SANT’ANGELO D’ALIFE 21.10.1943

(Caserta - Campania)

SANT’ANGELO D’ALIFE 21.10.1943

SANT’ANGELO D’ALIFE 21.10.1943
Descrizione

Località Sant'Angelo d'Alife, Sant'Angelo d'Alife, Caserta, Campania

Data 21 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 2

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Numero vittime donne 1

Numero vittime donne adulte 1

Descrizione: Ubicata tra le linee difensive Viktor e Barbara, nel mese di ottobre 1943 fu teatro di atti di violenza contro i civili.
Dal 26 settembre i tedeschi iniziarono la requisizione di bestiame e di derrate alimentari, seguite dal rastrellamento degli uomini: molti si nascosero sulle colline circostanti.
In applicazione delle ordinanze relative alla “terra bruciata”, i genieri minarono e distrussero numerose abitazioni ed edifici pubblici, tra cui quello dell’ammasso in località Taverna, ponti e strade.
Un gruppo di giovani compì anche azioni di disturbo riuscendo a catturare alcuni soldati tedeschi.
Non sono note le cause e le modalità di uccisione dei due civili. È molto probabile che durante le azioni di ripiegamento essi si trovassero in aree interdette ai civili.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: minamenti e esplosioni

Tipo di massacro: ritirata

Scheda compilata da Giuseppe Angelone
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-09-07 14:45:30

Vittime

Elenco vittime

Lombardi Antonio
Robbio Rosa

Elenco vittime civili 2

Lombardi Antonio
Robbio Rosa

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Sconosciuto Grösser

    Nome Sconosciuto

    Cognome Grösser

    Ruolo nella strage Autore

    Stato sospettato in quanto unico reparto presente nella zona

    Note responsabile Tenente colonnello comandante Pz.Gren.Rgt. 8 Responsabili delle uccisioni del 21-22 ottobre potrebbero essere stati soldati appartenenti alla 14. compagnia, aggregata al comando, o alle compagnie 7. e 8. del II./Pz.Gren.Rgt. 8. In quei giorni, infatti, questa unità combatté nell’area centrale del settore di pertinenza della Kampfgruppe MOELLER. Negli elenchi delle perdite tedesche (Namentliche Verlustmeldungen, NVM) conservati al DD(Wast) di Berlino, risultano registrate numerose perdite, con alcuni morti, delle menzionate compagnie tra il 22 ed il 23/10/1943. Su una Lagenkarte del 22 ottobre il comando del II./8 appare attestato proprio tra Sant’Angelo d’Alife e Raviscanina.

    Nome del reparto nazista Wehrmacht

    Nome del reparto II./Panzer-Grenadier-Regiment 8/3. Panzer-Grenadier-Division/Kampfgruppe Moeller/XIV. Panzerkorps

  • Sconosciuto Moeller

    Nome Sconosciuto

    Cognome Moeller

    Ruolo nella strage Autore

    Stato sospettato in quanto unico reparto presente nella zona

    Note responsabile Capitano comandante Kampfgruppe Moeller. Responsabili delle uccisioni del 21-22 ottobre potrebbero essere stati soldati appartenenti alla 14. compagnia, aggregata al comando, o alle compagnie 7. e 8. del II./Pz.Gren.Rgt. 8. In quei giorni, infatti, questa unità combatté nell’area centrale del settore di pertinenza della Kampfgruppe MOELLER. Negli elenchi delle perdite tedesche (Namentliche Verlustmeldungen, NVM) conservati al DD(Wast) di Berlino, risultano registrate numerose perdite, con alcuni morti, delle menzionate compagnie tra il 22 ed il 23/10/1943. Su una Lagenkarte del 22 ottobre il comando del II./8 appare attestato proprio tra Sant’Angelo d’Alife e Raviscanina.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Sant\'Angelo d\'Alife

    Descrizione: Monumento ai Caduti di tutte le guerre

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Sant\'Angelo d\'Alife

    Descrizione: 4 Novembre

  • Click here to learn more

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Ubicazione: Sant\'Angelo d\'Alife

    Anno di realizzazione: 1975

    Descrizione: Diploma di merito con Medaglia di Bronzo (25/04/1975), in occasione del “30° della Resistenza e della Liberazione”

  • monumento a Arcevia, giardini G. Leopardi

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Arcevia, giardini G. Leopardi

    Anno di realizzazione: 1964

    Descrizione: Monumento al Partigiano di Arcevia, sotto ai giardini pubblici “Giacomo Leopardi”, autore Romolo Augusto Schiavoni (inaugurato il 10/05/1964).

Bibliografia


Giuseppe Capobianco, Il recupero della memoria. Per una storia della Resistenza in Terra di Lavoro - autunno 1943, Edizioni scientifiche italiane, Napoli, 1995

Giuseppe Capobianco, La giustizia negata. L’occupazione nazista in Terra di Lavoro dopo l’8 settembre 1943, Centro Corrado Graziadei, Caserta, s. d. [1989]

Michele Carullo, L’autunno del ’43 a S. Angelo d’Alife, in Giuseppe Angelone (a cura di), «Sant’Angelo d’Alife e la guerra nel Medio Volturno nel 1943», atti del convegno (9.11.2013), 2a edizione ampliata, Autorinediti, Napoli 2008

Felicio Corvese (a cura di), Erba rossa. Mostra documentaria e fotografica sulle stragi naziste del 1943 in Campania, catalogo, Istituto Campano per la Storia della Resistenza “Vera Lombardi”, Napoli, 2003

Felicio Corvese, L’autunno di sangue in Campania, in «Resistenza/Resistoria», Bollettino dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza “Vera Lombardi”, n. s., 2/2004, pp. 29-34

Felicio Corvese, La guerra nazista contro i civili dell’autunno 1943 nella Campania settentrionale, in «Resistenza/Resistoria», cit., terza serie, 2007-2008, pp. 117-139

Dante B. Marrocco, La guerra nel Medio Volturno nel 1943, Tipografia Laurenziana, Napoli 1974

Sitografia


Carlo Gentile, Itinerari di guerra: la presenza delle truppe tedesche nel Lazio occupato 1943-1944, Pubblicazioni online dell’Istituto Storico Germanico di Roma, Roma, s.d.

Fonti archivistiche

Fonti

BA-MA, RH 20-10/68K Lagenkarten (21/10 - 01/11/1943)
DD(WASt), Gren.Rgt. 8, NVM nn. vari