Marano Vicentino 28-4-1945

(Vicenza - Veneto)

Marano Vicentino 28-4-1945

Marano Vicentino 28-4-1945
Descrizione

Località Marano Vicentino, Marano Vicentino, Vicenza, Veneto

Data 27 aprile 1945 - 28 aprile 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini 3

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Venerdì 27 aprile 1945 il paese di Marano Vicentino era presidiato da ingenti forze tedesche. Oltre al reparto del 263° Battaglione Orientale presente nel centro del paese dall’anno precedente, erano giunti quel giorno altri reparti in ritirata incalzati dall’avanzata degli Alleati. Per tutta la giornata del 27 aprile 1945 era stato imposto il coprifuoco; in piazza erano state sistemate alcune mitragliatrici e armi pesanti. Verso sera Giuseppe Carollo, operaio meccanico in una locale fabbrica, rientrò a casa in bicicletta trasportando dentro un involto un fucile da caccia. Fermato ad un crocevia da alcuni soldati tedeschi, venne immediatamente catturato e tradotto presso le ex scuole elementari adibite a comando, e carcere, del 263° Battaglione Orientale. Venne a lungo torturato con gli elettrodi. Probabilmente non poté resistere e parlò; intorno alle ore 19 del 27 aprile, infatti, un reparto tedesco si portò nel cortile dei Mondi dove effettivamente esisteva un deposito di armi. I soldati misero al muro una trentina di persone ed iniziarono a perquisire gli immobili. Una raffica partita accidentalmente da un’arma imbracciata da un tedesco colpì ferendo lievemente tre uomini. Questo fatto indusse i tedeschi a soprassedere alla perquisizione; i militari, infatti, se ne andarono portandosi dietro, però, due uomini: Giuseppe Cavedon e Giuseppe De Zen. Questi ultimi furono tradotti nelle ex scuole elementari, dove passarono la notte. La mattina successiva, il 28 aprile 1945, il paese era sgombro da militari tedeschi. Durante la notte, infatti, avevano dato fuoco a tutto il materiale intrasportabile, compresi i buoi e i cavalli, ed erano fuggiti verso nord. I cittadini, però, erano diffidenti: qualcuno decise di mandare una bambina all’interno delle ex scuole elementari per verificare che effettivamente non si trovasse alcun militare tedesco. La piccola trovò, appena dentro la cancellata esterna, il cadavere di De Zen con le mani legate; era stato ucciso probabilmente con una raffica di mitra. Poco oltre, lungo la mura divisoria, trovò il cadavere di Cavedon; era stato ucciso con un colpo di mazza alla testa, tant’è che il cervello era sparso in terra. Al primo piano delle ex scuole, all’interno di una stanza, trovò il cadavere di Carollo; era seduto su una seggiola, ancora con i cavi elettrici attaccati al corpo. Il viso era stato orrendamente squarciato con dei colpi di pugnale.

Modalità di uccisione: tortura a morte,uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ritirata
--> Per saperne di più sulle tipologie

Annotazioni: Si tratta di un reparto costituito da quattro compagnie specializzate nella repressione antipartigiana, e composto da volontari provenienti dall'Europa orientale, in prevalenza georgiani, ucraini e da Wolgadeutschen (abitanti della regione del Volga di origine tedesca), facenti parte dell’Armata Cosacca e arruolati dalla Wehrmacht, guidati da ufficiali e sottufficiali tedeschi. L'Ost-Bataillon 263 è stato trasferito nel Vicentino dal Cuneese nel maggio 1944, proprio per fronteggiare la minaccia partigiana, su ordine del generale Toussaint, Plenipotenziario della Wehrmacht in Italia. Inizialmente, dunque, il reparto è sotto la direzione della Leitkommandantur di Verona e quindi della dipendente Platzkommandantur di Vicenza.
Il Comando e il grosso del Battaglione ha sede a Marano Vicentino ed è diretto del "Boia di Marano", il capitano della Wehrmacht, Fritz Buschmeyer. Il 2 luglio '44, mediante ordine diretto di Wolff, Buschmeyer viene nominato Comandante di sicurezza del Settore Vicenza-Nord. L'area in questione comprende i centri di Recoaro, Valdagno, Arzignano, Schio, Piovene Rocchette, Arsiero, Marano Vicentino, Thiene, Marostica, Bassano del Grappa, Asiago, ed è divisa in due sottosettori: quello “Ovest”, con propria sede a Valdagno, Quello “Est” a Bassano. Unico compito di Buschmeyer è la lotta alle bande, e per assolverlo sono a sua disposizione assoluta tutte le unità che si trovano nel Settore, cioè reparti della Wehrmacht, della Luftwaffe, delle SS di Polizia, dell'Organizzazione Todt e le formazioni della Rsi.

Scheda compilata da Piero Casentini
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-19 19:59:54

Vittime

Elenco vittime

1. Cavedon Giuseppe, nato a Marano Vicentino nel 1914.
2. Carollo Giuseppe, nato a Marano Vicentino nel 1926.
3. De Zen Giuseppe, nato a Marano Vicentino nel 1914.

Elenco vittime civili 3

1. Cavedon Giuseppe, nato a Marano Vicentino nel 1914.
2. Carollo Giuseppe, nato a Marano Vicentino nel 1926.
3. De Zen Giuseppe, nato a Marano Vicentino nel 1914.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Ost-Bataillon 263

Tipo di reparto: Wehrmacht

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Fritz Buschmeyer

    Nome Fritz

    Cognome Buschmeyer

    Note responsabile capitano della 263 Ost Battaillon. Buschmeyer venne catturato nei pressi di Tonezza del Cimone e ucciso dopo aver rischiato il linciaggio da parte della popolazione.

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto Ost-Bataillon 263

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a

    Tipo di memoria: monumento

    Descrizione: All’interno del giardino delle scuole elementari di Marano Vicentino, tornate ad essere luogo di studio ed educazione dopo la drammatica parentesi dell’occupazione nazifascista, è stato edificato un monumento in memoria dei tre uomini, ricordati in paese come “i tre Giuseppe”, uccisi il 28 aprile 1945.

  • luogo della memoria a

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Descrizione: Il Comune di Marano Vicentino, in occasione dell’anniversario della Liberazione, apre al pubblico i locali delle celle utilizzate dai carcerieri tedeschi ed ucraini durante l’occupazione. Tali locali, rimasti inutilizzati fino ad oggi, saranno presto oggetto di una attenta riqualificazione: verranno rimossi gli intonaci successivi al 1945, tentando così di far emergere le eventuali iscrizioni lasciate dagli sventurati ospiti delle carceri. Tali reperti verranno mappati, fotografati e conservati, così da far diventare questa ala dell’edificio scolastico un vero e proprio luogo della memoria.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: In occasione delle celebrazioni della festa di Liberazione, “i tre Giuseppe” vengono ricordati ufficialmente.

Bibliografia


Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, CLEUP, Padova, 2007; pp. 374-375.

Ezio Maria Simini, Eccidi e stragi di militari, civili e partigiani nell’Alto Vicentino (1943-1945), in Quaderni di storia e di cultura scledense, n. 34, Libera Assoc. Cult. “Livio Cracco”, Schio, ottobre 2014; p. 54.

Pierluigi Dossi, Rastrellamenti e rappresaglie nel Vicentino 1943-1945, in corso di stampa.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Intervista audio video alla signora Maria Imelda De Zen, che da bambina entrò per prima nelle ex scuole elementari di Marano Vicentino, effettuata a Marano Vicentino dall’autore della scheda il 30/9/2014.