TAVERNA PIGNATARO MAGGIORE 12.10.1943

(Caserta - Campania)

TAVERNA PIGNATARO MAGGIORE 12.10.1943

TAVERNA PIGNATARO MAGGIORE 12.10.1943
Descrizione

Località Taverna, Pignataro Maggiore, Caserta, Campania

Data 12 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 3

Numero vittime uomini adulti 2

Numero vittime uomini anziani 1

Descrizione: Il Comune di Pignataro Maggiore, ubicato tra le linee difensive tedesche Viktor e Barbara, tra la prima e la seconda decade di ottobre 1943 fu teatro di numerosi episodi di violenza sui civili. In quei giorni, scontri cruenti avvenivano lungo il corso del fiume Volturno, a pochi chilometri di distanza, superato dagli anglo-americani nelle prime ore del giorno 13.
Tra il 7 ed il 18 ottobre 1943, alcuni reparti tedeschi dislocati nel territorio di Pignataro Maggiore perpetrarono una serie di uccisioni, che provocarono la morte di non meno di ventuno civili ed un numero imprecisato di militari italiani “sbandati”. Tali ritorsioni verso la popolazione, secondo le testimonianze, potrebbero essere state consequenziali alla resistenza da parte degli abitanti ad azioni di rastrellamento, ordini di evacuazione, distruzioni e, soprattutto, in seguito a sabotaggi delle linee telefoniche ed all’uccisione di almeno due soldati tedeschi: un portaordini lungo la Strada Statale 6 Casilina ed un soldato sulla strada provinciale “Conte”, ubicata sul versante ovest della suddetta statale.
Le uccisioni di maggiore entità avvennero, cronologicamente, in località Taverna e Cimitero (12 ottobre) e Arianova (14-17/18 ottobre). Nei tre casi, i cadaveri vennero quasi tutti occultati.
Nelle ore precedenti l’inizio delle azioni repressive, tra il 10 e l’11 ottobre gran parte dell’abitato venne minato e demolito dai guastatori tedeschi.
Il contadino Francesco Rotoli, per evitare ritorsioni da parte delle truppe tedesche e i bombardamenti americani (molto pesante era stato quello del 10 ottobre), decise di abbandonare la casa colonica dove viveva per porsi al riparo con la sua famiglia in un luogo più sicuro, nascondendo le vettovaglie ed i pochi averi. Nella mattinata del 12 ottobre, il Rinaldi, preoccupato per il figlio Giorgio, che era andato a verificare se la loro masseria avesse subìto danni o razzie, decise di avviarsi verso quel luogo; fu accompagnato da Vincenzo Rinaldi, suo cognato, che voleva dirigersi verso la propria masseria per constatare i danni provocati da una granata. Pur avendo evitato la strada principale, i due uomini furono costretti ad attraversarla in un punto, vicino alla “Taverna”. Qui si imbatterono in alcuni soldati tedeschi che li uccisero a colpi di pistola alla fronte e alla nuca, come probabile atto di ritorsione per l’uccisione di un portaordini tedesco lungo la statale Casilina. Poche ore dopo i loro corpi furono fatti occultare dai tedeschi in una grotta ubicata nelle vicinanze, utilizzando manodopera coatta per occluderne l’apertura con del terriccio. I cadaveri, infatti, furono ritrovati solo il 21 novembre grazie alle indicazioni fornite da uno degli uomini utilizzati per tale scopo, che era riuscito a fuggire dall’area di Cassino dove era stato condotto con la forza. A pochi metri di distanza dai primi due malcapitati, Domenico Stellato, originario di San Nicola la Strada, da venticinque anni stalliere presso la “Taverna” di Pignataro, prelevato mentre dormiva, fu colpito a morte e, successivamente, sepolto nella fossa che i tedeschi gli avevano intimato di scavare.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,incendio di abitazione,minamenti e esplosioni

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

Scheda compilata da Giuseppe Angelone
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2017-12-06 14:18:33

Vittime

Elenco vittime

Rinaldi Vincenzo
Rotoli Francesco
Stellato Domenico

Elenco vittime civili 3

Rinaldi Vincenzo
Rotoli Francesco
Stellato Domenico

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


2./Pz.Pi.Btl./Fallschirm-Panzer-Division “Hermann Göring“

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

Kampfbataillon “Reggio”/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Von Corvin

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Franz Eberhart

    Nome Franz

    Cognome Eberhart

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Caporale della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Franz Ploder

    Nome Franz

    Cognome Ploder

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Caporale della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Franz Sikora

    Nome Franz

    Cognome Sikora

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Soldato della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Georg Holland

    Nome Georg

    Cognome Holland

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Caporalmaggiore della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Gerhard Sirsch

    Nome Gerhard

    Cognome Sirsch

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Ufficiale della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Kurt Fiedler

    Nome Kurt

    Cognome Fiedler

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Caporalmaggiore 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115rnNei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova).rnL’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Ludwig Matera

    Nome Ludwig

    Cognome Matera

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Soldato della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115rnNei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova).rnL’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Otto Moeller

    Nome Otto

    Cognome Moeller

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Ufficiale della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Sconosciuto Dedekind

    Nome Sconosciuto

    Cognome Dedekind

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Maggiore comandante III./Pz.Gren.Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

  • Sconosciuto Haeffner

    Nome Sconosciuto

    Cognome Haeffner

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Capitano comandante Pz.Pio.Btl. HG Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto 2./Pz.Pi.Btl./Fallschirm-Panzer-Division “Hermann Göring“

  • Werner Mueller

    Nome Werner

    Cognome Mueller

    Ruolo nella strage Autore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Caporale della 9ª compagnia del III./Pz. Gren. Rgt. 115 Nei verbali di un’indagine anglo-americana (1943-44) si riferiscono i nomi dei presunti comandanti responsabili, e degli esecutori materiali, appartenenti alla 9ª compagnia del III./Pz.Gren.Rgt. 115, unità aggregata alla Panzer-Division Hermann Göring. Le recenti indagini archivistiche hanno consentito di stabilire che le località in cui avvennero le uccisioni erano inserite nei settori di competenza di diverse unità tedesche: il citato III./Pz.Gren.Rgt. 115 (loc. Taverna e centro abitato); Il I./Pz.Gren.Rgt. 115 tra Pignataro e Pastorano; il battaglione “Reggio” e il I./Pz.Gren.Rgt. 2 HG (loc. Arianova). L’unità responsabile delle demolizioni fu la 2ª compagnia del Panzer Pionier Bataillon HG.

    Note procedimento TMT Napoli, fasc. n. 617/68; Sent. G.I. del 28/06/1968: non doversi procedere a carico di ignoti (Parti lese: Vagliaviello Antonio, Di Gaetano Mattia, Rinaldi Vincenzo, Rotoli Francesco)

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto III./Pz.Gren.Rgt. 115/15. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Haas/XIV. Panzerkorps

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • luogo della memoria a Pignataro Maggiore, Via “Martiri del 12 e 14 ottobre 1943”

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Pignataro Maggiore, Via “Martiri del 12 e 14 ottobre 1943”

Bibliografia


Giuseppe Angelone, «…quanti ne incontravano, tanti ne ammazzavano…». Le fonti per la ricostruzione delle stragi di Pignataro Maggiore, in Giovanni Borrelli (a cura di), Eccidi Nazisti - Pignataro Maggiore 1943. Una comunità ferita si racconta, Documenti di storia orale, Bellona 2010, pp. 57-84.

Giovanni Borrelli (a cura di), Eccidi Nazisti - Pignataro Maggiore ottobre 1943. Una comunità ferita si racconta, Documenti di storia orale, Bellona 2010.

Giuseppe Capobianco, Il recupero della memoria. Per una storia della Resistenza in Terra di Lavoro - autunno 1943, Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 1995

Giuseppe Capobianco, La giustizia negata. L’occupazione nazista in Terra di Lavoro dopo l’8 settembre 1943, Centro Corrado Graziadei, Caserta, s. d. [1989]

Gloria Chianese, “Quando uscimmo dai rifugi”. Il Mezzogiorno tra guerra e dopoguerra (1943-46), Carocci, Roma, 2004

Felicio Corvese, La guerra nazista contro i civili dell’autunno 1943 nella Campania settentrionale, in «Resistenza/Resistoria», cit., terza serie, 2007-2008, pp. 117-139

Gabriella Gribaudi, Guerra totale. Tra bombe alleate e violenze naziste. Napoli e il fronte meridionale 1940-44, Bollati Boringhieri, Torino, 2005

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME, N1/11, b. 2133
CPI, 10/32
NARA, RG338, Major Case Reports of the Inspector General, 5th Army, Entry 42844 (A1), box 3, Case n. 70, Consolidated Report on Massaria Canale and Massaria Carcereri