Schio 12-7-1944

(Vicenza - Veneto)

Schio 12-7-1944

Schio 12-7-1944
Descrizione

Località Schio 12-7-1944, Schio, Vicenza, Veneto

Data 12 luglio 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: La sera del 6 luglio 1944 in località Ambre di Monte di Malo venne catturato il partigiano “Bruno” Ismene Manea, fratello del comandante partigiano “Tar” Ferruccio. “Bruno” venne accerchiato da un gruppo di soldati ucraini appartenenti al 263° Battaglione orientale in rastrellamento mentre si dissetava ad un abbeveratoio; stava rientrando presso la sua pattuglia dopo aver fatto visita alla anziana madre appena liberata dalle carceri tedesche di Marano Vicentino dove aveva subito pesanti interrogatori e torture. L’incarcerazione e la liberazione della donna (di 62 anni) rientravano probabilmente nel piano elaborato dalla squadra politica della Questura di Vicenza per catturare i fratelli Manea, noti antifascisti. “Bruno”, che non riuscì a scappare a causa delle ferite riportate durante la carcerazione franchista, venne tradotto presso il vicino distaccamento ucraino di Monte di Malo. Il giorno successivo venne tradotto nella caserma Cella di Schio dove, incarcerato, venne interrogato e torturato per diversi giorni da fascisti.
Il 12 luglio 1944 una pattuglia partigiana venne sorpresa nella zona di Schio da un rastrellamento tedesco. Nello scontro a fuoco rimase ferito al bacino e all’addome da una raffica di mitra il partigiano “Pompei” Biagio Penazzato. Catturato e trasportato su di un carretto nella caserma Cella di Schio, venne interrogato e torturato.
La sera del 12 luglio 1944, intorno alle ore 22, “Bruno” Ismene Manea e “Pompei” Biagio Penazzato vennero uccisi con raffiche di mitra nel cortile della caserma Cella. I cadaveri vennero buttati nel letamaio dove stettero tutta la notte. Il giorno successivo vennero sepolti in segreto nel cimitero civile di Schio.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Piero Casentini
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-19 13:29:08

Vittime

Elenco vittime

1. Manea Ismene “Bruno”, di Giuseppe e di Teresa Galvan, nato a Malo (VI) il 14/03/1908. Antifascista dal 1931, combattente in Spagna con le Brigate Internazionali, condannato dal Tribunale speciale fascista al confino. Partigiano garibaldino.
2. Penazzato Giovanni “Pompei”, di Francesco e di Caterina Santacaterina, nato a Schio (VI) il 23/06/1922. Partigiano garibaldino.

Elenco vittime partigiani 2

1. Manea Ismene “Bruno”, di Giuseppe e di Teresa Galvan, nato a Malo (VI) il 14/03/1908. Antifascista dal 1931, combattente in Spagna con le Brigate Internazionali, condannato dal Tribunale speciale fascista al confino. Partigiano garibaldino.
2. Penazzato Giovanni “Pompei”, di Francesco e di Caterina Santacaterina, nato a Schio (VI) il 23/06/1922. Partigiano garibaldino.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Ost-Bataillon 263

Tipo di reparto: Wehrmacht

2. compagnia territoriale/GNR di Schio

Tipo di reparto: Guardia Nazionale Repubblicana

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Monte di Malo

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Monte di Malo

    Descrizione: A Monte di Malo, targa recante la seguente iscrizione: “XXXI Brigata d’assalto Garibaldi ISMENE div. Val Leogra / Partigiani d’Italia / caddero da valorosi / battendosi contro il nazi-fascismo / per la Giustizia l’Ugualianza [sic] la Libertà / Manea Ismene “Bruno” med. D’argento v. m. / Pamato Luigi “Bill” / Guzzon Mario “Cesare” / De Vicari Domenico “Vass” / Nel 31° anniversario del sacrificio 1975 / “Ciò che è giusto / si sviluppa sempre nella lotta / contro ciò che è sbagliato”

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Ismene Manea “Bruno” è stato insignito, il 3 maggio 1966, della medaglia d’argento al valor militare alla memoria.

  • onorificenza alla persona a

    Tipo di memoria: onorificenza alla persona

    Descrizione: Giovanni Penazzato “Pompei” è stato insignito, il 14 aprile 1967, della medaglia di bronzo al valor militare alla memoria.

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Il 13 luglio 2014 si è tenuta una commemorazione sul luogo della cattura di “Bruno” patrocinata dall’ANPI.

Bibliografia


Emilo Trivellato, Valerio Caroti, Domenico Baron, Remo Grendene, Giovanni Cavion (a cura di), Quaderni della Resistenza Schio, n. 7, Grafiche Marcolin, Schio, 1979; pp. 365-366.

Patrizia Greco, Nome di battaglia Tar. Biografia resistenziale di Ferruccio Manea, comandante della brigata Ismene, Cierre edizioni, Sommacampagna (VR), 2010; pp. 131-138.

Pierluigi Dossi, Rastrellamenti e rappresaglie nel Vicentino 1943-1945, in corso di stampa.

Sitografia


http://www.anpi.it/donne-e-uomini/ismene-manea/

Fonti archivistiche

Fonti