Ponte Rotto Colli a Volturno 8-10-1943

(Isernia - Molise)

Ponte Rotto Colli a Volturno 8-10-1943

Ponte Rotto Colli a Volturno 8-10-1943
Descrizione

Località Ponte Rotto, Colli a Volturno, Isernia, Molise

Data 7 ottobre 1943 - 8 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime uomini adulti 1

Descrizione: Ubicato nell’Alto Volturno, lungo il tratto molisano della linea difensiva tedesca Barbara, il paese di Colli a Volturno, nei primissimi giorni di ottobre 1943, fu teatro di un episodio di violenza sui civili.
A partire dalla metà di settembre, i tedeschi avevano iniziato ad effettuare requisizioni di derrate alimentari, di bestiame - svaligiando pure negozi, autorimesse e case private - nonché rastrellamenti di uomini da utilizzare come manodopera per l’allestimento delle linee difensive.
Il 7 ottobre, i soldati catturarono 13 civili nell’abitato, conducendoli in un casolare ubicato in località “Ponte Rotto”, nei pressi della centralina dell’Ente Autonomo Volturno, dove si trovavano già altri 40 uomini prelevati da paesi vicini. Un diciassettenne, originario di Maddaloni, fu riconosciuto da uno dei soldati della squadra quale prigioniero fuggito, qualche giorno prima, da un luogo provvisorio d’internamento. Per tale motivo, venne percosso pesantemente con una spranga di ferro e costretto ai lavori forzati. Nel tardo pomeriggio, all’arrivo di un tenente, comandante della squadra, dopo aver riunito tutti i civili, il giovane fu chiamato in disparte e frustato dall’ufficiale, che ordinò la sua fucilazione per il giorno seguente, in quanto colpevole di evasione. Infatti, poche ore dopo, sfinito, fu ucciso con un colpo di pistola. Il cadavere fu sepolto sul posto da alcuni prigionieri, costretti a scavare la fossa. L’identificazione del giovane avvenne successivamente, perché sul luogo della sepoltura fu ritrovata la sua carta d’identità.
Tutti gli altri prigionieri, fatti passare tra due file di soldati, furono bastonati e frustati e, successivamente, impiegati per lavori forzati.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Trattamento dei cadaveri: Occultamento dei cadaveri

Tipo di massacro: ripulitura e desertificazione

Scheda compilata da Giuseppe Angelone
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-12-12 21:01:36

Vittime

Elenco vittime

Rasile Edoardo, n. 11/06/1926 a Maddaloni (CE), anni 17

Elenco vittime civili 1

Rasile Edoardo, n. 11/06/1926 a Maddaloni (CE), anni 17

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Herbert (o Hubert) Burgert

    Nome Herbert (o Hubert)

    Cognome Burgert

    Note responsabile L’unità responsabile delle uccisioni dovrebbe essere il 1° plotone della 6./Panzer Regiment HG. Il comandante del plotone (ZugFührer) era il tenente Burgert, il cui nome è stato associato ai fatti nel corso delle indagini preliminari.

Memorie
Bibliografia


F. Romagnuolo, La Resistenza del Molise, Milano, 1979

G. Artese, La guerra in Abruzzo e Molise 1943-1944, I-III, Lanciano-Teramo, 1993-1998

F. Andrae, La Wehrmacht in Italia. La guerra delle forze armate tedesche contro la popolazione civile 1943-1945, Roma, 1997

L. Klinkhammer, Stragi naziste in Italia. La guerra contro i civili (1943-44), Donzelli, Roma, 1997

G. Schreiber, La vendetta tedesca 1943-1945. Le rappresaglie naziste in Italia, Milano, 2001

G. Chianese, “Quando uscimmo dai rifugi”. Il Mezzogiorno tra guerra e dopoguerra (1943-46), Roma, 2004

G. Gribaudi, Guerra totale. Tra bombe alleate e violenze naziste. Napoli e il fronte meridionale 1940-44, Torino, 2005

G. Artese, La seconda Guerra Mondiale nel Molise. Le operazioni militari del 1943-1944, in L’Italia spezzata. Guerra e Linea Gustav in Molise, a cura di G. Cerchia e G. Pardini, «Meridione. Sud e Nord nel Mondo», a. VIII, n. 1, gennaio-marzo 2008, pp. 91-109.

M. Marzillo, Una popolazione sulla linea di confine, in L’Italia spezzata. Guerra e Linea Gustav in Molise, a cura di G. Cerchia e G. Pardini, «Meridione. Sud e Nord nel Mondo», a. VIII, n. 1, gennaio-marzo 2008, pp. 187-200.

N. Paone, Il Molise e la Guerra di Liberazione, Cerro al Volturno 2011

A. Laurelli, Resistenza, rappresaglie e distruzioni nell’alto Molise, in Il Molise e la guerra totale, a cura di G. Cerchia, Isernia 2011, pp. 309-340

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

CPI 10/11; 10/34
AUSSME, N 1/11, b. 2132 bis
DD (WASt), Ordre de Bataille HG