SEMPRONIANO Zannoni 15.06.1944

(Grosseto - Toscana)

SEMPRONIANO Zannoni 15.06.1944

SEMPRONIANO Zannoni 15.06.1944
Descrizione

Località Semproniano, Semproniano, Grosseto, Toscana

Data 15 giugno 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Dal 1. febbraio 1944 agiva a Roccalbegna il distaccamento della formazione partigiana autonoma “Alta Maremma”. Guidato da Santi Bindi, si limitò inizialmente alla propaganda verso i giovani chiamati alle armi e passò all’azione militare solo alla fine di maggio. Nell’area di Samprugnano operarono anche alcune formazioni (tra cui la banda “Murci” del tenente Luigi Canzanelli) attive nel sud-est della provincia in un’area dall’Aurelia alle pendici dell’Amiata, confluite poco prima del passaggio del fronte nel 7. Gruppo bande (Raggruppamento “Monte Amiata”, settore B), comandato dal tenente Antonio Lucchini. Il 22 marzo 1944 proprio Canzanelli organizzò un’azione clamorosa a Samprugnano: l’attacco in tre punti del paese per la cattura del segretario del fascio locale Gioacchino Brinci e del maresciallo Guglielmo Faenzi. Tra le altre operazioni partigiane più rilevanti a Samprugnano vanno ricordate anche l’occupazione del locale silos (10 maggio 1944), il disarmo della caserma dei carabinieri (10 giugno 1944) e l’attacco alle colonne tedesche in ritirata (11 e 13 giugno 1944), con la cattura di soldati e il recupero di armi. A Roccalbegna, dopo l’occupazione del paese da parte dei partigiani il 10 giugno 1944, quando la liberazione pareva reale, la rappresaglia tedesca fu terribile e comportò la morte di ben sei civili, in quella che fu una tipica strage della ritirata (11 giugno 1944). Tre giorni dopo il paese fu liberato dagli americani della Task Force “Ramney”, mentre il 15 fu la volta di Samprugnano, dove si ripeté l’orrore nazista. Alle 13.30 le truppe tedesche in fuga presero alcuni abitanti in ostaggio, rinchiudendoli in una casa presso il molino Marani. Furono liberati in serata, ma l’agricoltore Mario Zannoni, che non imboccò la via per il paese, fu freddato dai militari germanici con colpi d’arma da fuoco e di baionetta o di pugnale. Stessa sorte era toccata a un altro agricoltore, Azelio Papini, ucciso di primo mattino da una raffica di mitraglia sparata da un’autoblinda posta oltre il ponte di via Monte Amiata.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: ritirata

Estremi e note penali: Ignoti militari tedeschi, denunciati dalla Legione Territoriale dei CC RR di Livorno. Titoli del reato: violenza con omicidio, art. 185 CPMG. Gli atti per l’istruttoria furono inviati al Tribunale militare territoriale di La Spezia, con elenco 2C/623 (25 febbraio 1966).
Il Giudice Istruttore del Tribunale Militare Territoriale di La Spezia, con sentenza n. 191 del 16 giugno 1967, deliberò di non dover procedere a carico di ignoti. Il fascicolo su questo episodio si ritrova nel Registro dei crimini nazifascisti in Italia (n. d’ordine 1069 e 1070), che fu occultato nel cosiddetto “armadio della vergogna” presso la sede della Procura generale militare di Roma, fino al suo ritrovamento nel 1994.

Scheda compilata da Marco Grilli
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-14 20:54:38

Vittime

Elenco vittime

Zannoni Mario, nato il 19 settembre 1906 a Roccalbegna (Grosseto), agricoltore.

Elenco vittime civili 1

Zannoni Mario.

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • museo a Grosseto, Via de’Barberi 61

    Tipo di memoria: museo

    Ubicazione: Grosseto, Via de’Barberi 61

    Descrizione: Mostra permanente dell’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’Età contemporanea (Isgrec): “Stragi nazifasciste nella provincia di Grosseto”, visitabile nella Biblioteca Francesco Chioccon dell’Isgrec, in Via de’Barberi 61, Grosseto.

  • monumento a Grosseto, Via de’Barberi 61

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Grosseto, Via de’Barberi 61

    Descrizione: Nel monumento ai caduti di Semproniano, realizzato nel 1930 all’interno dell’Oratorio di San Rocco, si trova una lastra dedicata ai morti della Seconda guerra mondiale, dove tra i caduti civili compaiono anche i nomi di Azelio Papini e Mario Zannoni.

  • luogo della memoria a Venezia

    Tipo di memoria: luogo della memoria

    Ubicazione: Venezia

    Descrizione: A Bruno Crovato e Augusto Picutti sono stati intitolati due campielli a Venezia.

Bibliografia


Roger Absalom, Paola Carucci, Arianna Franceschini, Jan Lambertz, Franco Nudi, Simone Slaviero (a cura di), Le stragi nazifasciste in Toscana 1943-45. 2. Guida alle fonti archivistiche. Gli archivi italiani e alleati, Roma, Carocci, 2004, pp. 189-190, cd allegato.
Giulietto Betti, Franco Dominici, Banda Armata Maremmana. La Resistenza, la guerra e la persecuzione degli ebrei a sud di Grosseto (1943-’44), Effigi, Arcidosso, 2014, p. 183.
Nicola Capitini Maccabruni, La Maremma contro il nazifascismo, La Commerciale, Grosseto, 1985, pp. 141-142.
Luciano Casella, La Toscana nella guerra di liberazione, La Nuova Europa Editrice, Carrara, 1972, pp. 189-192.
Centro studi “Fernando Di Giulio”, Resistenza e liberazione. Documenti e testimonianze dell’area amiatina, Arcidosso, 1995, pp. 40-42.
Comitato per le celebrazioni del XX della Resistenza, La Provincia di Grosseto alla macchia. Atti e documenti delle formazioni partigiane e del Comitato Provinciale di Liberazione Nazionale, Amministrazione provinciale, Grosseto, 1965, pp. 19-40, 155-161, 169-171.
Comitato Toscano di Liberazione Nazionale, 1943-’45, La liberazione in Toscana. La storia, la memoria. Testimonianze, ricordi dai comuni toscani, Giampiero Pagnini editore, Firenze, 1994, p. 129.
Comune di Roccalbegna, Roccalbegna 11 giugno 1944. Un giorno di un tranquillo paese tra la Maremma e l’Amiata, Effigi, Arcidosso, 2004.
Ernest F. Fisher Jr, Cassino to the Alps, Center of military history US Army, US Army in World War II, Washington DC, 1977, pp. 246-247.
Mimmo Franzinelli, Le stragi nascoste. L’armadio della vergogna: impunità e rimozione dei crimini di guerra nazifascisti 1943-2001, Mondadori, Milano, 2002.
Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma, 2009, pp. 94-95.
Carlo Gentile, Le stragi nazifasciste in Toscana 1943-45, 4. Guida archivistica alla memoria. Gli archivi tedeschi, Carocci, Roma, 2005, p. 93.
Marco Grilli, Per noi il tempo s’è fermato all’alba. Storia dei martiri d’Istia, Isgrec-Effigi, Arcidosso, 2014, pp. 131, 133, 135, 136, 153-157.

Sitografia


www.grossetocontemporanea.it
www.isgrec.it
www.radiomaremmarossa.it
www.regione.toscana.it

Fonti archivistiche

Fonti

AS Grosseto, R. Prefettura, b. 797, f. Relazioni della Resistenza.
AUSSME, N. 1-11 – Diari storici Seconda guerra mondiale, b. 2132, f. Documentazione atti di barbarie commessi dai nazifascisti in Italia centrale (Toscana, Umbria). Relazioni dei carabinieri.
ISGREC, Anpi, Serie I, b. 1, Manifestazioni celebrative per il 50° della Resistenza programmate e svolte nel corso dell’anno 1994, f. 17 Roccalbegna.
ISGREC, Anpi, Serie I, b. 39, Documenti sulla formazione partigiana Manciano, copie della relazione del comandante Antonio Lucchini sul raggruppamento Patrioti “Amiata”.
ISGREC, Anpi, Serie II, b. 17, Elenchi fucilati per rappresaglia dai nazifascisti; pratiche per pensioni ai discendenti; pratiche per sussidi ai familiari e per pensioni.
ISGREC, Cpln, b. 22, f. Roccalbegna.
ISGREC, Resistenza in Maremma, v. 4, Capitini-Maccabruni, Cartografia.
ISRT, Lelio Barbarulli, Relazione dell’attività svolta dal “Settore B” del Raggruppamento Monte Amiata.