BUCINE 07-11.07.1944

(Arezzo - Toscana)

BUCINE 07-11.07.1944

BUCINE 07-11.07.1944
Descrizione

Località Bucine, Bucine, Arezzo, Toscana

Data 7 luglio 1944 - 11 luglio 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 21

Numero vittime uomini 21

Numero vittime bambini 1

Numero vittime uomini adulti 16

Numero vittime uomini anziani 4

Descrizione: Due soldati tedeschi rimangono vittime di un agguato partigiano nelle vicinanze di casa Rigoni in data 7 luglio. La notizia, arrivata all’ufficiale medico lì attestato, avvia una rapida rappresaglia contro i civili, assunta dai reparti di casa Rigoni e di San Salvatore.
Scatta il rastrellamento degli uomini presso il rifugio delle Cave: 6 di loro, indicati dal gesto della mano di uno dei soldati, sono condotti sul luogo dell’omicidio e due, Poggi e Savelli, sono accusati, senza alcun ragionevole motivo, di esserne gli autori e selvaggiamente percossi. Altri tre, catturati presso casa Borbotta, sono allineati contro il muro, ancora una volta con l’accusa di appartenere alle file partigiane: Isidori Giuseppe riesce a fuggire, mentre Romanelli e Isidori Pietro rimangono vittime dei colpi tedeschi. Tornati con gli ostaggi presso casa Rigoni, due sono liberati, mentre gli altri 4 sono trattenuti in arresto.
Un nuovo rastrellamento eseguito presso il tunnel di Poggiano segue lo stesso percorso: i 5 uomini scelti sono trasportati sul luogo del delitto e lì giustiziati. Due uomini, rifugiati nel bosco, sono prelevati ed eliminati con l’accusa di essere partigiani. Il giorno successivo, il parroco Don Vincenzo Ughi prega il comandante Hahm di rilasciare gli ostaggi di casa Rigoni: condotto sul posto, ottiene dal comandante medico la promessa di un colloquio con gli ufficiali superiori per la liberazione dei detenuti ed è qui trattenuto, perché sospetto di collaborazione con i resistenti. Ma, verso mezzogiorno, i quattro sono caricati su una camionetta e trasportati a Villa Rubeschi, tre sono costretti a seppellire i soldati morti e quindi a scavare un’ampia fossa per loro stessi; bastonati e allineati contro un muro, sono mitragliati. Il sopravvissuto, Poggi Ernesto è sottoposto a interrogatorio a Villa Rigoni, dove rivela, sembra senza alcun fondamento, la presenza di partigiani nella zona di San Leonino. Camuffato da soldato tedesco, è assunto come guida della nuova spedizione punitiva, attribuita ad una squadra speciale antipartigiana, guidata da Hartens e intrapresa la mattina successiva. Catturati e radunati nella piazza gli uomini di San Leonino, con l’eccezione del prete, giudicato troppo vecchio e di un uomo disposto a pagare la libertà con la somma di lire 50.000, i tedeschi, non soddisfatti, si disperdono per le campagne circostanti, raggiungendo casa Capalborgo, e giustiziando i suoi abitanti, uomini e donne, poi Poggio del Fattore, dove sono uccisi soltanto gli uomini, infine il Mulinaccio, dove gli uomini sono prelevati e trasportati in località Ristolli. Hartens, utilizzando come interprete un professore ebreo di nome Borghi Amerigo, dichiara l’obiettivo di rappresaglia che lo muove, minacciando nuove morti in caso di silenzio sulle posizioni dei partigiani: uno dei presenti indica la località di Duddova, che tuttavia Hartens giudica troppo lontana per essere raggiunta in quello stesso giorno. Poggi è pubblicamente accusato di aver fornito false informazioni ed ucciso davanti agli astanti, liberati perché riconosciuti innocenti civili. Ospitato al Mulinaccio per il pasto, Hartens e i suoi uomini si fanno accompagnare da Borghi a San Leonino, per chiudere l’operazione rappresaglia, certificando su di un piccolo pezzo di carta l’innocenza dei residenti del Mulinaccio. Arrivato sul piazzale antistante la chiesa, in cui erano radunati oltre un centinaio di uomini del paese, l’11 luglio Hartens dichiara di ritenere responsabili dell’uccisione dei due soldati i civili del posto e decide di inscenare una pubblica esecuzione, simile a quella di Poggi, accusando di resistenza e uccidendo Dante Bernini. Per l’occasione impiega lo stesso soldato per l’esecuzione e dirige la stessa modalità, ovvero un colpo di rivoltella all’altezza del collo. I civili sono provvidenzialmente salvati dall’intervento di aerei alleati che prendono di mira l’artiglieria tedesca.
Frattanto, due soldati tornano a casa Borbotta, pretendendo dalle donne presenti la somma di lire 10.000, prontamente fornite dalla signora Romanelli, ancora sconvolta dalla morte del marito.
La rappresaglia sembra configurarsi come un’escalation, culminante nell’esecuzione mancata di San Leonino, e dispersa sul territorio in modo da seminare il terrore con più ampio raggio.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,sevizie-torture

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: rappresaglia

Scheda compilata da Gianluca Fulvetti, Antonio Losi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-25 12:46:15

Vittime

Elenco vittime

Arrigucci Lido, 30 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Bernini Dante, 45 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Brogi Giuseppe, 36 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Ceccherini Oreste, 48 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Cellai Alfredo, 35 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Cellai Sabatino, 61 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Dell’amico Giorgio, 17 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Dell’amico Ugo, 45 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Fantini Attilio, 47 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Gambini Antonio, 40 anni. Ucciso in località Capannole e Villa l’11 luglio.
Gambini Silvano, 16 anni. Ucciso in località Capannole e Villa l’11 luglio.
Genti Ernesto, 36 anni. Ucciso in località Capannole e Villa l’11 luglio.
Isidori Pietro, 34 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Martinelli Santi, 62 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Mecucci Francesco, 29 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Mini Domenico, 35 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Poggi Ernesto, 37 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Romanelli Pietro, 66 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Romanelli Plinio, 23 anni, ucciso in località Campitello – Perelli Vignali il 7 luglio.
Spaghetti Giovanni, 17 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.
Spaghetti Giustino, 57 anni. Ucciso in località Ristolli e Poggio del Fattore il 9 luglio.

Elenco vittime civili 21

Arrigucci Lido.
Bernini Dante.
Brogi Giuseppe.
Ceccherini Oreste.
Cellai Alfredo.
Cellai Sabatino.
Dell’amico Giorgio.
Dell’amico Ugo.
Fantini Attilio.
Gambini Antonio.
Gambini Silvano.
Genti Ernesto.
Isidori Pietro.
Martinelli Santi.
Mecucci Francesco.
Mini Domenico.
Poggi Ernesto.
Romanelli Pietro.
Romanelli Plinio.
Spaghetti Giovanni.
Spaghetti Giustino.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Fallschirm-Panzer-Nachschub-Truppen “HG”

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Luftwaffe

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • onorificenza alla città a

    Tipo di memoria: onorificenza alla città

    Anno di realizzazione: 1975

    Descrizione: La comunità di Bucine è stata insignita il 05/02/1975 di Medaglia d’Oro al Valor Civile per le vittime e le violenze subite durante l’occupazione nazifascista.

  • monumento a Bucine, San Leonino

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Bucine, San Leonino

    Descrizione: Monumento ai caduti di San Leonino.

  • lapide a Bucine

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Bucine

    Descrizione: Lapide commemorativa di tutti gli uccisi nel 1944.

  • cippo a Bucine, via di Perelli

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Bucine, via di Perelli

    Descrizione: Cippo di Perelli (via di Perelli) del Comune di Bucine, relativamente ai seguenti nominativi: Ceccherini Oreste, Dell’Amico Giorgio, Dell’Amico Ugo, Fantini Attilio, Romanelli Plinio.

Bibliografia


Comune di Bucine e Regione Toscana, La carta storica e le memorie degli eccidi nazifascisti del giugno-luglio 1944 nel territorio del Comune di Bucine, Selca, Firenze, 2012.
Antonio Curina, Fuochi sui monti dell'Appennino toscano, Badiali, Arezzo, 1959.
Andrea Ensoli, Strage impunita – strage dimenticata – la rappresaglia nazista del 7, 8 e 9 luglio 1944 nel comune di Bucine, Edizioni dell’Assemblea, Regione Toscana.
Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma, 2009, p. 128.
Ivan Tognarini (a cura di), Guerra di sterminio e resistenza, Napoli, ESI, 1990.

Sitografia


http://memoria.provincia.ar.it/

Fonti archivistiche

Fonti

ASC Bucine, Atti.
ATM La Spezia, f. 115/95.
CPI, 31/5; 16/183.
CSIT, AUSSME, N 1/11, b 2132.
NA, PRO, WO 204/11478, Bucine.