FERRAZZE, SAN MARTINO BUON ALBERGO, 26.04.1945

(Verona - Veneto)

FERRAZZE, SAN MARTINO BUON ALBERGO, 26.04.1945

FERRAZZE, SAN MARTINO BUON ALBERGO, 26.04.1945
Descrizione

Località Ferrazze, San Martino Buon Albergo, Verona, Veneto

Data 26 aprile 1945

Matrice strage Nazista

Numero vittime 29

Numero vittime uomini 29

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 5

Numero vittime uomini anziani 1

Numero vittime uomini senza informazioni 18

Descrizione: La strage delle Ferrazze avvenne attorno alle 15 e 30 del 26 aprile 1945, quando le truppe tedesche stavano abbandonando il territorio veronese. Un gruppo di giovani (composto dalle 2 alle 4 unità a seconda delle testimonianze) giunsero alle Ferrazze (località di San Martino Buon Albergo) trascinando un carretto che portava una mitragliatrice. Presentandosi come partigiani, bussarono alla porta di Luigi Castagna, proprietario di una bottega il cui balcone si affacciava sulla piazza, e chiesero con insistenza di poter installare la mitragliatrice in terrazza. Sistemata l’arma da fuoco, il gruppo individuò alcuni soldati tedeschi e li scagliò contro alcuni colpi, ferendoli. In risposta a questa azione, i tedeschi nelle vicinanze cominciarono a setacciare ogni casa in cerca dei responsabili, nel frattempo fuggiti. Decisero quindi di recarsi in località Feniletto, frazione delle Ferrazze, dove uccisero per vendetta alcuni civili. Condannarono alla stessa sorte ventuno soldati georgiani, disertori o sbandati, che avevano trovato rifugio presso l’osteria del paese (non si sa da quanto tempo vi fossero nascosti). Morirono in quella circostanza i fratelli Gino e Danilo Rossi, Mario e Giuseppe Belluzzo, padre e figlio, e Bruno Gugole. Nel tentativo di arrestare la strage, il parroco locale, don Primo Taietti rimase ferito ad una gamba.
Durante il setaccio del paese alla ricerca di altri ribelli, i tedeschi colpirono mortalmente Castagna, colpevole di aver ospitato in precedenza i presunti partigiani. Decisero, inoltre, di sparare a chiunque fosse nelle vicinanze. Perse così la vita Giovanni Tosi; egli si trovava sulla soglia di casa, fu dapprima colpito alle gambe da alcuni proiettili, poi finito da un soldato tedesco.
Anche il giovane Otello Scandola rimase vittima di questa rappresaglia. Scandola si stava recando alle Ferrazze in bicicletta, non cosciente di cosa stesse accadendo in quella località, i tedeschi lo avvistarono e lo uccisero.
La strage si svolse nel giro di un’ora. Il colpo di un carro armato americano situato nelle vicinanze persuase i tedeschi a ritirarsi.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: La strage delle Ferrazze non compare nei fascicoli trasmessi dalla Procura generale di Roma a quella Militare di Verona; non risulta che alcuna indagine sia stata aperta da quest’ultima, per mancanza della notizia del reato.

Annotazioni: La versione sopra riportata riprende la ricostruzione di uno storico locale, Beppe Muraro, impegnato in questi anni a raccogliere numerose testimonianze di parenti delle vittime e di abitanti che assistettero direttamente all’episodio. Per quanto tali testimonianze ci paiono affidabili e univoche nel ricostruire i fatti, vi sono ancora delle questioni irrisolte. I nomi delle vittime discordano: Giuseppe e Mario Belluzzo secondo l’anagrafe di San Martino, Gino e Luigi secondo la ricostruzione cui ci siamo affidati; Bruno o Riccardo Gugole a seconda che si presti fede alla ricostruzione storiografica o al nome posto sulla targa commemorativa. E’ incerto il numero di individui che bussarono alla porta del Castagna. Non sappiamo nemmeno se fossero partigiani, sebbene siamo più portati a ritenerli, al massimo, “ribelli dell’ultima ora”.
E’ rimasta ignota l’identità e la storia personale dei 21 soldati georgiani uccisi dalle truppe tedesche.
Un ultimo interrogativo riguarda inoltre la morte del giovane Otello Scandola. Secondo la ricostruzione di Muraro il giovane muore mentre sta raggiungendo le Ferrazze in bicicletta, eppure l’anagrafe di San Martino Buon Albergo colloca il suo decesso attorno alle ore 10,00 del 26 aprile 1945. Se così fosse la vittima non avrebbe nulla a che fare con “la strage delle Ferrazze”. La memoria locale sedimentatisi nel tempo e la lapide commemorativa che risale al 2006 ci ha tuttavia persuaso ad inserire la sua morte all’interno di questo episodio, in attesa di studi maggiormente approfonditi a riguardo.
Le vittime non erano riportate nel database CPI-CIT.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): La strage è stata a lungo condannata all’oblio, sino alla pubblicazione dell’opera di Beppe Muraro, Ferrazze 26 aprile 1945. La ricerca è stata sostenuta dal Comune di San Martino Buon Albergo e dall’Istituto veronese per la storia della resistenza e dell’età contemporanea, in occasione del 60° anniversario dell’episodio.

Scheda compilata da ANDREA MARTINI
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-18 13:43:33

Vittime

Elenco vittime

Belluzzo Giusepe (o Gino) nato ad Altissimo (Vicenza) il 9-9-1890 di Michelangelo e Angela Dal Cengio. Ucciso alle ore 15,30 del 26-4-1945;
Belluzzo Mario (o Luigi) nato a San Giovanni Lupatoto (Verona) il 14-10-1927 di Giuseppe e Maria Dal Cortivo. Ucciso alle ore 15, 30 del 26 -4- 1945;
Castagna Luigi nato a Marcellise (Verona) l’1-4-1889 di Michele e Rosa Pasetto. Ucciso alle ore 15,30 del 26-4-1945;
Gugole Bruno (o Riccardo) Ucciso alle ore 15,30 del 26-4-1945;
Rossi Danilo nato a Zevio (Verona) il 22-2-1926 di Luigi e Stella Gobetti. Ucciso alle ore 15,30 del 26-4-1945;
Rossi Gino nato a Zevio (Verona) il 21-1-1925 di Luigi e Stella Gobetti. Ucciso alle ore 15,30 del 26-4-1945;
Scandola Otello nato a San Martino Buon Albergo il 7-10-1928 di Giuseppe e Lucia Piccoli. Ucciso alle ore 10,00 (o 15,30) del 26-4-1945;
Tosi Giovanni detto “Nane” nato a San Bonifacio il 3-8-1891 di Michelangelo e Luigia Arvedo. Ucciso alle ore 15,30 del 26-4-1945;
21 soldati georgiani restati anonimi, uccisi in località Feniletto, frazione delle Ferrazze (San Martino Buon Albergo – Vr), il 26.4.1945.

Elenco vittime civili 8

Belluzzo Giusepe
Belluzzo Mario
Castagna Luigi
Gugole Bruno
Rossi Danilo
Rossi Gino
Scandola Otello
Tosi Giovanni

Elenco vittime disertori 21

21 soldati georgiani restati anonimi

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a San Martino Buon Albergo, ponte Ferrazze

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: San Martino Buon Albergo, ponte Ferrazze

    Anno di realizzazione: 2006

    Descrizione: Sul ponte delle Ferrazze, vi è una lapide in ricordo della strage. Fu posta il 26 aprile 2006 dal Comune di San Martino Buon Albergo.

  • lapide a San Martino Buon Albergo, via 26 aprile

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: San Martino Buon Albergo, via 26 aprile

    Descrizione: A San Martino Buon Albergo in ricordo dell’episodio vi è una via “XXVI aprile” e una targa commemorativa.

Bibliografia


Beppe Muraro, Ferrazze 26 aprile 1945. Il silenzio e la memoria, Cierre, Verona, 2005;
Elena Carcano, Oltre la soglia. Uccisioni di civili nel Veneto. 1943-1945, Cleup, Padova, 2007, pp. 367;
Jean Pierre Jouvet, Le vittime civili nella Resistenza, in Brugnoli G. (a cura di), I civili nella Resistenza. L’apporto popolare nelle guerre di liberazione dal primo Risorgimento al 25 aprile, Roma, 1995, p. 169.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti