Fossoli, Carpi, 25.06.1944

(Modena - Emilia-Romagna)

Fossoli, Carpi, 25.06.1944

Fossoli, Carpi, 25.06.1944
Descrizione

Località Fossoli, Carpi, Modena, Emilia-Romagna

Data 25 giugno 1944

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 6

Numero vittime uomini 6

Numero vittime uomini adulti 6

Descrizione: All’inizio dell’estate del 1944 la Resistenza modenese vive una stagione di notevole fermento. Mentre le formazioni della montagna danno vita alla Repubblica di Montefiorino e attirano diversi renitenti alla leva della RSI nel territorio libero, la pianura vede la crescita di consapevolezza e determinazione dei nuclei armati e la nascita di una rete di sostegno logistico alla lotta partigiana che complica gli scenari delle forze di occupazione. Il 24 giugno 1944 un gruppo di gappisti del Distaccamento “Aristide” – uno dei reparti più attivi della 65° Brigata “Walter Tabacchi” di Modena – prepara un attentato lungo la linea ferroviaria di Fossoli, uno snodo fondamentale sia per la posizione strategica nella pianura carpigiana, sia per la presenza del campo di raccolta più importante dell’Emilia Romagna. L’azione fa deragliare un treno militare nazista: questo incidente provoca la morte di due soldati tedeschi e il ferimento di altri cinque. Nelle ore successive all’attacco partigiano il comando del presidio militare germanico si avvale della collaborazione del Fascio di Carpi per redigere un elenco di sei cittadini, che vengono fucilati “per espiazione” il 25 giugno 1944 nel luogo in cui era avvenuto l’attentato. Questa rappresaglia non sazia il desiderio di vendetta degli occupanti: i tedeschi avviano un massiccio rastrellamento nel territorio di Carpi e i vertici del CLN, ricevuta la notizia, abbandonano la città per non essere arrestati, poiché la collaborazione dei fascisti garantisce il riconoscimento dei principali protagonisti della Resistenza.

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: In assenza di determinazioni più precise, si suppone che i comandi militari tedeschi di Carpi, Fossoli e Modena abbiano avuto un ruolo decisivo nell’esecuzione della rappresaglia. Il Partito Fascista Repubblicano di Carpi fornisce una collaborazione puntuale e solerte nella redazione dell’elenco delle vittime.

Scheda compilata da Daniel Degli Esposti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-13 20:46:20

Vittime

Elenco vittime

1. Rino Diacci: nato a Modena il 26 gennaio 1910, figlio di Enrico e Carmelina Battini, residente a Migliarina di Carpi, operaio, partigiano. Il 10 settembre 1943 aderisce ai primi gruppi che rifiutano l’occupazione fascista e pongono le basi per la costruzione dei GAP della I zona partigiana della pianura modenese, destinati poi a dare vita alla Brigata “Dimes” del Distaccamento “Aristide”; sceglie il nome di battaglia “Serpe”. Il 25 giugno 1944 è catturato dai tedeschi su indicazione dei fascisti di Carpi e viene fucilato nel luogo in cui il giorno precedente è avvenuto l’attentato ferroviario di Fossoli.
2. Roberto Galliani: nato a Quartirolo di Carpi il 11 maggio 1900, figlio di Casimiro e Melania Abrizzi, residente a Carpi, meccanico, partigiano. Il 1 maggio 1944 entra nella Brigata “Grillo” del Distaccamento “Aristide” con il nome di battaglia “Rodolfo”. Il 25 giugno 1944 è catturato dai tedeschi su indicazione dei fascisti di Carpi e viene fucilato nel luogo in cui il giorno precedente è avvenuto l’attentato ferroviario di Fossoli.
3. Olandino Montanari: nato a Carpi il 10 dicembre 1913, figlio di Patrizio e Maria Borghi, residente a Carpi, operaio, partigiano. Il 10 marzo 1944 entra nella Brigata “Dimes” del Distaccamento “Aristide” con il nome di battaglia “Gigli”. Il 25 giugno 1944 è catturato dai tedeschi su indicazione dei fascisti di Carpi e viene fucilato nel luogo in cui il giorno precedente è avvenuto l’attentato ferroviario di Fossoli.
4. Ugo Miselli: nato a Carpi il 27 aprile 1914, figlio di Tranquillo e Carmelina Pecchi, e residente a Modena, impiegato, partigiano. Dopo un’esperienza militare nei ranghi della fanteria del Regio Esercito, rientra a casa. Il 10 maggio 1944 entra nella Brigata “Stop” con il nome di battaglia “Vecia”. Il 25 giugno 1944 è catturato dai tedeschi su indicazione dei fascisti di Carpi e viene fucilato nel luogo in cui il giorno precedente è avvenuto l’attentato ferroviario di Fossoli.
5. Vito Pascale: nato a Bari il 12 settembre 1906, residente a Carpi, operaio, partigiano. Il 10 febbraio 1944 entra nella Brigata “Grillo” del Distaccamento “Aristide” con il nome di battaglia “Lelio”. Il 25 giugno 1944 è catturato dai tedeschi su indicazione dei fascisti di Carpi e viene fucilato nel luogo in cui il giorno precedente è avvenuto l’attentato ferroviario di Fossoli.
6. Giuseppe Panteri: nato a Carpi il 24 agosto 1893, residente nella frazione di Fossoli, civile. Il 25 giugno 1944 è catturato dai tedeschi su indicazione dei fascisti di Carpi e viene fucilato nel luogo in cui il giorno precedente è avvenuto l’attentato ferroviario di Fossoli

Elenco vittime civili 1

Giuseppe Panteri

Elenco vittime partigiani 5

Rino Diacci,
Roberto Galliani,
Olandino Montanari,
Ugo Miselli,
Vito Pascale

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • cippo a Fossoli, Carpi

    Tipo di memoria: cippo

    Ubicazione: Fossoli, Carpi

    Descrizione: Nel luogo della fucilazione è stato innalzato un cippo commemorativo.

Bibliografia


Comune di Carpi, Carpi per la libertà, pp. 25-27.
Marco Casarini, Modena M. Modena P., Roma, Editori Riuniti, 1955, pag. 85.
Ermanno Gorrieri, La repubblica di Montefiorino, Bologna, Il Mulino, 1970, pag. 33.
Franca Gorrieri, La Resistenza nella Bassa modenese, Modena, TEIC, 1973, pag. 94.
M. Pacor e L. Casali, Lotte sociali e guerriglia in pianura, Roma, Editori Riuniti, 1972, pag. 124.
Claudio Silingardi, Una provincia partigiana, Milano, Franco Angeli, 1998, pag. 334.
Ilva Vaccari, Dalla parte della libertà, Santa Sofia di R., Stab. Tip. dei Comuni per COOP Estense, 1999, pag. 560.

Sitografia


http://www.lager.it/fossoli.html
http://impressioniespressioni.blogspot.it/p/cippi-resistenti.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Campo_di_Fossoli
http://emilia-romagna.anpi.it/modena/calendario/1944_06.html
http://memoriadibologna.comune.bologna.it/pascale-vito-480033-persona

Fonti archivistiche

Fonti

Cronistoria del Gruppo Brigate “Aristide”, pag. 9.