Priabona Monte di Malo 1-12-1944

(Vicenza - Veneto)

Priabona Monte di Malo 1-12-1944

Priabona Monte di Malo 1-12-1944
Descrizione

Località Priabona, Monte di Malo, Vicenza, Veneto

Data 1 dicembre 1944

Matrice strage Fascista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: In seguito all’agguato partigiano del 27 novembre 1944 sulla strada Priabona-Cereda che causò la morte del capitano della Polizia Ausiliaria Repubblicana Giovanni Battista Polga, si scatenò un violento rastrellamento sulla linea collinare che separa la val Leogra dalla valle dell’Agno. Per rappresaglia furono prelevati dal carcere di S. Biagio a Vicenza tre partigiani detenuti e un altro che giaceva ricoverato nell’ospedale della città. Tradotti sul luogo dell’uccisione dell’ufficiale fascista, vennero malmenati, picchiati e condannati a morte. Ricevettero i conforti religiosi dal parroco di Priabona, don Alessandro Baccega. Poi vennero fucilati alla schiena uno ad uno. I cadaveri giacquero, per ordine del comandante il plotone d’esecuzione, sul luogo della fucilazione per 24 ore.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: incendio di abitazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: Secondo quanto riportato da don Baccega, Primo Benetti poco prima delle fucilazione gli disse: “Sabato dovevo sposarmi, dica alla mia fidanzata di mettere la vera. Zaira, metti la vera”.
Peruffo Domenico era stato catturato grazie alla delazione della ex partigiana “Katia” Maria Boschetti, passata poi con la Brigata Nera di Valdagno.

Scheda compilata da Piero Casentini
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-19 23:33:37

Vittime

Elenco vittime

1. De Momi Rino “Ciccio” di Bruno, nato a Padova nel 1923. Studente universitario. Partigiano del gruppo di malga Campetto, poi nella divisione Pasubio di Marozin.
2. Cattelan Giovanni “Spavento” fu Augusto, nato a Costabissara nel 1923. Bracciante agricolo. Partigiano garibaldino nella brigata Ismene.
3. Benetti Primo “Ceo” di Giovanni, nato a Recoaro Terme nel 1922. Bracciante agricolo. Partigiano del gruppo di malga Campetto, poi partigiano della brigata Stella.
4. Peruffo Domenico “Tabul” di Pietro, nato a Trissino nel 1919. Contadino. Partigiano della brigata Stella.

Elenco vittime partigiani 4

1. De Momi Rino “Ciccio” di Bruno, nato a Padova nel 1923. Studente universitario. Partigiano del gruppo di malga Campetto, poi nella divisione Pasubio di Marozin.
2. Cattelan Giovanni “Spavento” fu Augusto, nato a Costabissara nel 1923. Bracciante agricolo. Partigiano garibaldino nella brigata Ismene.
3. Benetti Primo “Ceo” di Giovanni, nato a Recoaro Terme nel 1922. Bracciante agricolo. Partigiano del gruppo di malga Campetto, poi partigiano della brigata Stella.
4. Peruffo Domenico “Tabul” di Pietro, nato a Trissino nel 1919. Contadino. Partigiano della brigata Stella.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Aurelio Schlemba

    Nome Aurelio

    Cognome Schlemba

  • Beppino Rizzi

    Nome Beppino

    Cognome Rizzi

  • Danilo Guiotto

    Nome Danilo

    Cognome Guiotto

  • Gianni Gazzani

    Nome Gianni

    Cognome Gazzani

  • Giovanni Polazzo

    Nome Giovanni

    Cognome Polazzo

  • Giovanni, Biscotto

    Nome Giovanni,

    Cognome Biscotto

  • Giuseppe Biscotto

    Nome Giuseppe

    Cognome Biscotto

  • Luigi Prospero

    Nome Luigi

    Cognome Prospero

  • Renato Longoni

    Nome Renato

    Cognome Longoni

  • Severino Roso

    Nome Severino

    Cognome Roso

  • Vittorio Asaro

    Nome Vittorio

    Cognome Asaro

  • Walter Boschetti

    Nome Walter

    Cognome Boschetti

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a

    Tipo di memoria: lapide

    Descrizione: Lapide eretta sul luogo dell’uccisione recante i nomi dei partigiani uccisi, corredati di foto, sotto la scritta “Brigata Stella / qui furono fucilati per / rappresaglia nazi fascista / il 1 – 12 – 1944”; è firmata “i compagni”.

Bibliografia


Giovanni Battista Zilio, Il clero vicentino durante l’occupazione nazifascista, tipografia Rumor, Vicenza, 1975; pp. 217-219.

Pierluigi Dossi, Rastrellamenti e rappresaglie nel Vicentino, in corso di stampa.

Sitografia


http://www.anpi-vicenza.it/leccidio-di-priabona-1-dicembre-1944/

Fonti archivistiche

Fonti