CORTONA 06-08.06.1944

(Arezzo - Toscana)

CORTONA 06-08.06.1944

CORTONA 06-08.06.1944
Descrizione

Località Cortona, Cortona, Arezzo, Toscana

Data 6 giugno 1944 - 8 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 8

Numero vittime uomini 8

Numero vittime uomini adulti 5

Numero vittime uomini senza informazioni 3

Descrizione: Il 6 giugno 1944 ebbe luogo una schermaglia tra un gruppo di partigiani e alcune truppe tedesche a Palazzo Patrizi, in località Montanare, vicino alla casa del prete, in cui un tedesco rimase ucciso. La mattina successiva verso mezzogiorno i tedeschi ordinarono al prete di lasciare la sua casa poiché stavano per incendiarla; la mattina presto dell’8 varie proprietà tra Valecchie e Montanare furono messe al fuoco. Un partigiano russo di nome Ber Bdont e un croato detto “Moscova” furono catturati mente dormivano in località Pianelli. Secondo il prete di Valecchie, li uccisero a colpi di fucile insieme ai loro compagni italiani Marco Vigi, Pasquale Attoniti, Pasquale Gallorini e Domenico Baldoni. Alla casa della famiglia Baldoni fu appiccato il fuoco, mentre Lazzaro Gallorini fu preso in ostaggio e portato al comando tedesco di San Angiolo in Metelliano per poi essere rilasciato per intercessione di un certo Luigi Valli. Altra vittima italiana fu Giuseppe Cuculi.
Il partigiano russo Vassili Belof venne invece portato su un autocarro a La Dogana a Pergo e impiccato ad un pino prima di essere finito con due colpi al collo. Il suo corpo fu lasciato appeso come monito per i passanti e non fu tirato giù fino al giorno successivo, quando venne seppellito nel cimitero locale.

Modalità di uccisione: impiccagione,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: incendio di abitazione

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Estremi e note penali: Procedimento contro Toppao di fronte alla CAS di Arezzo, chiuso il 5 dicembre 1946 con un non luogo a procedere.

Annotazioni: Secondo il prete di Matelliano, don Matteo Menchetti, il croato Moscova fu ucciso il 10 e non l’8 giugno, e lui stesso fu incaricato di rimuoverne il corpo e organizzarne la sepoltura.
Nel testo di Fulvetti si parla del 9 giugno e le vittime risultano tutte fucilate.

Scheda compilata da Marco Conti, Gianluca Fulvetti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-02-12 01:56:42

Vittime

Elenco vittime

Attoniti Pasquale, 35 anni.
Baldoni Domenico, 19 anni.
Bdont Ber, russo.
Belof Vassili, russo.
Cuculi Giuseppe, 21 anni.
Gallorini Pasquale, 24 anni.
Moscova, croato.
Vigi Marco, 17 anni.

Elenco vittime partigiani 8

Attoniti Pasquale.
Baldoni Domenico.
Bdont Ber.
Belof Vassili.
Cuculi Giuseppe.
Gallorini Pasquale.
Moscova.
Vigi Marco.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • altro a Cortona

    Tipo di memoria: altro

    Ubicazione: Cortona

    Descrizione: Via del Comune di Cortona intitolata al russo Vassili Belof.

Bibliografia


Janet Kinrade Dethick, I massacri di Arezzo. Una tragedia toscana, Duca della Corgna, Castiglione del Lago, 2005, pp. 68-69.
Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma, 2009, p. 114.

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti