana. Il caso Verzotto, le stragi naziste, epurazione ed amnistie, la crociata anticomunista, Centro studi Ettore Luccini, Padova, 1999, p. 105;

Alessandro Naccarato, I processi ai collaborazionisti, in Angelo Ventura (a cura di), La società veneta dalla Resistenza alla Repubblica. Atti del Convegno di studi, Padova, 9-11 maggio 1996, Ivsrec-CLEUP, Padova, 1997, pp. 588-599;

Aldo Sirena, La memoria delle pietre. Lapidi e monumenti ai partigiani in provincia di Belluno, Isbrec, Belluno, 1996, p. 32.

Sitografia


http://www.centrostudifeltrin.it/ElencoCaduti.aspx.

Fonti archivistiche

Fonti

ASPD, b. 865, Corte d’Assise Straordinaria, f. 433, Provvedimento a carico di Broggin Cesare.