SAN BORTOLO, SELVA DI PROGNO, 16.03.1944

(Verona - Veneto)

SAN BORTOLO, SELVA DI PROGNO, 16.03.1944

SAN BORTOLO, SELVA DI PROGNO, 16.03.1944
Descrizione

Località Bortolo delle montagne, Selva di Progno, Verona, Veneto

Data 16 marzo 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 2

Numero vittime uomini adulti 2

Descrizione: L’area di Vestenanova, Campofontana, San Bortolo delle Montagne, Selva di Progno e Boschochiesanuova rappresenta uno dei teatri più cruenti dell’occupazione nazista. Un momento di grande tensione si verificò nel mese di marzo del 1944: il prologo avvenne l’8 marzo quando sette partigiani fecero irruzione al Municipio di Vestenanova, tagliarono i fili del telefono e intimarono agli impiegati comunali di cancellare ogni scritta che inneggiasse al fascismo. L’indomani, gli impiegati – temendo ulteriori azioni partigiane - eseguirono l’ordine. A questo episodio, seguì quello del 16 marzo, quando tra Campofontana e Selva di Progno, i partigiani spararono alle macchine di Ciro Di Carlo, comandante del 40° Battaglione mobile della Gnr, e del maggiore delle SS. L’azione non ebbe conseguenze gravi, ma le autorità naziste e fasciste decisero di rifarsi sulla comunità locale. La contrada Vinchi fu perciò occupata dalle truppe per l’intera giornata. All’interno di quest’azione, va inserito l’episodio della morte dei fratelli Dal Zovo e del ferimento dei due loro cugini. L’episodio è di difficile ricostruzione. Infatti, il notiziario della Gnr del 18 marzo 1944 incolpa i tedeschi che fatti «segno di azione di fuoco da parte di elementi locali», avrebbero reagito «ferendo 3 civili di cui due mortalmente». Altresì, il notiziario del 20 marzo afferma che Angelo Dal Zovo fu ucciso a colpi di mitraglia da SS italiane, comandate da sottufficiali germanici, colpevole di non aver obbedito all’ordine di fermarsi. Gli spari avrebbero richiamato l’attenzione dei parenti che, precipitatisi verso Angelo Dal Zovo, agonizzante, sarebbero stati colpiti dai militari tedeschi, causando la morte di Augusto Guerrino e ferendo lievemente i due cugini.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Non risulta sia stato avviato alcun procedimento giudiziario a riguardo

Annotazioni: Vi sono incertezze sui responsabili e si lamenta la mancanza di testimonianze dirette. Il parroco di Vestenanova, località a pochi chilometri da San Bortolo delle Montagne, Don Attilio Benetti afferma che i responsabili dell’eccidio furono soldati italiani; supponiamo abbia raccolto queste informazioni da suoi compaesani.
Il volume dell’Anpi di Verona dedicato ai partigiani veronesi caduti nella lotta di Liberazione inserisce anche i fratelli Dal Zovo nell’elenco, tuttavia non vi sono elementi a sufficienza per dimostrare la loro appartenenza alle formazioni partigiane.
Si ricorda infine che per quanto non siano state riportate alcuni fonti archivistiche, l’episodio è segnalato dai notiziari della Gnr e da numerose memorie di abitanti della zona. E’ difficile stabilire perché la Gnr – a distanza di due giorni – abbia cambiato la versione dei fatti. Probabilmente la prima ricostruzione apparve, ai loro stessi occhi, troppo inverosimile, ammisero dunque le responsabilità italiane – dapprima negate – pur precisando che il comando dell’operazione spettasse ai tedeschi.
I dati dell’anagrafe datano al 17 marzo 1944 la morte di Dal Zovo Angelo, è possibile che Angelo, rimasto gravemente ferito il 16 marzo, spirò l’indomani.

Scheda compilata da ANDREA MARTINI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-18 16:46:20

Vittime

Elenco vittime

Dal Zovo Angelo nato a Selva di Progno il 3 gennaio 1914 e deceduto il 17 marzo 1944 a Selva di Progno, civile;
Dal Zovo Augusto Guerrino nato a Selva di Progno il 18 ottobre1918 e deceduto il 16.3.1944 a Selva di Progno, civile

Elenco vittime civili 2

Dal Zovo Angelo
Dal Zovo Augusto Guerrino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS italiane reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • monumento a Selva di Progno

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Selva di Progno

    Descrizione: Il comune di Selva di Progno ha dedicato alle vittime delle due guerre mondiali un monumento. Una sezione è dedicata ai caduti per rappresaglia tra il 1940 e il 1945, vi compaiono anche i nomi di Angelo ed Augusto Guerrino Dal Zovo.

Bibliografia


ANPI (a cura di), Partigiani veronesi caduti nella lotta di liberazione, tipografia Pavan, Verona, 1991, p. 37
Attilio Benetti, Vestenanova nell’uragano, Scuola tipografica Nigrizia, Verona, 1957, 2°ed., pp. 52-53;
Elena Carano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto 1943-1945, Cleup, Padova, 2007, pp. 130-131;
Mario Gecchele e Delio Vicentini, Il dolore della guerra. Vicende e testimonianze della Val d’Alpone e dintorni, La Grafica, Verona, 1995, pp. 113;
Lorenzo Rocca, Verona repubblichina, Cierre, Verona, 1996, p. 77

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti