Padova, 17.8.1944

(Padova - Veneto)

Padova, 17.8.1944

Padova, 17.8.1944
Descrizione

Località Padova, Padova, Padova, Veneto

Data 17 agosto 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 10

Numero vittime uomini 10

Numero vittime uomini adulti 9

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: Il 16 agosto 1944 il colonnello fascista Bartolomeo Fronteddu viene ucciso in via Santa Lucia, a Padova, da sconosciuti. Nonostante la responsabilità partigiana sia tutt’altro che certa, i nazifascisti preparano una rappresaglia. Il giorno successivo, 17 agosto 1944, vengono prelevate 10 persone dal carcere cittadino: 3 di loro – Clemente Lampioni, Ettore Calderoni e Flavio Busonera – sono impiccate sul luogo dell’attentato a Fronteddu; le altre 7 – Luigi Pierobon, Primo Barbiero, Pasquale Muolo, Cataldo Pressici, Antonio Franzolin, Ferruccio Spigolon e Saturno Bandini – sono fucilate nel cortile della caserma di Chiesanuova. Se per alcuni di questi è accertata la partecipazione alla Resistenza, tra le vittime ci sono pure detenuti comuni, oltre a sbandati e renitenti alla leva.

Modalità di uccisione: fucilazione,impiccagione

Tipo di massacro: rappresaglia
--> Per saperne di più sulle tipologie

Estremi e note penali: Federico Menna è stato condannato a morte in contumacia dalla CAS di Padova il 24 ottobre 1946. Nel 1950 la pena viene commutata in ergastolo, e poi via via ulteriormente ridotta e in parte amnistiata.
Francesco Narizzano è stato processato dalla CAS di Padova per aver collaborato all’arresto e alla detenzione di Flavio Busonera. Tuttavia è stato assolto il 9/2/1946 per insufficienza di prove.
Duilio Poletto è stato condannato dalla CAS di Padova il 21/2/1946 per aver partecipato all’esecuzione di Busonera svolgendo servizio di ordine pubblico, a 6 anni e 8 mesi di reclusione.
Pasquale Masseria è stato condannato a 30 anni di reclusione il 29 agosto 1946 dalla CAS di Padova per aver collaborato all’esecuzione di Busonera, Calderoni e Lampioni.
Pietro Ambrosi e Antonio Faggian sono condannati a 15 anni di reclusione il 4 settembre 1946 dalla CAS di Padova per aver fatto parte del plotone di esecuzione dei 7 ostaggi uccisi alla caserma di Chiesanuova.
Marcello Androni è stato processato dalla CAS di Padova per aver preso parte all’impiccagione di Busonera, Calderoni e Lampioni ma è stato assolto il 17/11/1946 per non aver commesso il fatto.
Michele Ugenti è stato accusato di aver fatto parte del plotone di esecuzione della caserma di Chiesanuova, il 17/8/1944, ma il 24/3/1947 la CAS di Padova lo ha assolto per non aver commesso il fatto.

Annotazioni: Non per tutte le vittime di questo episodio è stato possibile ricostruire la condizione. Tra quelli non indicati né come partigiani, né come detenuti comuni, potrebbero esserci altri appartenenti a queste categorie, oppure renitenti e disertori.
La scheda riportava precedentemente il nome del del ten. col. Franco Panella fra le vittime. Egli fu invece sostituito da Ferruccio Spigolon, com'è stato possibile acclarare con successive ricerche.

Scheda compilata da Adriano Mansi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2020-07-04 10:09:42

Vittime

Elenco vittime

1. Bandini Saturno “Falco”, nato a Galeata (Forlì-Cesena) il 20/5/1893, partigiano;
2. Barbiero Primo, nato a Venezia il 23/7/1923;
3. Busonera Flavio, nato a Oristano il 28/7/1894, commissario politico della brigata “Venezia”;
4. Calderoni Ettore, nato a Rottofreno (Piacenza) il 22/5/1915, detenuto comune;
5. Franzolin Antonio, nato a Bagnoli di Sopra (Padova) il 5/6/1924;
6. Lampioni Clemente “Pino”, nato a Legnaro (Padova) l’8/8/1904, commissario politico della brigata “Stella”;
7. Muolo Pasquale, nato a Chiusano di San Domenico (Avellino) il 10/2/1923,
8.. Pierobon Luigi “Dante”, nato a Cittadella (Padova) il 12/4/1922, comandante brigata “Stella”;
9. Pressici Cataldo, nato a Taranto il 18/7/1905, collaboratore dei partigiani.
10. Spigolon Ferruccio, nato a Cavarzere (VE) il 28/08/1922, renitente alla leva ucciso in vece del del ten. col. Franco Panella.

Elenco vittime civili 1

Calderoni Ettore, nato a Rottofreno (Piacenza) il 22/5/1915, detenuto comune;

Elenco vittime partigiani 4

Bandini Saturno “Falco”, nato a Galeata (Forlì-Cesena) il 20/5/1893, partigiano;
Busonera Flavio, nato a Oristano il 28/7/1894, commissario politico della brigata “Venezia”;
Lampioni Clemente “Pino”, nato a Legnaro (Padova) l’8/8/1904, commissario politico della brigata “Stella”;
Pierobon Luigi “Dante”, nato a Cittadella (Padova) il 12/4/1922, comandante brigata “Stella”;

Elenco vittime renitenti 1

Spigolon Ferruccio, nato a Cavarzere (VE) il 28/08/1922, renitente alla leva ucciso in vece del del ten. col. Franco Panella.

Elenco vittime legate a partigiani 1

Pressici Cataldo, nato a Taranto il 18/7/1905, collaboratore dei partigiani.

Elenco vittime indefinite 3

Barbiero Primo, nato a Venezia il 23/7/1923;
Franzolin Antonio, nato a Bagnoli di Sopra (Padova) il 5/6/1924;
Muolo Pasquale, nato a Chiusano di San Domenico (Avellino) il 10/2/1923,

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Reparto Non precisato

Tipo di reparto: Non identificati

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio Faggian

    Nome Antonio

    Cognome Faggian

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Selvazzano (Padova) il 13/3/1895, milite della GNR. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Antonio Faggian è condannato a 15 anni di reclusione il 4 settembre 1946 dalla CAS di Padova per aver fatto parte del plotone di esecuzione dei 7 ostaggi uccisi alla caserma di Chiesanuova.

  • Duilio Poletto

    Nome Duilio

    Cognome Poletto

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Monselice (Padova) il 14/9/1921, milite della GNR. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Duilio Poletto è stato condannato dalla CAS di Padova il 21/2/1946 per aver partecipato all’esecuzione di Busonera svolgendo servizio di ordine pubblico, a 6 anni e 8 mesi di reclusione.

  • Federico Menna

    Nome Federico

    Cognome Menna

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Pisa il 25/5/1907, prefetto di Padova. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Federico Menna è stato condannato a morte in contumacia dalla CAS di Padova il 24 ottobre 1946. Nel 1950 la pena viene commutata in ergastolo, e poi via via ulteriormente ridotta e in parte amnistiata.

  • Francesco Narizzano

    Nome Francesco

    Cognome Narizzano

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Torino il 19/12/1881. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Francesco Narizzano è stato processato dalla CAS di Padova per aver collaborato all’arresto e alla detenzione di Flavio Busonera. Tuttavia è stato assolto il 9/2/1946 per insufficienza di prove.

  • Marcello Androni

    Nome Marcello

    Cognome Androni

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Padova il 14/5/1914. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Marcello Androni è stato processato dalla CAS di Padova per aver preso parte all’impiccagione di Busonera, Calderoni e Lampioni ma è stato assolto il 17/11/1946 per non aver commesso il fatto.

  • Michele Ugenti

    Nome Michele

    Cognome Ugenti

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Brindisi il 6/9/1917. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Michele Ugenti è stato accusato di aver fatto parte del plotone di esecuzione della caserma di Chiesanuova, il 17/8/1944, ma il 24/3/1947 la CAS di Padova lo ha assolto per non aver commesso il fatto.

  • Pasquale Masseria

    Nome Pasquale

    Cognome Masseria

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Buenos Aires (Argentina) il 18/5/1913, milite della GNR. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Pasquale Masseria è stato condannato a 30 anni di reclusione il 29 agosto 1946 dalla CAS di Padova per aver collaborato all’esecuzione di Busonera, Calderoni e Lampioni.

  • Pietro Ambrosi

    Nome Pietro

    Cognome Ambrosi

    Ruolo nella strage Autore

    Stato imputato in procedimento

    Note responsabile Nato a Venezia il 12/12/1901, milite della GNR. Secondo la dichiarazione di Ugo Michilli, agente di Pubblica sicurezza, il 17 agosto 1944 sarebbe stato il prefetto di Padova a prendere la decisione della rappresaglia, senza aspettare che le indagini sulla morte di Fronteddu arrivassero ad una conclusione (che escluse responsabilità partigiane).

    Note procedimento Pietro Ambrosi è condannato a 15 anni di reclusione il 4 settembre 1946 dalla CAS di Padova per aver fatto parte del plotone di esecuzione dei 7 ostaggi uccisi alla caserma di Chiesanuova.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a via Santa Lucia (Padova); caserma di Chiesanuova (Padova)

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: via Santa Lucia (Padova); caserma di Chiesanuova (Padova)

  • lapide a Nuoro

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Nuoro

    Descrizione: Flavio Busonera è ricordato da una lapide a Nuoro, anche se lui era nato ad Oristano.

  • lapide a Municipio di Padova.

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Municipio di Padova.

    Descrizione: Saturno Bandini, Ettore Calderoni, Antonio Franzolin, Pasquale Muolo, Clemente Lampioni e Cataldo Pressici sono ricordati, insieme ad altri, da una lapide presso il Municipio di Padova.

  • lapide a Cortile del Bo\

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Cortile del Bo\' (Università di Padova); cimitero Cittadella; Municipio di Padova.

    Descrizione: Luigi Pierobon oltre a figurare sulla lapide nel Municipio di Padova e su quella nel cortile del Bo’ (Università di Padova), è ricordato anche da una lapide nel cimitero Cittadella.

  • luogo della memoria a

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Descrizione: A Flavio Busonera sono state intitolate diverse strade sia in provincia di Padova, sia in Sardegna.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Medaglia d’oro al VM alla memoria per Luigi Pierobon.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: L’episodio viene ricordato spesso da celebrazioni sui luoghi delle uccisioni il 17 agosto.

Bibliografia


Riccardo Caporale, La Banda Carità; storia del Reparto servizi speciali, 1943-45, S. Marco litotipo, Lucca, 2005, p. 185;

Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007, pp. 186-188;

Egidio Ceccato, Resistenza e normalizzazione nell'Alta Padovana. Il caso Verzotto, le stragi naziste, epurazione ed amnistie, la crociata anticomunista, Centro studi Ettore Luccini, Padova, 1999, p. 295;

Gianni Conz, Resistenza e liberazione. Cittadella e dintorni, 1945-1995, FVL, Padova, 1995, pp. 48-57;

Mimmo Franzinelli, Le stragi nascoste. L'armadio della vergogna: impunità e rimozione dei crimini di guerra nazifascisti, 1943-2001, Mondadori, Milano, 2002, p. 365;

Pietro Galletto, La Resistenza in Italia e nel Veneto: lineamenti di storia, G. Battagin, San Zenone degli Ezzelini, 2000, pp. 184-185;

Pierantonio Gios, Resistenza, parrocchia e società nella diocesi di Padova: 1943-1945, Marsilio, Venezia, 1981, pp. 192-193.

Sitografia


- www.anpi.it;
- http://www.centrostudifeltrin.it/ElencoCaduti.aspx.
- Flavio Busonera, in Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana [http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=331], url consultata il 28 settembre 2018
- Luigi Pierobon (Dante), in Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana [http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=284], url consultata il 28 settembre 2018

Fonti archivistiche

Fonti

ACASREC, Sez. I, b. 22, fasc. 1.4, Brigata “Luigi Pierobon”. Elenco partigiani caduti per rappresaglia;

ACASREC, Sez. I, b. 43, fasc. “Sentenze, interrogatori, denunce”, Accuse a carico di Menna Federigo ex Prefetto di Padova;

ASPD, b. 850, Corte d’Assise Straordinaria, f. 234, Procedimento contro Narizzano Francesco e Simonati Urbano;

ASPD, b. 851, Corte d’Assise Straordinaria, f. 244, Provvedimento contro Poletto Duilio;

ASPD, b. 861, Corte d’Assise Straordinaria, f. 399, Provvedimento contro Masseria Pasquale;

ASPD, b. 862, Corte d’Assise Straordinaria, f. 404, Provvedimento contro Ambrosi Pietro e Faggian Antonio;

ASPD, b. 864, Corte d’Assise Straordinaria, f. 424, Provvedimento contro Menna Federigo;

ASPD, b. 865, Corte d’Assise Straordinaria, f. 429, Provvedimento contro Androni Marcello;

ASPD, b. 870, Corte d’Assise Straordinaria, f. 464, Provvedimento contro Ugenti Michele.